- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Italian Graffiti / Niente doping a Torino 2006, ma restano altre ferite

Domenica 17 Dicembre 2017

torino-plaza

di Gianfranco Colasante

Non se ne sono accorti in molti, ma nell'offensiva contro il doping russo passato e presente, il CIO ha trovato modo e tempo per informare che, dopo oltre dieci anni, si è finalmente concluso il programma di ricontrollo dei campioni biologici raccolti durante i Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006. Non male come tempistica. Infatti, lo scorso 13 dicembre, il sito del Comitato ha pubblicato una breve nota che, sotto il titolo "Reanalysis from Turin 2006 completed without any positive cases", afferma: "The IOC confirm that the reanalysis of all samples taken during the 2006 Olympic Winter Games in Turin has been completed, and this reanalysis did not result in any positive cases. There are no ongoing proceedings and this reanalysis process in now definitively closed". Si mette così la parola fine a una vicenda che all'epoca aveva sollevato non poche polemiche.

Read more...

 

Piste&Pedane / In attesa di Berlino '18, speriamo cada il muro

Giovedì 14 Dicembre 2017

samorin131 2

di Daniele Perboni

Di ritorno da Samorin, in Slovacchia, dove abbiamo assistito ai Campionati Europei di cross, la logica imporrebbe di scrivere su quanto accaduto in riva al Danubio. Ma, se non vi dispiace, e se vi spiace ci prendiamo la libertà di dissentire, faremo come ci pare …. Ai fatti atletici accenneremo di sfuggita. Alla fine però. "Lasciatemi sfogare", cantava Adriano Pappalardo, proprio come il sottoscritto. Una premessa. Facciamo questo mestiere da più di trent’anni e, per fortuna nostra, abbiamo anche avuto l’opportunità di scrivere su temi e intervistare personaggi totalmente avulsi dal mondo sportivo. Alcuni esempi? Partiamo dall’inizio e senza fare nomi: un condannato come fiancheggiatore delle Brigate Rosse; un magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia; un sindacalista che oggi guida il maggior sindacato nazionale; pretacci scomodi e sempre nell’occhio del ciclone; politici che hanno fatto parte di alcuni governi (non come ministri); sindaci; assessori regionali e provinciali; parlamentari.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Dibattito aperto: zuccata o guanciata?

Giovedì 14 Dicembre 2017

immobile 2

di Giorgio Cimbrico

Neppure lo schiaffo di Anagni, quello che Sciarra Colonna rifilò a Bonifacio VIII, ha avuto la risonanza della zuccata, zuccatina, non zuccata, guanciata, di Ciro Immobile a Burdisso: come è noto, nel calcio non c’è mai nulla di solidamente certo, di definitivo. L’episodio è stato visto dalle angolazioni più varie (neppure gli spari su Kennedy hanno avuto una copertura così completa), ha scatenato dibattiti accesi, proteste vibrate (le proteste sono sempre vibrate…), analisi con derive psicologiche: il nervosismo di Immobile è stato causato dalla mancata qualificazione al Mondiale, una ferita aperta, difficile a rimarginarsi?

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Come i ricchi (a volte) piagnucolano

Martedì 12 Dicembre 2017

sacchetti

di Oscar Eleni

Dall’angelica Pacific Palisade, un tempo regno di Rudy Bianchi, cestista Olimpia per amore, calciatore  e allenatore negli Stati Uniti per passione, e di Francesca dalle nobili origini nel mondo editoriale, che seppero consolarci per il mondiale perso ai rigori dall’Italia di Sacchi nell’unico viaggio fatto per la Voce che poi fu tradita e fatta chiudere. California senza sogni, con l’incubo incendi, terremoti, ma con la curiositĂ  di vederlo davvero il parto ideale che soltanto quelli abituati a quel mare, a quel sole, potevano immaginare: Il museo dei fallimenti. Bazzicando lo sport, i miasmi dello sport, ci sembrava terra di confine adatta.
Cara gente che soffrite il Natale come la Pasqua, adesso che si parla di “qualificazione storica” (porca vacca!) per la squadra maschile di curling che andrà alle Olimpiadi, sperando che si facciano perché in giro c’è aria da dottor Stranamore, vorremmo chiedervi se potete ancora accettare gli imbonitori che spacciano il nostro sport professionistico come qualcosa di alto livello.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Cinquanta anni dopo il Cleveland Summit

Domenica 10 Dicembre 2017

jabbar 2

di Giorgio Cimbrico

Cinquanta anni dopo il "Cleveland Summit", Kareem Abdul Jabbar parla di America, di razzismo, di Trump al potere in una meravigliosa e interminabile intervista con Donald McRae, del Guardian: la cosa migliore, in questi casi, è andare a cercarsi l’originale sullo sterminato sito, anche per imbattersi in un paio di memorabili foto bianco e nero scattate in quell’occasione. In una, da sinistra a destra, al tavolo dei relatori, appaiono Bill Russell, Alì, Jim Brown, stella della NFL, e un giovanissimo Kareem che si chiamava ancora Lew Alcindor e non aveva ancora abbracciato l’Islam; in un’altra, Alì stretto in un abbraccio tra Russell e Kareem, sembra un nano.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 1 of 217

Cerca