- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

  Direttore: Gianfranco Colasante   

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)





I sentieri di Cimbricus / Leonardo e Daniele, gente di vera atletica

Martedì 13 Settembre 2022

 

greco-tj 


Dal talento da esprimere del siepista friulano Feletto alla sfortuna del salentino Greco finito nella fossa di leoni che hanno azzannato uno dei più talenti più limpidi che sia stato concesso di vedere sulle nostre pedane.

Giorgio Cimbrico 

Leonardo Feletto ha il nome di un prosecco che ho bevuto più di una volta e infatti è di quelle parti. L’ho visto domenica, al meeting di Zagabria, star dietro un chilometro abbondante a Souffiane el Bakkali. Di Feletto non sapevo nulla. Ho notato che ha un gran fisico (sugli 1,90), che ha una buona tecnica sugli ostacoli, che, mosca bianca tendente all’albino, non appartiene a un corpo sportivo militare (Atletica Mogliano è il club) e che purtroppo ha già 27 anni.

Read more...

 

Duribanchi / Certo che il mondo e' proprio strano

Martedì 13 Settembre 2022


spissu 


“Una serata che noi viziosi di basket da tempo attendavamo. Diciamo che ce la siamo meritata. Onore ai nostri eroi. Onore al Poz. E mannaggia (mi costa, ma va fatto), onore anche a ‘Sughero’ Petrucci. E adesso vada come vada”.


Andrea Bosco

Per una partita di basket Milano-Cantù che mi aveva mandato fuori di testa, il caporedattore dello sport del Corriere d’Informazione, quotidiano del pomeriggio per il quale lavoravo, titolò con perfidia, sintetizzando il mio livore: “Giocano i migliori, dirigono i peggiori”. Avevo, allora amici nell’Olimpia e anche a Cantù. Aveva vinto Cantù, dove per il mio articolo non la presero bene, nonostante mi stimassero. In realtà ce l’avevo con un certo arbitro uso a fare (anche allora accadeva) il fenomeno, diventando protagonista, “oltre” quelli che stavano sul parquet e sulle panchine.

Read more...

 
 

Osservatorio / "I soli dilettanti sono i cavalli e gli organizzatori"

Lunedì 12 Settembre 2022

 

bandiere-italiane 


Gli entusiasmanti successi delle squadre azzurre ai Mondiali e agli Europei, sottolineano ancora una volta l’abissale distanza tra la generazione dei tecnici e l’attuale dirigenza sportiva. Quanto ai telecronisti ...

Luciano Barra

Grazie Sandro Campagna, Carlo Silipo, Gianmarco Pozzecco, “Fefè” De Giorgi, con augurio anticipato a Davide Mazzanti. Grazie per averci fatto sentire orgogliosi di essere italiani indipendentemente dai diversi risultati che avete conseguito nei recenti Europei di Pallanuoto e Pallacanestro e Mondiali di Pallavolo maschile con quello femminile in arrivo. In un momento in cui la nostra politica sta toccando i livelli più bassi mai visti e che sta suscitando l’ilarità di tutto il mondo, lo sport – ora quello di squadra – tiene alto il nostro vessillo e pone agli stranieri questa domanda: ma quale è la vera Italia?

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / De Giorgi e "Poz": ital-maghetti da amare

Lunedì 12 Settembre 2022


volley-22


“Nati ben distanti nel modo di vivere, di fare e di guidare la nave: a Gorizia la mosca atomica del basket, nel Salento il Ferdinando re dei tre mondi, e ora con quattro diamanti da mostrare a chi, in Italia, neppure gli offriva lavoro”.


Oscar Eleni

Con un sacco di cenere per ossigenare la testa quasi mozzata da risultati difficili da prevedere, carico come un somaro, sul ponte berlinese delle spie, guardando verso la reggia di Potsdam dove stavano i re prussiani per vedere se al balcone si è affacciato Gianmarco Pozzecco per collegarsi con la Slesia dove alla cattedrale dei francescani di Katowice, terra benedetta dal pallavolismo italiano, Fefè De Giorgi sta spiegando come ha portato l’Italia del volley al titolo mondiale dopo l’Europeo conquistato sempre davanti a 13 mila polacchi.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Un predestinato che si sente un cannone

Lunedì 12 Settembre 2022

 

kovacs-j 


Sulle pagine che da da molti anni ci guidano – in gergo, il Matthews – è stampato che Joe sia nato a Bethelehm, altre fonti riportano Nazareth. In un caso o nell’altro, luoghi da predestinato, da atteso. 

Giorgio Cimbrico

Joe ha un cognome che più ungherese non si può, Kovacs. E come molti nipoti e figli dell’immigrazione dall’est europeo, è nato nella mineraria e metallurgica Pennsylvania. E’ sufficiente ricordare “Il Cacciatore” per cogliere la composizione etnica di quella zona che, prima, era stata popolata da irlandesi e gallesi. Fonti attendibili gli accreditano anche radici italiane per via di una nonna. Conosce qualche parola della nostra lingua e parlicchia l’ungherese.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 3 of 598

Cerca