- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Saro' greve! Quando Osoppo sorvolava una porta di calcio

Lunedì 1 Maggio 2017

osoppo

di Vanni Lòriga

Sarò “greve”, insistendo (lo farò per un paio di settimane e spiegherò ciò che mi induce a perseverare) sui ricordi legati ai Giochi di Roma 1960. Tratterò del Pentathlon Moderno, e soprattutto della prova di equitazione. A quei tempi questo sport multidisciplinare copriva l’arco di cinque giornate e si cominciava con la prova equestre che prevedeva un cross sulla distanza di 4700 metri con 25 ostacoli di vario tipo. Non era impresa facile e complicava il tutto il particolare che i concorrenti non conoscevano i cavalli, forniti dal Paese organizzatore. Assegnati per sorteggio, potevano essere testati solo per pochi minuti; si affrontava il percorso senza averlo mai provato.

Read more...

 

Piste&Pedane / Un po' presto per i primi bilanci, pero' ...

Martedì 26 Aprile 2017

4x400-nassau 2

di Daniele Perboni

Tempi grami per Elio Locatelli, il “grande vecchio” da pochi mesi ritornato alla guida tecnica dell’Italia Team. Rigorosamente in lingua inglese, così tanto per esser più fighi. Già, e qui permetteteci una riflessione fuori tema cari cinque lettori, perché usare la lingua della “perfida Albione” sembra poter dare più forza e carattere, e un pizzico di importanza, a tutto quanto ci sta attorno. Provate a mettere a confronto una paesana mezza maratona di Mezzana Bigli (e ci perdonino gli abitanti del piccolo comune pavese) con l’altrettanto casalinga Half Marathon di Galliavola (poco più di duecento abitanti nella profonda Lomellina). Non sentite anche voi profumo di “internazionalità”, sentore di confini allargati, una piacevole fragranza cosmopolita? Sarà proprio per questa ragione che decine di manifestazioni vengono titolate usando il gergo anglosassone? È una curiosità che lo scrivente non è ancora riuscito a soddisfare. Fine della trasgressione.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Sognando i palazzetti che non ci sono (e ci saranno?)

Martedì 25 Aprile 2017

assago

di Oscar Eleni

Mimetizzato fra le frasche del percorso Cova alla montagnetta di San Siro per spiare quello che resta dell’atletica nella Milano che si è bevuta più di una pista, dall’Arena in giù. Nel timore che la madre di tutti gli sport debba fare come quel prete veneziano che ha messo fuori dalla chiesa un cartello avvilente, messa sospesa per mancanza di fedeli, siamo andati a vedere cosa succede. Dunque in una città che offre di tutto e di più, anche se per lo scudetto, svanite Milan e Inter nella casa orientale, restano la solita Quanta di hockey in line e l’Emporio Armani di basket che ha ritrovato rematori per andare quasi a cento colpi come sulla barca di Ben Hur prima che si liberasse, in una sera fredda di Aprile hanno portato al campo azzurro senza luce 600 iscritti per gare di marcia e mezzofondo.

Read more...

 
 

Saro' greve! / Silvio, rimembri ancor i tempi d'oro della Polisportiva?

Lunedì 24 Aprile 2017

berlusconi

di Vanni Lòriga

Sarò “greve” dedicando la mia attenzione a Silvio Berlusconi, Non parlerò del personaggio politico ma di quello sportivo. Nei giorni scorsi intere pagine di giornale sono state dedicate alla cessione del Milan dopo 31 anni di dominio del dottor Berlusconi, esaltando i 29 trofei conquistati a vari livelli (nella foto, l'arrivo di Berlusconi all'Arena). Dalle ore 14.55 del 13 aprile il novantanove virgola nove per cento del gruppo passa ai cinesi e diventa “Rossoneri Sport investment Luxembourg” di tal Li Yang Hong. Tutto perfetto, si leva un coro di osanna (parola ebraica che significa “sàlvaci”). Ma, ...

Read more...

 
 

Italian Graffiti / "L'incredibile non e' impossibile" ... sara' poi vero?

Venerdì 21 Aprile 2017

fuocoghiaccio2

di Gianfranco Colasante

Partita ieri da Bolzano l'operazione PyeongChang 2018, come a dire la presentazione della squadra italiana per i Giochi della XXIII Olimpiade Invernale. Visto che da tempo il CONI di Giovannino Malagò - alla vigilia del suo secondo mandato - si è convertito all'inglese nella comunicazione, si è trattato di abbozzare l'ITALIA TEAM. Trentanove gli atleti già iscritti al Club Olimpico al termine di una delle più deludenti stagioni che si ricordi per il nostro sport invernale. Fatte 102 le gare olimpiche che ci attendono in Corea, a scorrere i risultati dei Mondiali corrispettivi svoltisi negli scorsi mesi, non c'è da stare molto allegri. Le medaglie azzurre, sulle 270 assegnate, sono state solo 6, un oro e un argento di Pellegrino e le altre di bronzo.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 5 of 166

Cerca