- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Osservatorio / Ma lo sport italiano somiglia davvero all'Alitalia?

Mercoledì 11 Dicembre 2019

 

coni-1


Una lunga catena di errori e di incapacitĂ  programmatiche, ed ora gli insipidi diktat di due Governi di opposto colore, stanno condannando lo Sport Italiano a perdere la sua identitĂ  e, soprattutto, la sua collocazione di vertice. Possibile che non si possa fare nulla per impedire che finisca come la compagnia di "bandiera"? 


Luciano Barra

Che brutto presentimento! Vedo lo sport italiano scivolare in basso come l’Alitalia, la nostra ex compagnia di bandiera. Quante similitudini e comuni denominatori. Con una piccola differenza che all’Alitalia sono serviti 20 anni, e tanti manager illuminati e ben pagati, per finire dove è finita. Allo Sport Italiano (maiuscolo, per rispetto), che ora non è più solo il CONI, ne stanno bastando solo due di anni. Quali i sintomi? Tanti, ma su tutti uno: la consapevolezza che dopo la seconda guerra mondiale grazie ad un politico e ad un dirigente sportivo ambedue illuminati ed ambedue di nome Giulio (Andreotti ed Onesti) e grazie a due leggi (quella istitutiva del CONI e poi quella sul Totocalcio) il CONI fu sottratto alle influenze politiche che l’avrebbero fatto diventare uno dei tanti carrozzoni pubblici fallimentari di cui oggi il Paese è cosparso. Oggi invece questo sta accadendo (è accaduto?).

Read more...

 

Duribanchi / Schiacciate vincenti e uomini di polsino

Martedì 10 Dicembre 2019

 

egonu 

 

A zonzo tra i fatti della settimana cercando conforto nella Tosca magnifica e negli exploit delle ragazze, dall'Egonu alla Pilato. Anche se il Paese, ignaro e giulivo, piroetta sempre sull'orlo del baratro.


Andrea Bosco

Trentuno, trentadue, trentatré: il braccio di Paola Egonu è un maglio. Il collega di Sky è in estasi. Il volley, a livello mondiale per club, parla italiano. Le ragazze di Conegliano in Cina hanno stappato prosecco. Nettare messo in pericolo dalle brame austriache sull'originalità del prodotto. Discussione antica: lo spritz veneziano fu portato sui tavoli del bàcaro “Il Calice” dove al pomeriggio si giocava a tressette dai marinai austriaci (prosecco e seltz) quando il Veneto faceva parte dell'Impero? Oppure la variazione successiva (prosecco e aperol) lo rende invenzione autoctona? Buone entrambe le versioni: spritz deriva dal tedesco spritzen che significa “spruzzare”. Ma l'Aperol è roba italiana.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Fuori dai Giochi: la spy story del momento

Lunedì 9 Dicembre 2019

 

doping-19

 

I fulmini della WADA si abbattono sullo sport russo: quattro anni di bando si traducono in esclusione dai Giochi asiatici, 2020 e 2022. Ma che potrebbero aprire la strada ad altre indagini. Sorprendenti.    

 

Giorgio Cimbrico

John Le Carrè ha 88 anni compiuti, è ancora molto vivace e ho idea che da quello che sta accadendo potrà trarre ispirazione per un nuovo genere, la spy sport story. Quel che sta accadendo è la possibilità del più grande bando nella storia dello sport e, sullo stesso piano, la presa di potere della WADA. Che questa fortissima raccomandazione – quattro anni fuori da ogni evento – diventi realtà, necessario attendere la parola finale del CIO, governo mondiale dello sport olimpico oltre che potente consiglio di amministrazione. E così molto attento all’economia di mercato.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Mentre impazza la guerra dei bottoni

Lunedì 9 Dicembre 2019

 

nuoto-glasgow

 

“Chi ascolta la voce del vecchio padrone, chi decodifica il livore dei mai rimpianti, naturalmente batte oggi sul tasto che dava fastidio ieri: i soldi. Dovrebbero sapere che non hanno mai fatto felicità o squadra”.

Oscar Eleni

Ai piedi del monte Ararat, sognando di arrivare all’hotel Gagarin, in Armenia, dove Simone Spada ha girato il suo primo bellissimo film, naturalmente quasi ignorato anche se ha vinto un nastro d’argento. Sentimenti, belle e cattive persone, un grande Battiston, splendido Leroy, bravi Argentero, Amendola, Babulova e la D’Amico. Sarebbe il posto giusto per fermarsi a guardare la guerra dei bottoni fra gente che gode nel portarti alla rovina, per cercare nella passione e nel sentimento la possibilità di realizzare proprio dei sogni come facevano i paesani di quel borgo armeno sperduto, sfruttando gente che era stata mandata allo sbaraglio per truffare gli euro aiuti all’arte del cinema.

Read more...

 
 

Piste&Pedane / Cross europeo, meglio del previsto

Domenica 8 Dicembre 2019


battocletti 

Con la bella affermazione della Battocletti tra le U-20 e il terzo posto assoluto di Yeman Crippa gli azzurri tornano dal Portogallo con la seconda miglior prestazione di sempre. Un buon inizio.


Daniele Perboni

Decisamente una giornata positiva per la spedizione azzurra: l’oro individuale di Nadia Battocletti fra le under 20 (arricchito dall’argento a squadre, a pari punti con la Gran Bretagna), il bronzo di Yeman Crippa (seniores) e l’altra seconda piazza del team under 23 maschile. E questa volta anche il DT Antonio La Torre sorride sornione: «Una buona spedizione. Grandissima la Battocletti, in un contesto decisamente piĂą competitivo dello scorso anno a Tilburg (quando si impose per la prima volta in questa competizione continentale, NdR), mentre Yeman (Crippa) ha dimostrato una classe infinita. Decisamente ha raggiunto una nuova statura internazionale e non voglio dimenticare l’eccezionale prestazione degli under 23 (argento a squadre). Non mi è piaciuta, invece, la staffetta mista (quattro frazioni con due uomini e due donne, di circa 1500 metri), a dimostrazione che non abbiamo un mezzofondo veloce a livello internazionale». 


Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 9 of 385

Cerca