- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Piste&Pedane / CR7 ovvero meditiamo gente, meditiamo

Mercoledì 11 Luglio 2018

ronaldo-images 2


I tanti lati oscuri, non solo mediatici od economici, dell'arrivo di Ronaldo in Italia. Che sia l'avvio di un cambiamento?


di Daniele Perboni

 

Il titolo della rubrica è più che eloquente. In queste righe si parla, si scrive, si tratta di atletica. Italiana. Ma questa settimana, cari duecento lettori, abbiamo intenzione di fare “l’öv föra d’la cavagna” (l’uovo fuori dalla cesta). Ma nell’intento di non scontentarvi, accenniamo all’ottimo risultato conseguito dagli azzurrini ai recenti campionati europei under 18 di Gyor in Ungheria. Notevole il bottino, consistente in nove medaglie (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo), seconda piazza nel medagliere (alle spalle della Gran Bretagna) e terza nella speciale classifica a punti. Il tutto condito da due record nazionali di categoria: Lorenzo Benati nei 400 (46”85) e le ragazze della staffetta medley (Menchini, Cavalleri, Cappabianca, Gherardi).

Read more...

 

Terza pagina / UK-US: la prima volta a White City, 55 anni fa ...

Martedì 10 Luglio 2018

 

uk-usa-4x100 2


Il benvenuto piĂą affettuoso ad una grande firma del nostro giornalismo, con un ricordo sugli inizi della sua carriera.

 

di Gianni Romeo

 

Sabato 3 agosto 1963, aeroporto di Caselle, ore cinque e trenta, l’alba sta dipingendo l’orizzonte. Salgo sull’aereo per Milano, chissà se esiste ancora quel collegamento, 150 km che si rivelano una specie di luna park, il velivolo si impenna, va su, su, e appena ha toccato il cielo si getta in picchiata, Linate è già lì. Venti minuti di batticuore, per un giovanottino di 23 anni il battesimo dell’aria non è stato il massimo. Ma non c’era alternativa, un’ora dopo mi attende il volo per Londra. Il mio vocabolario inglese possiede una trentina di parole, ma a quell’età chi se ne frega?

 

Il quartetto britannico che quel sabato di agosto, superando gli USA con Bob Hayes in ultima (ma che ampiamente si rifarà a Tokyo), stabilì il "mondiale" della 4x110 yarde: 40"0 a 40"1 il responso. Da sinistra: Ron Jones, Peter Radford, David Jones e Berwyn Jones.

  

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Facce da schiaffi, tra orgoglio e pregiudizio

Martedì 10 Luglio 2018

tanjevic

 

Una estate italiana: tra Mondiali di calcio visti in TV e atletica giovane, spuntano sempre i problemi irrisolti del basket.

 

di Oscar Eleni

Non avendo più chiappe chiare da mostrare Eleni se ne torna in Lituania per il centenario dell’indipendenza nello stato baltico che è la reggia Sabonis dove il principe Jaskevicius fa meraviglie e non ha tradito per quattro talleri. Un posto fra cento mongolfiere di Kaunas più belle di quelle che ci ospitarono a Vilnius. Osservatorio per danzare fra mondiali di calcio, Wimbledon, saltando Silverstone e tutto quel rumore di lamiere contorte, cercando il fresco della Vandea con il Tour, riscoprendo un po’ di orgoglio italiano anche nell’atletica vista agli europei under 18 nella regione ungherese del transdanubio, senza dimenticare le solite catene del basket per questa baruffa che impone a Petrucci di essere con Sacchetti un po’ diverso da Tavecchio con Ventura.

Read more...

 
 

Saro' greve / Una storia (e tre grandi) da ricordare

Lunedì 9 Luglio 2018

 

 mennea-1977


E il saggio Viscusi ammonì: "Vedi, Pietro, se non vai forte non esisti, ... nessuno si ricorda già più di te, ...".


di Vanni Lòriga

La foto che apre questa puntata di “Sarò greve” fu scattata a Düsseldorf il giorno 3 settembre 1977. So che esistono nella storia dell’atletica italiana altri 3 settembre più importanti: basta ricordare quello del 1960 con la duplice-accoppiata di Livio Berruti (titolo olimpico e doppio record mondiale). Ma non su questa volevo attirare la vostra attenzione, ma sull'altra che troverete più avanti (scattata da Salvatore Massara). Pubblico questo documento per molti motivi. Li elenco. Il primo è che sono stato diffidato, da persona dedita all’elargizione gratuita e non richiesta di buoni consigli, dal riproporre la mia immagine. Che in questo caso mi colloca all’estrema destra. Il fisioterapista in piedi è il mitico Raffaele Viscusi, il paziente che si sottopone alle sue cure è un certo Pietro Paolo Mennea.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Il lusso si addice ai Signori degli Anelli

Lunedì 9 Luglio 2018

 milano-neve 2

Giochi della neve e del ghiaccio del 2026: se va avanti così finisce che li facciamo (e li paghiamo) in Italia.

 

di Giorgio Cimbrico

Se va avanti così, finisce come è capitato a quel pattinatore australiano di short track, Steven Bradbury: cadono tutti e uno diventa campione olimpico. Se va avanti così, sembra quel film, “1997 Fuga da New York”: quelli che possono, scappano da quell’orrore, ma uno compie il viaggio verso l’epicentro del pericolo ed è il terribile Jena Plinsky/Kurt Russell. In “2026 Giochi a ogni costo”, il personaggio principale è GM6: in questo caso il numero non è quello di maglia, ma l’anno del suo regno, il sesto di Giovanni Malagò, pontifex romanus ecclesiae gymnasticorum.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 10 of 273

Cerca