- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Fatti&Misfatti / Se alla prepotenza s'oppone l'incompetenza

Lunedì 13 Luglio 2020

 

foro mussolini 

 

“ … che cada Malagò insieme ai tanti filistei che non si erano accorti della invasione a Palazzo Acca, dei molti che criticavano il bell’uomo dell’Aniene per aver detto ahi quando quelli di Sport & Salute se ne sono andati col malloppo, …”

Oscar Eleni

Da una capanna nella foresta pluviale del parco Olympic, stato di Washington, vicino a Seattle, dove un giorno Laurell D’Antoni, la grande compagna di Mike, mito Olimpia, allenatore oggi a Houston, liberò i disperati inviati per un giochi senza frontiere sportivo inventato dai politici, facendoli addormentare sotto abeti di oltre 90 metri. Era una delle nostre tre vite: pubblica, segreta, privata. Nella foresta portando un libro profetico dello scozzese John Niven, il divertente “La lista degli stronzi”, una storia che vorremmo fosse vera, anche se lui prevede che nel 2026 a guidare gli Stati Uniti ci sarà Ivanka, la figlia di Trump che, per il protagonista del libro, deciso a far fuori tutti quelli che lo hanno rovinato, ha messo Donald mister arancio al primo posto nella lista dei delenda cartago.

Read more...

 

I sentieri di Cimbricus / Nuove frontiere e nuove bandiere

Venerdì 10 Luglio 2020

 

kuchina-2 2 


In un mondo globalizzato, i confini si fanno sempre più labili: più che altro ridotti ad entità geografiche. Tanto che nello sport, nell’atletica in particolare, i passaporti stanno diventando variabili occasionali.

Giorgio Cimbrico

Il mercato dell’atletica si è sviluppato su poche direttrici. Una è quella che ha portato un rilevante numero di kenyani, etiopi e nigeriani a gareggiare per il Qatar, il Bahrain e gli Emirati Arabi con indubbi vantaggi economici per gli atleti e le atlete e per i paesi cedenti. Sarebbe il caso di notare che tre acquisizioni del Bahrain – la siepista Jebet, la maratoneta Kirwa e la quattrocentista Adekoya – sono state pesantemente punte per positività al doping e che Salwa Naser (che non fa parte della campagna acquisti avendo un padre cittadino di quell’emirato) è stata fermata per aver saltato quattro controlli a sorpresa, ma tutto questo fa parte di un altro filone molto in vitro.


Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Ceneri che non finiranno nella polvere

Martedì 7 Luglio 2020

everton-weekes 

 

“Se rimangono tracce dell’Impero, è patrimonio del cricket, ancestrale passatempo per chi, dopo il lavoro nei campi, si ritrovava con gli amici e con un mazza piatta che serviva per battere il grano o il lino provava a centrare una palla piuttosto dura.”

Giorgio Cimbrico

Dal momento che qualcuno o molti o troppi si stanno divertendo a smontare la storia, io mi diletto a comportarmi come quando ero bambino, e così vado a prendere uno dei giochi che mi hanno regalato a Natale e che ho tenuto nella sua scatola (non è un’immagine inventata, non è un espediente letterario: adoro le scatole) e ne estraggo parte del contenuto. Bellissimo. Roba per amici veri e fidati. Naturalmente devo spiegare la ragione della mia decisione, della mia scelta: un fatto piuttosto recente di cronaca che nei giornali e nei siti britannici ha occupato vasto spazio (qui, nulla), la morte di sir Everton Weekes, Ordine Cavalleresco di san Michele e di San Giorgio, Ordine dell’Impero Britannico.

Read more...

 
 

Duribanchi / C’era una volta ... la musica dal vivo

Martedì 7 Luglio 2020

 

morricone 


La musica di Ennio Morricone è la nostra musica, italiana e insieme universale. Musica che identifica la scena di un film, più della stessa scena, un sipario che si alza su un mondo, segnando l’immaginifico musicale nazionale.

Andrea Bosco

Lui aveva il “dono”. Come quei cestisti che non hanno bisogno di “vedere” il canestro per segnare e gli basta “sentirlo”. Ennio Morricone aveva il dono della musica. Ho avuto modo di conoscerlo e di intervistarlo, durante i miei anni di lavoro alla RAI. Se n'è andato a 91 anni dopo una caduta. Sarebbe complicato raccontare per intero Ennio Morricone. Premi, successi, in Italia e negli Stati Uniti. Nella strada delle celebrità ad Hollywood c'è anche la sua stella: è la duemilacinquecento e rotti. Le sue musiche nei film. Che Ennio detestava sentir definire “colonne sonore”. Il suo sodalizio con Sergio Leone che prima faceva comporre le musiche e poi (stupendo Henry Fonda) girava le scene con i ritmi di Morricone in sottofondo. Le star di Hollywood erano abituate a Tiomkin le cui “colonne” venivano mixate alla pellicola in post-produzione a film concluso.

Read more...

 
 

Piste&Pedane / Tortu si, Tortu no: stagione olimpica in salita?

Martedì 7 Luglio 2020


tortu-rieti-20

 

Prudente partenza col freno a mano tirato o qualcosa di più, da analizzare e rivedere? Ma qualche domanda pare lecito porsela. Nel timore che l’esposizione mediatica (eccessiva?) finisca per offuscare il valore tecnico.

Daniele Perboni

Premessa, doverosa. A) il sottoscritto non ha nulla “contro” il divin piè veloce Pippo; B) il vostro cronista si premura di farvi sapere che non gioisce per il passo falso occorso (al divino) in quel di Rieti; C) la speranza nostra, come di tutti presumiamo, è che l’osannato, amato, prediletto giovin signore dello sprint nostrano sappia riscattarsi e ritornare a risultati cronometrici degni di tanta fama. Punto a capo. Alla luce di quanto scritto poc’anzi ci premuriamo di avvisarvi che quanto troverete nel prosieguo della scrittura non è una critica all’operato del clan Tortu (anche se non condividiamo appieno il dettato tecnico agonistico elaborato dal papà-allenatore), ma trattasi di considerazioni originate dopo, appunto, la poca consistenza tecnica scaturita alla “prima” agonistica. Ricordiamo: 10”28/+0,7 in batteria e 10”31/-0,1 in finale circa un’ora più tardi.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 6 of 421

Cerca