- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Fatti&Misfatti / Terra piatta attorno a noi

Lunedì 18 Marzo 2019


wierer-19 

Questi successi italiani nello sport alimenteranno il giardino degli scomposti: quello dove da un po’ di tempo non si riesce a capire se questi ori sono del vecchio regime o se quelli nuovi si sono già presi tutti gli onori.

Oscar Eleni

Con un mazzo di tulipani della Virginia davanti al bosco di Rasun Anterselva per chiedere allo spirito di Prucker di farci capire chi sono Dorothea Wierer, nata di Sotto, e Dominique Windish, nato di Sopra, nuovi campioni mondiali di biathlon, nella stessa giornata. Abbiamo bisogno di chiarezza in un momento triste perché queste note non saranno più motivo per chiamare Cino Marchese, grande di uno sport che lui aveva fatto diventare più moderno, dal tennis allo sci, appassionato del bello, dello stile, uomo che sapeva parlare ai campioni, i tanti che hanno lavorato con lui, ai brocchi come noi. Ci ha lasciato come il geniale Marenco del mondo mistico ed inimitabile di Arbore, Boncompagni, il suo fratello nel cosmo Nino Frassica.

Read more...

 

Saro' greve / In volo verso l'Isola del Tesoro

Lunedì 18 Marzo 2019


1995 goteborg 2


Non parliamo della Giamaica, ... ma dall'occasione offerta da un convegno sulla velocitĂ  organizzata in Sardegna sui tanti velocisti che vi sono nati e cresciuti. nell'Isola. Quasi una tendenza genetica.  

 
di Vanni Lòriga


Lunedì scorso mi sono imbarcato a Fiumicino, destinazione l’Isola degli uomini veloci. La Giamaica!? direte voi. Invece no, più semplicemente la Sardegna! E se avessi avuto qualche dubbio si è immediatamente fugato quando, per i sempre più meticolosi controlli all’imbarco, ho depositato sugli appositi vassoi effetti personali, computer, telefono, cinta dei pantaloni. Chi spicca sul fondo di quei contenitori? Un velocista in piena spinta. Naturalmente Filippo Tortu che ci augura buon viaggio, anche a nome di Fastweb che fra l’altro per un paio d’anni sarà sponsor della FIDAL. Ma non solo di lui si è parlato nella Tavola Rotonda organizzata dalla ASSEM (Associazione Sport Studi Educazione Motoria) di Cagliari presieduta dal Prof. Giuseppe Articolo e coordinata dal Prof. Franco Marcello. Il tutto si è svolto nella Aula Magna del Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II e nel suo Liceo Scientifico a indirizzo sportivo.

Read more...

 
 

I sentiero di Cimbricus / Italia-Francia, la "scarica" dei 101

Giovedì 14 Marzo 2019

 

trofeo 3

 

Strane coincidenze astrali dei numeri tondi per la vecchia sfida con i transalpini. In palio anche il Trofeo Garibaldi, dal valore artistico un po' essenziale, neanche fossero traversine plasticamente arrotolate.

Giorgio Cimbrico

Sabato, all’Olimpico, Italia-Francia, in un cumulo di ricorrenze: la 100ª partita nel 6 Nazioni, la 50ª su suolo italiano e romano, la 500ª degli azzurri ovali. Per caso o per una fortunata congiunzione astrale, contro i cugini (?), i transalpini, i Galli, i galletti, i più acerrimi avversari battuti solo tre volte in 84 anni di contatti, scanditi spesso da sfide che i francesi hanno affrontato con squadre marchiate con la lettera A o B: i “grandi” erano impegnati con le vecchie union, nel 5 Nazioni. Ora non è che godano di perfetta salute o abbiano piume magnificamente cangianti: se a Twickenham gli italiani ne hanno presi 57, i bleus ne hanno beccati 44. La scarica dei 101.

Read more...

 
 

Piste&Pedane / Cresce la voglia di Cross (non sprechiamola)

Mercoledì 13 Marzo 2019

 

venaria-19 2

 

La (breve) stagione delle campestri chiude a Venaria con una notizia incoraggiante: pare tornato l'interesse e cresce la partecipazione. Un segnale di un nuovo interesse da coltivare.

 

Daniele Perboni

 

Si torna da Venaria Reale, splendida reggia che fu dei Savoia, ed ora iscritta alla lista del “Patrimonio dell’umanità” dell’Unesco, con una quasi certezza: la base è viva e vitale. Le società, nonostante continue ristrettezze finanziarie (non tutte), carenze strutturali, pochi tecnici, dirigenti sempre più anziani, difficoltà di reclutamento, impianti inadeguati, hanno prodotto un vero spettacolo, emozionante, e, soprattutto, messo in evidenza grandi numeri. In due giorni di gare (9-10 marzo) oltre duemila atleti (quasi 3000 contando la categoria dei Master) hanno calpestato un percorso dimostratosi all’altezza dell’avvenimento e ampiamente meritevole di ospitare la rassegna europea 2021 per la quale gli organizzatori si sono ufficialmente candidati. Nulla è ancora deciso per quella data (Portogallo e Irlanda le sedi 2019/2020), ma le probabilità di successo sembrano buone. L’assegnazione verrà decisa dalla Federazione Europea a novembre di quest’anno.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Specchiandosi nelle facce dei giocatori

Martedì 12 Marzo 2019

 

caravaggio

 

"Ci si domanda sempre se un allenatore è in crisi quando i suoi professionisti fanno le faccine, in campo, in panchina, ammiccando all’agente protettore, alla vag vampira."


Oscar Eleni

Condannato all’esilio dalla tristezza nella sala del museo Kimbell a Forth Worth, Texas, accompagnato da Jeff Van Gundy che ha portato gli USA no dream team al mondiale per Popovich ed è forse l’unico nell’universo del basket ad applaudire la FIBA per le sciagurate finestre. Viaggio liberatorio senza incontrare leccapiedi. Voglia di andare altrove volendo bene al Djordjevic che si è messo in tasca la patata bollente Virtus, avendo grande affetto per Pino Sacripanti silurato dalle baralderie dell’epoca, licenziato, dicono, dalle “facce dei giocatori”. Per questo abbiamo lasciato Alberto a chi gli voleva bene davvero e siamo fuggiti in Texas per ammirare il quadro di un maledetto geniale: I bari del Caravaggio.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 1 of 314

Cerca