- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

I sentieri di Cimbricus / Tokyo o cara: e se decidessero i virologi?

Martedì 27 Aprile 2021


tokyo-senza spettatori


Argomenti, se non caldi, almeno tiepidi. Dalla cocciutaggine del CIO e del suo caparbio “armiamoci e partite”, costi (per voi) quel che costi. E le ultime esternazioni dello Stato Libero del Calcio e dei suoi disinteressati conductors.

Giorgio Cimbrico

Hayley Wickenheiser, canadese, è una donna che di sport ne ha fatto tanto: quattro medaglie d’oro olimpiche (e una d’argento) nell’hockey su ghiaccio, una partecipazione, a Sydney, nel softball, un’esperienza nel campionato finlandese, quello degli uomini, ad inseguire un puck, il dischetto in gomma dura che se arriva in faccia sono dolori.

Read more...

 

Piste&Pedane / La notte della marcia e del mezzofondo

Lunedì 26 Aprile 2021

 

arena-tribst


Non in senso figurato, ovvio. E già di per sé una bella notizia. Non tanto per i risultati tecnici, complessivamente modesti, quando per l’avvio di una ripresa della quale si sentiva la mancanza. Grazie soprattutto a Giorgio Rondelli che ancora tanto avrebbe da dare e, soprattutto, da insegnare.

 

Daniele Perboni

Vigilia di Liberazione (sì, con la elle maiuscola). Qualcosa si muove. Non nel senso del “liberaci dal male quotidiano”, ma più prosaicamente sul fronte delle manifestazioni di atletica. Anche se qualcuno continua, pomposamente, a chiamarle meeting. Già, perché usare l’inglese è più figo, più musicale, più universale. Siamo all’Arena, per il “Walk & Middle Distance Nigh”. Le maiuscole non sono nostre. Non ce ne vogliano gli organizzatori, in primis Giorgio Rondelli, ma mettendo piede in tribuna stampa immediatamente troviamo l’attacco per questo pezzullo dedicato a SportOlimpico: “Siamo nella merda”. Non nel senso di guai.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Siamo nel paese del forse (e dei richiami)

Lunedì 26 Aprile 2021

 

bucchi 


In effetti chi ha in mano l’organizzazione del campionato sembra uno smemorato sotto canestro. Forse la cocciutaggine nel tenere in vita i play off a porte chiuse genera godimento.

Oscar Eleni

Nella casa del serpente, fra rocce color ruggine australiana, nella terra dalle molte teste fra aborigeni che si domandano se ne cerchiamo una particolare di queste testoline. In veritĂ , confessiamo, stiamo cercando il boia legaiolo che ieri, magari, danzava felice sapendo che nel marasma del Covid, fra irregolaritĂ  multiple, il basket ha dovuto salutare la gloriosa CantĂą retrocessa in A2 nella stagione dove si doveva lavorare per costruire, rifondare, invece di litigare su casse sempre piĂą vuote.

Read more...

 
 

Io non c'ero (5) / "Ma tu sai veramente nuotare?"

Domenica 25 Aprile 2021

 

fioravanti-d 

 

L'esplosione di Domenico Fioravanti a Sydney 2000, le sue due medaglie d'oro e la confessione di un involontario infortunio verbale coperto da una risata collettiva. 

 

Gian Paolo Ormezzano

Io c’ero fisicamente – compivo 65 anni, era il 17 settembre – ma non c’ero con la testa quel giorno del 2000 a Sydney, Australia, quando Domenico Fioravanti, piemontese come me, nuotatore come io ero stato nel mio variegato sport agonistico da teenager, lui di Novara la città nella quale, chissà perché, per quale deviazione mentale io torinese per anni ho detto di essere nato (forse omaggio precoce ed inconscio al luogo natale di Giampiero Boniperti, novarese tutto Juventus e però mio amico fraterno).

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Quando si squalifica anche l'inno

Sabato 24 Aprile 2021


lagodeicigni

 

Privati della bandiera e del loro storico inno nazionale, i russi celebreranno a Tokyo le eventuali vittorie rispolverando il solenne concerto per pianoforte di Tchajkovsky.

Giorgio Cimbrico

Un estratto del concerto n. 1 per pianoforte di Piotr Ilic Tchajkovsky – penso l’impetuoso incipit – sarà la musica per i russi (d’oro) che a Tokyo non avranno né la bandiera né il loro inno ufficiale, che è poi quello sovietico con testo cambiato. Quando quella musica solenne, che tutti avevamo imparato a conoscere in centinaia di premiazioni, era stata messa in naftalina dopo il Crollo della Galassia URSS, i russi erano andati a pescare nel loro vasto repertorio scovando “Una vita per lo Zar” di Mikhail Ivanovic Glinka, capostipite della scuola musicale del Paese. Ma la nostalgjja per il vecchio inno aveva avuto la meglio e con opportune correzioni era tornato in servizio. Ora accantonato per peccati chimici e complicità connesse.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 5 of 476

Cerca