- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Fatti&Misfatti / Il sale brucia sulle ferite

Venerdì 31 Gennaio 2020

 

basket-rete


“Certo contro i bavaresi, allenati bene da un serbo, la Milano paziente ad un certo punto era pronta a far traslocare i suoi campioni del basket dalla comoda sistemazione a City Life alle case popolari”.

Oscar Eleni

Emissario segreto di metal Jacket Messina in Bolivia per trovare un posto adatto al prossimo precampionato dell’Armani. Trovato. Salar de Uyuni, un mare di sale dove ci sono “occhi” che, secondo la tradizione Inca, inghiottono le carovane dove c’è infedeltà, finta dedizione al lavoro. In giorni dove la caccia all’untore ha sostituito lo sputtanamento via citofono, nella settimana della merla dove i merli sono rimasti neri per il caldo, in origine prima del rifugio nei camini erano bianchi, perché, anche se non si respira, qui il riscaldamento tira al massimo, vi confessiamo che vedendo l’ultima Armani contro il Bayern Monaco, che chiude la classifica di Eurolega (79-78 in rimonta), ci è venuta la tentazione, sul meno 20, di guardare una rivisitazione della favola di Biancaneve in chiave pulp, con Charlize Theron regina cattiva.

Read more...

 

Sport Universitario / In arrivo il tempo delle scelte

Venerdì 31 Gennaio 2020

 

matytusin 


Doping o meno, il dibattito sullo sport russo è sempre di moda. Ma c’è ora una novità che potrebbe rimettere tutto in discussione: l’arrivo al vertice di Oleg Matytsin, un uomo cresciuto nello sport universitario. Che cosa potrà cambiare?

Alberto Gualtieri

Era da un pò di tempo che discettando di sport internazionale e non, la domanda sul destino sportivo della Russia sorgeva spontanea almeno quanto il giudizio negativo, se non sprezzante, su quanto la vicenda del doping aveva da anni trovato albergo in quel Paese. La bufera “Doping di Stato” che ormai da tempo si era abbattuta sullo sport russo e che, ad opera dei vari organismi, a partire dalla WADA e dal CIO, aveva relegato lo sport russo ad un’attività di nicchia al di fuori delle competizioni internazionali. Parallelamente era sorta una forte curiosità sulle misure che il governo di quel paese avrebbe messo in atto per uscire da tale tragica situazione, tenendo conto che lo sport, soprattutto quello d’élite, è finanziato almeno all’80% dallo Stato.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Il contagio porta il contagio

Venerdì 31 Gennaio 2020


coronavirus 2


Non solo Nanchino. Se la paura sarĂ  la prossima frontiera cui tenderĂ  il CIO: i luoghi e le occasioni non mancano e le grandi TV potrebbero pagare a peso d'oro gare in programma a Ramallah, nello stretto di Hormuz, in Venezuela, nel Sud Sudan.


Giorgio Cimbrico

Per noi, nati nel dopoguerra, alimentati prima da Urania e dalle copertine di Karel Thole, sospeso tra Magritte e Dalì, poi dalle antologie curate da Fruttero e Lucentini – la prima, “Le Meraviglie del Possibile” è diventato un oggetto di culto tra vecchi, irriducibili ragazzi – per noi, dicevo, questo è uno scenario consueto, normale: quanti contagi, quanti quarto e quinto cavaliere abbiamo incontrato, quante rivolte urbane sino al crollo della civiltà e a un ritorno ai secoli bui abbiamo attraversato, in quante città invase dall’acqua per lo scioglimento dei ghiacci abbiamo navigato, quanta desertificazione abbiamo misurato, quante dittature abbiamo vissuto senza capire sino in fondo se erano di stampo nazista, di matrice staliniana, quante sovrappopolazione abbiamo dovuto valutare, quanto esaurimento del cibo e delle fonti di energia siamo stati costretti a constatare, a quante guerre fredde diventate incandescenti abbiamo assistito?

Read more...

 
 

Piste&Pedane / Prime schegge olimpiche, il gigante e la bambina

Giovedì 30 Gennaio 2020

 

fabbri 2

 

Mentre è in pieno svolgimento la stagione del cross, che si concluderà a metà marzo con i "tricolori", arrivano i primi segnali in chiave olimpica da parte del pesista Fabbri e dalla marciatrice Giorgi.

 

Daniele Perboni

Officiato il secondo rito pagano invernale, sui prati di San Vittore Olona, con l’instancabile Yeman Crippa nei panni del volontario agnello sacrificale, restiamo ora in attesa della replica tricolore che si celebrerà a marzo sulle terre toscane di Campi Bisenzio. Dopo i giochi celtici del Campaccio, della 5 Mulini (dove si è rivista in gran spolvero e senza paura una grintosa Nadia Battocletti), e della Vallagarina all’estremo est italico, non ci resta che soddisfare le malsane voglie di atletica volgendo lo sguardo su piste pedane e, perché no, sulle consuete strade che iniziano ad ospitare guerrieri instancabili, continuamente intenti a poggiare freneticamente un passo dopo l’altro a ritmi indiavolati.
 

Read more...

 
 

Italian Graffiti / Nomine ministeriali e regole del gioco

Mercoledì 29 Gennaio 2020

 

coni-46

 

Si apre un nuovo capitolo per "Sport e Salute" che da oggi - dopo le dimissioni di Rocco Sabelli - ha un nuovo presidente/AD: Vito Cozzoli. Difficile immaginare cosa potrĂ  cambiare per lo Sport italiano e, casomai, per il CONI. Proviamoci.

 

Gianfranco Colasante

 

A chi chiedeva se tutti si fossero detti d'accordo sulla nomina governativa di Vito Cozzoli - un funzionario del MISE calato alla testa di "Sport e Salute" -, il ministro delle politiche giovanili e dello sport, Vincenzo Spadafora, ha risposto lapidario: "Dialettica naturale, come tutte le nomine". Centrando, forse involontariamente, il punto. In effetti questa nuova nomina rientra in un pacchetto che ne comprende diverse altre, dall'Agenzia delle entrate alle Dogane. Legittimo, certo, considerato che il vero collante del governo giallorosso (PD e M5S) resta pur sempre l'assegnazione delle 300/400 poltrone degli enti di Stato e dintorni. Tanto piĂą nello scenario politico un po' arroccato quale s'è andato configurando dopo le elezioni in Emilia-Romagna e in Calabria. 


Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 7 of 394

Cerca