- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -
Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00



Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Atletica / (1) Dopo sessant'anni gli Europei tornano in Svizzera

Mercoledì 23 Luglio 2014


1954





LUCIANO BARRA


I Campionati Europei tornano in Svizzera dopo 60 anni. Infatti, la sesta edizione della rassegna si svolse a Berna dal 25 al 29 agosto del 1954. Proprio un mese prima che nella stessa città si concludesse la quinta edizione della Coppa Julius Rimet di calcio, oggi la FIFA World Cup. I due avvenimenti hanno in comune, oltre alla sede, una circostanza non comune: furono i due primi avvenimenti sportivi ad essere trasmessi in tutta Europa dall’Eurovisione. Un anno prima la Televisione aveva distribuito per la prima volta delle immagini Paneuropee con l’incoronazione della Regina Elisabetta II, trasmesse dalla BBC nonostante il parere negativo di Winston Churchill. La finale dei Mondiali di calcio fu un evento storico. Non avevo il televisore, lusso per quei tempi, così andai a vedere la finale a casa di parenti. Si scontravano due super squadre l’Ungheria di Ferenc Puskas (la stessa Ungheria che l’anno prima, in maggio aveva battuto l’Italia 3 a 0 nell’inaugurazione di quello che poi diverrà Stadio Olimpico, dopo essere stato fondato come Stadio dei Cipressi e, più tardi, Stadio dei Centomila) e la Germania Ovest, come veniva allora chiamata, di Fritz Walter.

Read more...

 

Impianti / Il futuro stadio della Roma tra pubblico e privato

Martedì 22 Luglio 2014

stadio

Pare che si vada complicando l'iter per costruire il nuovo stadio della AS Roma sui terreni dell'ex-Ippodromo di Tor di Valle di propretĂ  del costruttore Luca Parnasi. Motivo del contendere, per la veritĂ  piĂą d'uno, pare sia quel milione di metri cubi di contorno all'impianto che ha messo in allarme l'assessore all'Urbanistica Giovanni Caudo. La cittĂ  di Roma di problemi quotidiani ne ha a sufficienza per far si che la Giunta del sindaco Ignazio Marino (appena un po' sollevato dalla visita in Campidoglio del suo "fratello" newyorkese Bill De Blasio) non abbia tempo per annioiarsi. Tanto che viene da pensare, smaltiti gli entusiasmi per gli annunci dello scorso anno, se si erano valutati a pieno rischi e vantaggi, costi e ricavi dell'impresa. Sia da parte del club, come sul versante dei costruttori e del Comune. Era tutto chiaro in partenza o qualcuno mirava a trarne ritorni superiori alle attese? 

Read more...

 
 

Atletica / Eugene e Zurigo, traguardi d'estate ...

Lunedì 21 Luglio 2014

(gfc) Conclusi a Rovereto gli Assoluti n. 104. Attorno ai risultati ferve un dibattito che oscilla, come al solito, tra malevole e soddisfatto. Opinioni a confronto, non sempre serene, pare quasi un gioco di societĂ . Nel frattempo, nel pomeriggio di oggi, la FIDAL ha annunciato la composione della squadra per gli Europei - quelli veri - di Zurigo (12/17 agosto). Si tratta in totale di 79 elementi. Qualche giorno prima lo stesso settore tecnico eveva licenziato la squadra per i Mondiali Juniores che si svolgono ad Eugene, nell'Oregon. Qui i ragazzi saranno 49. Si tratta di numeri importanti: guardando le gare in TV, pur tra qualche spunto confortante (su tutti Federica Del Buono) non m'ero accorto che l'atletica italiana fosse tanto in salute e che, soprattutto, meritasse questo ampio ricoscimento. Si darĂ , ma allora l'esperienza da dover fare non conta? Certo, ... ma forse si è largheggiato, specie a livello assoluto. Sia pure in presenza di un'atletica europea che da tempo ha smarrito la strada della qualitĂ . Speriamo di sbagliarci, ...  
 

Atletica / Considerazioni in vista degli Assoluti di Rovereto

Martedì 15 Luglio 2014

greco_2


LUCIANO BARRA

Finita la scorpacciata calcistica bisogna rituffarsi nella realtà sportiva italica che entusiasmante proprio non è. A fine anno prometto un’analisi dettagliata dello status di salute in vista di Rio 2016, sperando che chi ha in mano le briglia si renda conto che va cambiato passo. Intanto, oer l'atletica, a fine settimana sono in arrivo i Campionati Italiani, aperitivo prima del piatto forte degli Europei di Zurigo di metà agosto. Resto un forte sostenitore dell’attuale presidente della FIDAL Alfio Giomi per un semplice motivo: lui, rispetto ai suoi predecessori, ha una passione e un fuoco interiore di cui l’atletica Italiana ha assoluto bisogno. Ma questo è sufficiente per far risorgere la nostra atletica? Certo che no. Servono le necessarie risorse e una struttura tecnica adeguata. Dal punto di vista delle risorse la FIDAL paga 8 anni di cura dimagrante da parte di un CONI che non riconosceva l’importanza dell’atletica come “madre culturale” di tutte le discipline sportive. Tutto ciò profittando dell’assenza fisica della FIDAL a livello politico-nazionale.

Read more...

 
 

Piste&Pedane (10) / In evidenza le ragazze: Pennella, Grenot, Trost

Giovedì 10 Luglio 2014

La settimana atletica si era aperta con la presentazione - in occasione dei suoi 80 anni - del libro autobiografico di Luciano Gigliotti (scritto con Claudio Rinaldi) "Mi chiamavano Professor Fatica". Alla festa di Salsomaggiore sono interventui i due atleti che Gigliotti ha portato al titolo olimpico della maratona: Gelindo Bordin e Stefano Baldini. Un bel modo per ricordare un periodo esaltante per la strada azzurra. Tornando all'atttivitĂ  su pista, mentre negli USA si disputavano i campionati nazionali, in Europa la stagione - con obiettivo rivolto ai continentali di Zurigo - è rimasta su toni bassi, se si fa eccezione per le due tappe della Diamond League (Losanna, 3 Luglio, e St-Denis, 5 Luglio). Trascurabile la presenza italiana, in Svizzera limitata alla 4x100 femminile ancora in cantiere (un anonimo 44"21), mentre a Parigi s'è visto il solo Daniele Greco fermatosi a 16.68, ottavo, assistendo da lontano ad una gara di medio livello. Per il salentino, restano le perplessitĂ  per la mancata traduzione in "cifre" ufficiali dei progressi in allenamento. Vediamo ora nel dettaglio gli spunti degli ultimi giorni.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 1 of 72

Cerca