- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

  Direttore: Gianfranco Colasante   

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)





Fuorionda / Chi e' senza peccato scagli la prima pietra

Mercoledì 25 Maggio 2022

 
         sinner

Money, money, money cantavano gli Abba qualche anno fa. L’età dell’innocenza, purtroppo, nello sport è finita da un bel po’. Ma ora si sta andando oltre: che dire dei 418 miliardi di dollari pagati dalle tv per Tokyo 2020?

Gianluca Barca

“Ohibò…!” direbbe perplesso Carlo Airoldi, uscendo in questi giorni dalla tomba dove riposa dal 1929. Alla Milano-Barcellona del 1895, gara di marcia in dodici tappe, il podista Airoldi, vincitore, fu premiato con 2.000 pesetas, circa 300 euro al valore di oggi. La scorsa settimana Yannick Sinner, tennista altoatesino di vent’anni, ha firmato con la Nike un contratto del valore di 150 milioni di euro per i prossimi dieci anni. Times they are a changin’ cantava Bob Dylan.

Read more...

 

I sentieri di Cimbricus / La sfida stellare e il nuovo stop di Marcell

Martedì 24 Maggio 2022

 

kerley-22 


S’annunciava la sfida dell’anno, un 7 contro 1 dagli esiti imprevedibili, prima che il responso dei medici obbligasse un immalinconito MJ al palo. Ma l’atletica è questa. Un impareggiabile crogiolo di emozioni, anche in negativo.

Giorgio Cimbrico 

Nel 1991 la finale di Coppa Europa – si chiamava ancora così – era al Waldstadion di Francoforte sul Meno, appiccicata al meeting di Villeneuve d’Ascq, programmato stranamente il lunedì. In realtà c’era una ragione: quel 1° luglio cadeva il trentesimo compleanno di Carl Lewis. Gli organizzatori si erano dati da fare per festeggiare degnamente l’evento e nel cartellone i 100 erano presentati come la rivincita di Seul ’88. Big Ben Johnson era tornato a gennaio, ad Hamilton, Ontario, buscandole sulle 60 yarde da Darron Council che, oltre a correre, nella sua contea faceva lo sceriffo. Per un condannato, un avversario e un giustiziere perfetto. 

Read more...

 
 

Duribanchi / Piu' che di verita', e' tempo di rifondare

Martedì 24 Maggio 2022

 

juve-ci22 


Nessuno dice la verità. E cioè che la guerra durerà ancora lungo. Che in Ucraina si continuerà a morire. E che in Europa i buchi della cinghia diventeranno più numerosi. Non si dice che l’Italia è il ‘ventre molle’ dell’Occidente. Intanto, nello sport …

Andrea Bosco

Silvio Belusconi è amico di Putin e non dice la verità: E si può intuire il perché. Matteo Salvini è un ammiratore di Putin e anche lui non dice la verità. E si può comprenderne il motivo. Giuseppe Conte ha intrecciato rapporti di vario genere con Putin e anche lui rifugge dalla verità. Il perché è assodato. Molti media si sono fatti, in proposito, una domanda retorica: questi signori sono in debito con Putin? Quali crediti ha Putin nei loro confronti? Si chiama domanda retorica quella che ha insita la risposta. In questo caso non serve scomodare monsieur de Lapalisse.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Affogando nel bagno turco

Lunedì 23 Maggio 2022

 

basket-ball1


“Questo è il mondo che si sono scelti ed è colpa loro se nelle Federazioni, nelle organizzazioni, nei club, comandano quelli del partito unico voluto dal marchese Del Grillo. Tutti fintamente religiosi, i capi, tutti fintamente democratici.”

Oscar Eleni

Elettrizzato dalle risalite di Ciccone, stupito da Pioli e dal giovane Milan, immerso in un lago vulcanico della laguna Cuicocha, nell’Ecuador andino, per sapere se Carapaz può vincere anche questo Giro d’Italia che ritrova corridori di casa nostra nei giorni in cui perdiamo due finali importanti con la santa pallavolo sul campo di Lubiana. Dite la verità, non vi aspettavate un giro così largo per stare lontano da miasmi di maggioranze che si comprano o si vendono, da chi riesce a spiegare tutto negli orrori di guerre dove marciremo, qui in Europa, ma anche altrove se davvero i “grandi” della terra si morsicheranno mostrando il loro pene atomico più letale di quello dei nemici, per tenersi territori, violare trattati, frontiere. Non parliamo poi della fanghiglia per votazioni regionali.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Vecchi record e nuovi pretendenti

Lunedì 23 Maggio 2022

 

schult


Una notevole quantità di record, molti femminili, appartengono a un tempo lontano in cui il magistero tecnico andava a braccetto con quella che qualcuno ha chiamato magia nera o, più semplicemente, farmacia (o doping?).

Giorgio Cimbrico 

Quando Kristjan Ceh è venuto al mondo, nel ‘99, il record di disco – 74.06 di Jürgen Schult (nella foto) – aveva già 13 anni. Ora è avviato ai 36 e ha due pretendenti: il gigantesco e occhialuto sloveno e l’altrettanto gigantesco svedese – con radici per parte di nonna a Turku – Daniel Stahl: Ceh, entrato tra i primi dieci di sempre, è alto 2,06, Stahl, quinto All-time, è 2,00. Peso 125 l’uno, 140 abbondanti l’altro. Dal vecchio DDR, una ventina di centimetri più basso di loro, distano meno di tre metri Ceh (71.27 fresco di stampa a Birmingham), 2,20 Stahl, 71.86 tre anni fa a Bottnaryd, quelle piccole località così amate dai lanciatori.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 1 of 562

Cerca