- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Osservatorio / Comitato di esperti o semplice COL?

Domenica 16 Dicembre 2018

 

palazzo chigi-scalone 2

 

Qualche considerazione a margine della strana istituzione del Comitato Grandi Eventi. Che sia solo una premessa?

 

di Luciano Barra


SportOlimpico ed altri hanno già evidenziato le stranezze del decreto con cui la Presidenza del Consiglio ha istituito il “Comitato per la promozione di eventi sportivi di rilevanza nazionale e internazionale”. Merita leggerlo con più attenzione perché c’è molto di più oltre a quanto già sottolineato e il di più fornisce segnali molto più preoccupanti se non proprio orripilanti. Intanto va rilevata una iniziale scorrettezza formale (o istituzionale?) visto che il Sottosegretario Giorgetti se lo scrive e se lo firma, ovvero se la suona e se la canta, quando sarebbe stato più decente che il decreto venisse firmato dal Presidente del Consiglio Conte, visto che con lo stesso decreto Giorgetti “norma” tutta una serie di competenze che riguardano lui e le strutture che da lui dipendono. Due esempi.

Read more...

 

Fatti&Misfatti / In Europa non conoscono il "prima gli italiani"

Sabato 15 Dicembre 2018

 

armani 2

 

Diciamo prima le italiane per stare al passo con chi gioca sui decimali per farci dimenticare i numeri primi.

 

di Oscar Eleni

 

Dalla galleria Poliart di via Gran Sasso a Milano dopo aver visto la mostra sulle Erosioni del neo ottantenne bolognese Paolo Conti, pittore, scultore, ma, per noi, anche grande giocatore di basket con Virtus, Varese e Nazionale. Ci siamo consolati con lui, la sua arte erosiva, della peggiore settimana europea delle italiane negli sport di squadra. Sì, certo, c’erano le ragazze di ferro a consolarci. Ochner nello snowboard, Wierer con la mira giusta nel biathlon, Quadarella ai mondiali di nuoto e persino Federica Pellegrini litigiosa con quelli che non hanno valutato bene, cara Fede i titoli sono sangue per chi li fa, il suo quarto posto nei 200 stile, il regno di una divina che al momento soffre come tutti i grandi a fine corsa o quasi.

Read more...

 
 

Piste&Pedane / La Torre? Buona la prima.

Giovedì 13 Dicembre 2018

 

battocletti-1 2

 

“Era difficile immaginare che potesse andare meglio di così. Brilla l’oro di Nadia ottenuto con una grande prestazione”.

di Daniele Perboni

Come annunciato, la settimana scorsa non sono andato a Tilburg per i Campionati Europei di cross. Non mi sono fatto raccontare quasi nulla dagli amici presenti in loco. Sono però riuscito a seguire le gare grazie alla diretta streaming, stranamente senza nessun disturbo. Immagini nitide e supportate da una ottima regia. La “nuova” Italia del Direttore Tecnico Antonio La Torre è tornata con uno storico oro di Nadia Battocletti, fra le Under 20, e un bronzo a squadre, agguantato grazie al rabbioso sprint finale di un motivatissimo Yeman Crippa (sesto nella classifica individuale).


Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Fischer, l'afrikaner comunista

Giovedì 13 Dicembre 2018

 

fischer 2

 

“Sono passati novant’anni da quando l’uomo senza tomba affrontò gli All Blacks. Ricordarlo è il minimo”.

di Giorgio Cimbrico


Bram Fischer, mediano di mischia, avvocato, comunista, traditore, martire. Il ringraziamento per aver svelato questa storia va al bel film (“Atto di difesa”), rigoroso, di produzione olandese e diretto da Jean van de Velde sull’uomo che evitò a Nelson Mandela e agli altri membri della “Lancia per la libertà” di finire al capestro, pratica comune in un Sudafrica in cui l’orrore della tortura, della cancellazione delle libertà più elementari, delle sparizioni, degli “strani” incidenti, della segregazione (le township come lager…) veniva quotidianamente praticato da un regime che può essere paragonato solo a quello nazista. Differenza: in Germania usavano la ghigliottina, non l’impiccagione.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / La sordida magia del numero Sette

Martedì 11 Dicembre 2018

 

giorgetti 2

 

Una chiave di lettura per dare un senso alla Commissione di Promozione Eventi Sportivi voluta e designata da Giorgetti.

 

di Giorgio Cimbrico


I magnifici sette, i sette contro Tebe, i sette saggi (ateniesi), i sette peccati capitali, le sette virtù teologali, i sette colli (fatali e romani, lo diceva anche il Capoccione di Predappio), le settebellezze (tutto attaccato), il rugby a 7, la Seven Up, Seven nel senso del film che non lascia respiro, con Brad Pitt e Morgan Freeman, i sette pilastri della saggezza di T. H. Lawrence, d’Arabia se volete, i sette mari (mai capitò perché si dica: i mari sono di più, gli oceani meno), il settimo sigillo. I sette nani, perchè no. E sette come il numero di maglia di Harry Potter quando gioca a Quidditch.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 1 of 297

Cerca