- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

  Direttore: Gianfranco Colasante   

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)





Piste&Pedane / Campionati Europei: la carica dei 116

Venerdì 31 Maggio 2024

 

logo-roma-europei-atletica 

Partecipazione record con 63 uomini e 53 donne per le 47 gare del programma. Una vetrina e una verifica in vista del ben più impegnativo esame di Parigi ’24. La prima parte della stagione autorizza ad attendersi almeno una ventina di medaglie.

Daniele Perboni

A una settimana dall’inizio dei Campionati continentali casalinghi (7/12 giugno), la Federazione ha comunicato i nomi degli atleti che vestiranno la maglia azzurra. Come già preannunciato la squadra conta di ben 116 unità, cifra mai toccata nelle venticinque edizioni sino ad ora disputate (con la “prima” tenutasi a Torino nel 1934, presenti solo gli uomini; per le ragazze si dovette attendere l’edizione successiva), con 63 uomini e 53 donne.

Read more...

 

I sentieri di Cimbricus / La curiosa storia del primo olimpionico nero

Venerdì 31 Maggio 2024

 

william-dehart-hubbard 


W.D. Hubbard si era messo in testa di vincere le Olimpiadi e stabilire il record del lungo. Lo aveva scritto alla madre prima di partire: “Il mio obiettivo si sta avvicinando: fare il meglio per diventare The First Colored Olympic Champion”.

Giorgio Cimbrico

L’8 luglio cadranno i 100 anni del primo campione olimpico nero: William DeHart Hubbard vinse il salto in lungo a Colombes, Parigi. Il giorno prima Harold Abrahams era diventato campione olimpico dei 100 e Robert LeGendre –, uno studente di Princeton dalle profonde radici francesi e in possesso di un inglese rudimentale –, era salito sul podio del pentathlon, terzo, e soprattutto, atterrando a 7.76, era diventato il nuovo primatista mondiale del lungo.

Read more...

 
 

Duribanchi / A pensare male si fa peccato, ma ...

Martedì 28 Maggio 2024


giustizia 


Authority? Potrebbe essere una svolta, specie per il mondo del calcio, incapace di governarsi e di dotarsi di regole decenti. A cominciare dalla riforma dei campionati o della giustizia sportiva. Ma tutto dipenderà dalla reale indipendenza.

Andrea Bosco

Lo sport ha regalato tante cose nel fine settimana. La vittoria (finalmente) della Ferrari a Montecarlo con lo Leclerc. La vittoria di Bagnaia in Spagna. Ha retrocesso crudelmente il Frosinone e ha escluso il Napoli, che due stagioni fa aveva vinto lo scudetto, da ogni competizione europea. E senza aver avuto un Chinè alla terga a segare la classifica a campionato in corso.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Per un po' d'aria fresca, citofonare Pogadar

Lunedì 27 Maggio 2024

pogacar-giro24

Un giro di chiglia in mondi sportivi che inseguono la storia studiando davvero, augurandosi di avervi ingannato abbastanza per non parlare del basket in gramaglie che cerca di volare alto con nuove divise e teme l'infermeria di Azzurra.

Oscar Eleni

Nel reparto squilibrati dello Utah, davanti alla scogliera di arenaria nel parco di Capitol Hill, cercando un citofono per chiamare Tadej Pogacar, obbligandolo a spiegare cosa mangiano e cosa bevono in Slovenia. Qualche segreto devono averlo se pensiamo che una Nazione così piccola ci regala campioni in quasi tutti gli sport, come direbbe il cestista Doncic che tenta di portare Dallas nelle finali NBA, come potrebbe confermare il nuovo dolcissimo cannibale del ciclismo, come ci ha spiegato mille volte Sergio Tavcar nelle sue telecronache, con i suoi libri.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / La diversa vitalita' del Miglio

Domenica 26 Maggio 2024

 

kerr-dl 


La sosta della DL in Oregon ha scritto pagine di qualità destinate a segnare la stagione. Al centro gli stordenti progressi sul Miglio, nuova occasione di scontro tra Josh Kerr e Jacob Ingebrigtsen. Prossime tappe: Roma e Parigi.

Giorgio Cimbrico

Josh Kerr, lenti scure e visione chiara, si lascia ancora alle spalle, come a Budapest, Jakob Ingebrigtsen, vince un Miglio che merita l’etichetta di memorabile e dopo quasi 39 anni abbatte di un secondo (3’45”34 contro 3’46”32) il record britannico –, ai suoi tempi “mondiale” –, di Steve Cram che commenta l’impresa per la BBC.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 6 of 691

Cerca