- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Cinque Cerchi / Parigi 2024, la razionale scelta della nostalgia

Martedì 19 Settembre 2017

parigi-1924 2

di Gianfranco Colasante

La promessa più ardua da mantenere per il sindaco Anne Hidalgo, sarà rendere limpide le acque della Senna fino a potervi disputare, come previsto, le gare di nuoto libero. Ma c'è molto altro nella proposta francese per il 2024. Le foto giunte da Lima - 131. Sessione del CIO - al momento del "win. win, win" di Thomas Bach, hanno mostrato al mondo la forte commozione del sindaco di Parigi, dapprima dichiaratasi molto perplessa sul tema olimpico e poi convertitasi all'idea dopo gli attentati islamici. Infatti, se è vero che sulla nuova candidatura di Parigi (la quarta in un quarto di secolo) ha pesato il valore mediatico del centenario (nella foto, la cerimonia di apertura del 1924), è anche vero che il progetto sin dall'inizio ha puntato sull'eredità che i Giochi 2024 potranno lasciare alla città. Sull'esempio di Barcellona e di Londra, più che di Rio. E che, almeno a stare alle intenzioni, non paiono trascurabili.

Read more...

 

Fatti&Misfatti / L'eredita' dell'Europeo? Il ritorno del "Boscia"

Lunedì 18 Settembre 2017

slovenia 2

di Oscar Eleni

Dalla casa milanese degli spiriti vicina a via Washington dove è nato Sandro Gamba. Una palazzina di guerra. Contesa per la guerra. Era il consolato serbo. Dopo anni scoprirono che nel trattato di pace quella bella villa fra alberi secolari toccava alla Slovenia. Non ci sono mai entrati. Purtroppo sembra che l’abbiano ceduta. Forse nascerà un palazzo ad otto piani tanto per gradire, ma d’altronde, come diceva Celentano per la sua via Gluck, anche le giunte illuminate cedono al potere dei mattoni là dove c’era l’erba ... Premessa per giustificare il travestimento che abbiamo trovato domenica sera, in pieno diluvio, per vivere la finale europea del basket vinta meritatamente da una meravigliosa Slovenia sulla Serbia due, quella tradita da molte assenze e da Teodosic.

Read more...

 
 

Opinioni / Sport di squadra: ma cos'e' questa crisi?

Lunedì 18 Settembre 2017

settebello-17 2

di Luciano Barra

Recentemente ho guardato alcuni dei film di James Bond che Sky sta offrendo continuativamente su uno dei suoi canali del Cinema. Mi sono goduto particolarmente quelli interpretati da Sean Connery e Roger Moore, i veri 007, quelli con senso dell’humour britannico, dell’azione e delle belle donne. In uno di questi film si vede una riunione della SPECTRE dove il numero 1 chiede conto ai vari accoliti dei risultati economici delle azioni criminali da loro compiute. E ad un certo punto, dopo la relazione del n. 5, dice, su per giù, “non c’è sfuggito il risultato ma noi ci attendevamo molto di più”. E come reazione il capo della SPECTRE pigia un pulsante e il n. 5 scompare fulminato.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Come va letto il 57-0 agli Springboks

Domenica 17 Settembre 2017

rugby 2

di Giorgio Cimbrico

Chissà se le dame sudafricane emigrate a Auckland saranno andate dal capitano degli All Blacks  Kieran Read recando un sacchetto ricamato e annunciando con la contrizione del caso: “Ecco le ceneri del rugby sudafricano”, da conservare come uno scalpo, come il bottino finale di una lunga guerra, come il simbolo di una resa senza condizioni, quelle che piacevano al generale Ulysses Simpson Grant: U. S. sono anche le iniziali di unconditional surrender.

Read more...

 
 

Saro' greve / Dietro il 314 di Mennea i legami tra atletica e matematica

Domenica 17 Settembre 2017

archimede 2

di Vanni Lòriga

Anna Teresa Rogacien, una delle nostre più fedeli lettrici, nel commentare il “Sarò greve” dedicato al primato mondiale di Pietro Mennea mi fa notare che non ho dato risalto al suo numero di gara. Che era il 314. Tutti lo sanno come nessuno ignora chi sia Anna Teresa Rogacien. È un medico ricco di “scienza e conoscenza” che ha toccato il punto più alto della sua carriera come Primario nell’Ospedale Sant’Eugenio di Roma EUR dopo aver intrapreso la professione di sanitario presso la Scuola Nazionale di Atletica Leggera “Bruno Zauli” a Formia. Ha lavorato a lungo al fianco di Antonio Fava negli anni in cui lì c’erano tutti, dalla Simeoni a Mennea. Come donna di “coscienza” Anna non ti dirà mai nulla di loro che non sia di dominio pubblico; come donna di “scienza” sa tutto di tutto (o quasi).

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 1 of 196

Cerca