- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Cinque Cerchi / Dal conte Bonzi ad Arianna, il filo azzurro degli alfieri

Venerdì 3 Novembre 2018

olimpia-2018 2

di Gianfranco Colasante

Nel suo intervento all'Hilton di Praga (assemblea dei Comitati Olimpici Nazionali), Thomas Bach si è arrabbiato assai e ha tenuto a respingere con foga, parsa un po' eccessiva, la vulgata sempre più diffusa che il CIO e l'olimpismo in genere abbiano ormai contratto l'insanabile virus della corruzione. Accusando a sua volta i critici di ignoranza e prevenzione. Certo, stando agli ultimi fatti, arresti e processi e sospensioni, difficile non farsi venire qualche dubbio. Bach sostiene che a causa di alcuni casi non si può generalizzare e mettere sotto accusa tutto il movimento. Può darsi che abbia ragione lui. Ma resta un dato di fatto che nel XXI Secolo è arduo far convivere una realtà sempre più dipendente dal denaro (nell'ultimo quadrienno nelle casse del CIO sono affluiti più di 1000 miliardi di dollari) con gli ideali e i riti antichi che cercano di sollecitare l'immaginario con scenografie televisive.

Read more...

 

I sentieri di Cimbricus / Una tragica vena di indomita allegria

Venerdì 3 Novembre 2017

poppies

di Giorgio Cimbrico

Da qualche giorno la Gran Bretagna e lo sport britannico portano addosso i papaveri: i poppies che inondavano i campi di Fiandra, lo stesso colore del sangue che aveva irrigato quelle pianure, sono spillati sui baveri, cuciti sul petto, stampati sulle maniche ("The Thin Red Line" di Harold H. Piffard). Chi gioca, chi sta in panchina, chi assiste ce l’ha. Di carta, di metallo, non importa. Sono il segno di qualcosa che non può essere cancellato: l’assurdo bagno di sangue di Loos (perdite britanniche, 40.000; yarde guadagnate, zero: annunciava un cartello alzato da una trincea), di Passchadaele, dello Chemin des Dames, di Mons, di Ypres, di Messines, il tentativo di spallata sulla Somme quando 500 metri di progresso furono salutati dallo stato maggiore alleato come un eccellente progresso: costò 400.000 morti e feriti.

Read more...

 
 

Italian Graffiti / Universiadi 2019: arriva il commissario (forse)

Giovedì 2 Novembre 2017

pagnozzi 2

di Gianfranco Colasante

Un sospiro di sollievo per l'Universiade napoletana del 2019. Tutto risolto: arriva il commissario. Via i ritardi e, magicamente, i fondi (pubblici), le nomine, gli impianti, i trasporti, gli alloggi (vuoi mettere la trovatina dei transatlantici ormeggiati a Margellina?), ogni cosa va al suo posto e si prospetta un futuro di rapidità ed efficienza. E pazienza se toccherà lavorare anche di notte, alla "coreana", come ha anticipato l'immaginifico governatore Vincenzo De Luca, a capo dell'impresa in simbiosi con i baroni dell'università. Secondo la nostra migliore tradizione, che ci vede brillantissimi nel correre ai ripari, casomai in nome dell'emergenza. Ma se è ormai deciso che commissario sia, ancora qualche incertezza permane sul nome del personaggio. Che, ovviamente, dovrà essere persona di primissimo livello. Un nome a caso? Come annuncia il Roma sarà quello di Raffaele Pagnozzi.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Black Britannia: "Dio mio, ma sono nero?"

Martedì 31 Ottobre 2017

rashford 2

di Giorgio Cimbrico

Quando, meno di quarant’anni fa, Viv Anderson debuttò nella nazionale di calcio che ebbe la meglio sulla Cecoslovacchia, l’esordio del difensore del Nottingham Forest ebbe una certa eco: per la prima volta un giocatore di colore (a quel tempo si diceva così e nessuno gridava allo scandalo) vestiva la maglia con i tre leoni. Oggi la situazione è la seguente: Lewis Hamilton, nonno di Grenada, isola appena a nord di Barbados, è per la quarta volta campione del mondo di F1; Anthony Joshua, nigeriano che ha visto la luce a Watford, è campione del mondo dei massimi per due sigle e aspira legittimamente alla riunificazione del titolo; Maro Itojie, londinese dalle solide radici nigeriane, seconda e terza linea, sarà molto presto capitano della nazionale di rugby.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Nel mondo a spicchi la colpa e' del cavallo

Martedì 31 Ottobre 2017

pozzecco_1 2

di Oscar Eleni

Mendicante davanti alla casa di Pozzecco nella magia di Formentera dove, ce lo giura il Vanetti, il mattocchio sembra diventato anche un eccellente cuoco. Voglia di tenerezza dove aver letto sul Curierun la ricetta del Poz per un basket zeppo di stranieri e che si vende male. Filo rosso con la contestazione che parte da Bologna e arriva a Torino, trovando affinità sulla supercazzola di Amici miei, ad una Lega che chiude stalle svuotate dalla fuga di troppi buoi, una “famiglia” che si staccherà dal Federico Zurleni accolto come un messia e ora congedato, bene a dire la verità se la liquidazione supererà i 200 mila euro come si dice, più o meno come tanti altri che promettevano mari e si sono persi nei monti della mediocrità.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 6 of 212

Cerca