- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Fatti&Misfatti / Se anche a Palazzo ora aspettano Godot

Martedì 10 Aprile 2018

roggero

Uno sport che pretende d'essere diverso, ma poi è eguale a tutti quelli che si sono incatenati al professionismo.

di Oscar Eleni

Dalle sedie comode del teatro milanese Menotti dove ci siamo goduti davvero “1968 la storia narra lo sport”, il lavoro ben fatto di Nicola Roggero, bella voce SKY dove competenza e passione sono certificate dalla genuinità, cuore atletico, mente aperta, ricercatore di anime in tutti gli sport, lo ha fatto persino per il basket romano ai tempi i cui Piero Parisini, un genio indimenticabile, cercava di sanare una società incurabile. Un bel viaggio incontrando le rivoluzioni del tempo, i veri eroi in una battaglia dove gli sportivi erano in prima fila per cambiare davvero, per la libertà.

Read more...

 

Piste&Pedane / Il "profeta" Pastorini e le 50 candeline del Trofeo Frigerio

Martedì 10 Aprile 2018

giorgi 2

La vitalità della nostra marcia, con Eleonora Giorgi e Antonella Palmisano, certo. Ma c'è anche chi guarda al futuro.

di Daniele Perboni

Dove ci eravamo lasciati? Al mondo di mezzo delle corse su strada vero? Cosa scriveva il vostro narratore? Che in questo periodo impazzano le kermesse di ogni tipo, lunghezza e “colore”? Così è stato. Previsioni facili, le nostre, da chiaroveggente da fiera. Però è interessante notare che proprio in quest’ultimo fine settimana si son palesate al gran pubblico degli appassionati e dei “fruitori ultimi” di queste corse alcuni interessanti esseri. Certo, almeno due italiche creature hanno avuto la fantastica idea di scegliere l’identica data, senza contare la 42 di Parigi che, in quanto a numeri, ha surclassato le azzurre Roma e Milano (55.000 gli iscritti con 700 italiani). E non dimentichiamo Rotterdam, altra “grande” primaverile.

Read more...

 
 

Osservatorio / Candidature e altro: un paese fantastico l'Italia

Lunedì 9 Aprile 2018

duomo 2

A margine della nuova (triplice) proposta olimpica, qualche riflessione sul valore delle nostre organizzazioni internazionali.

di Luciano Barra

Bisogna dirlo: noi italiani siamo fantastici. Riusciamo sempre a capovolgere regole, realtà e prassi con una facilità impressionante. Altro che popolo di Santi, Poeti e Navigatori (frase del Duce in un famoso discorso a difesa dell’Italia, condannata dalla Società delle Nazioni per l’invasione all’Abissina): siamo e restiamo gli Artisti della fantasia. Questo sta accadendo a voler seguire la storia della (eventuale) nostra candidatura olimpica del 2026 e tutte le nostre avventure di organizzazione di manifestazioni sportive. Il tutto condito da un “mantra” assoluto rilanciato dai media: le nuove regole approvate dal CIO sotto l’etichetta delle riforme varate per l’assegnazione dei Giochi del 2020 e anche 2024/2028. Dietro questo “mantra” presto si spaccerà che i 100 metri dell’atletica vanno corsi all’indietro e quelli del nuoto tutti in subacquea.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Thomas E. Lawrence e lo sport dell'ardimento

Lunedì 9 Aprile 2018

lawrence

La memoria, sola ricchezza dell'anima, come antidoto contro i manichini del nostro tempo e i loro padroni e gestori.

di Giorgio Cimbrico

Se lo sport è ardimento e se siete d’accordo con questo concetto, vado avanti a proporvi pagine che amo e a cui dedico sempre maggior spazio. I manichini del nostro tempo, anabolizzati dal denaro, i loro padroni e gestori, i loro compiaciuti cantori mi piacciono sempre di meno. Anzi, non mi piacciono proprio. Così come non gradisco la proliferazione degli appuntamenti: oggi li chiamano eventi. In un tempo non lontano gli All Blacks atterravano come rondoni neri ogni morte di papa e nei 100 l’unica sfida che contava era la finale olimpica. Aveva ragione il marchese di Exeter, a lungo presidente della IAAF: “Vendetevi e sarete finiti”. Si sono venduti.     

Read more...

 
 

Saro' greve / Quei ragazzi del '68 e il mito della non violenza

Lunedì 9 Aprile 2018

ottoz-1

Cinquant'anni fa i Giochi del Messico, ma anche (e soprattutto) la svolta per i diritti civili nel nome di Martin Luther King.

di Vanni Lòriga

Questa volta non debbo essere “greve” e cercherò invece di essere “bravo” e soprattutto serio. Non posso infatti dimenticare che mezzo secolo fa, proprio nella prima decade di aprile, avvennero fatti e si verificarono situazioni che sono passati alla storia. Il 4 aprile 1968 a Memphis venne ucciso Martin Luther King, leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani. Il 7 aprile venne dichiarato giorno di lutto nazionale e due giorni dopo si celebrarono i funerali dell’Uomo che era il simbolo della “non violenza”. Parteciparono centinaia di migliaia di persone, così come era già successo il 28 agosto del 1963 a Washington nella famosa marcia che fu eternata con la storica frase: “I have a dream…”

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 3 of 248

Cerca