- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Piste&Pedane / Cross europeo, meglio del previsto

PDFPrintE-mail

Domenica 8 Dicembre 2019


battocletti 

Con la bella affermazione della Battocletti tra le U-20 e il terzo posto assoluto di Yeman Crippa gli azzurri tornano dal Portogallo con la seconda miglior prestazione di sempre. Un buon inizio.


Daniele Perboni

Decisamente una giornata positiva per la spedizione azzurra: l’oro individuale di Nadia Battocletti fra le under 20 (arricchito dall’argento a squadre, a pari punti con la Gran Bretagna), il bronzo di Yeman Crippa (seniores) e l’altra seconda piazza del team under 23 maschile. E questa volta anche il DT Antonio La Torre sorride sornione: «Una buona spedizione. Grandissima la Battocletti, in un contesto decisamente più competitivo dello scorso anno a Tilburg (quando si impose per la prima volta in questa competizione continentale, NdR), mentre Yeman (Crippa) ha dimostrato una classe infinita. Decisamente ha raggiunto una nuova statura internazionale e non voglio dimenticare l’eccezionale prestazione degli under 23 (argento a squadre). Non mi è piaciuta, invece, la staffetta mista (quattro frazioni con due uomini e due donne, di circa 1500 metri), a dimostrazione che non abbiamo un mezzofondo veloce a livello internazionale». 



Finisce sottolineando che «A livello complessivo è la seconda migliore prestazione di sempre dell’Italia agli Europei, dopo quella di San Giorgio su Legnano del 2006».

La mattinata era iniziata nel migliore dei modi, con la trentina figlia d’arte subito davanti dopo l’avvio. «Stavo bene e mi sembrava di andare troppo piano, ecco perché ho spinto subito. Quest’anno nel complesso la “qualità” delle concorrenti era maggiore rispetto al 2018, mentre il percorso era molto più complicato. Il gran tifo del pubblico per la Machado non mi ha impressionato più di tanto. Anzi. Però confesso che all’’inizio dell’ultimo giro ero proprio stanca, ma ho notato che anche le altre non erano proprio freschissime...».
Una breve pausa, poi riprende: «Ora che ho vinto posso svelarvi un piccolo “segreto”: a metà ottobre sono stata ricoverata al Pronto Soccorso in codice rosso. Due giorni di ospedale con tutti i sintomi di un ictus. Probabilmente ero sotto stress fra lo studio all’Università di Trento (Architettura) e gli allenamenti già dalle cinque del mattino. Ora, comunque, è tutto passato. Non è risultato nulla di grave. Da domani si ricomincia a pensare ai cross dell’inverno: Campaccio e 5 Mulini».
 

crippa-cross

Strafelice, anche se piuttosto stravolto, Yeman Crippa. «Non mi accontento mai, ma per come si era messa la gara va benissimo questa terza piazza. La davanti correvano più “facili’”. Verso metà gara mi sono reso conto che non riuscivo a tenere il loro passo e ho deciso di mollare un poco. Devo dire che oggi ho sofferto come un animale, soprattutto negli ultimi due giri, e ho tenuto duro perché la maglia della Nazionale va rappresentata. Sempre. Ho dato tutto, ho aspettato la discesa finale per consumare le ultime energie e prendermi questa medaglia. Finalmente il 2019 è finito, ora si comincia a pensare a Tokyo. È stato un anno vincente perché con il mio tecnico, Massimo Pegoretti, siamo stati in grado di pianificare gli obiettivi, e sappiamo sempre farci trovare pronti all’appuntamento. Penso sia una cosa normale, che dovrebbe fare qualsiasi atleta professionista. Non sono un Crippa straordinario, ma un Crippa che arriva nel posto giusto al momento giusto. Nel 2020 mi auguro di continuare a migliorare. Ci credo, e spero facciano altrettanto tutti coloro che mi stanno intorno».


Arrivederci a Dublino 2020 e a Torino 2021.


Uomini

• Under 20: 1. Jakob Ingebrigtsen (Nor) 18’20”; 2. Aslan (Tur) 18’58”, 3. Gidey (Irl) 10’01, … 19 Alfieri 19’27”, 34. Zoldan 19’40”, 38. Fontana Granotto 19’42”, 51. Vecchi 20’00”, 70. Guerra 20’20”, 87. Choury 20’46”.
Squadre: 1. Gran Bretagna, 2. Norvegia, 3. Portogallo, … 8. Italia.

• Under 23: 1. Jimmy Gressier (Fra) 24’17”, 2. Bibic (Srb) 24’25”, 3. Oukhelfen (Esp) 24’34”, … 5. Chiappinelli 24’51”, 7. De Marchi 24’55”, 17. Parolini 25’11”, 30. Mugnosso 25’36”, 31. Selvarolo 25’39”, 61. Polikarpenko 26’37”.
Squadre: 1. Francia, 2. Italia, 3. Germania.

• Seniores: 1. Robel Fsiha (Swe) 29’59”, 2. Kaya (Tur) 30’10”, 3. Y. Crippa 30’21”, … 42. N. Crippa 32’00”, 43. Fontana 32’’03”, 46. Gerratana 32’17”, 49. El Otmani 32’26”.
Squadre: 1. Gran Bretagna, 2. Belgio, 3. Spagna, 10. Italia.

Donne
• Under 20: 1. Nadia Battocletti (Ita) 13’58”, 2. Lukan (Slo) 14’01, 3. Machado (Por) 14’10”, … 13. Mattevi 14’42”, 15. Cavalli 14’51”, 32. Arnaudo 15’12”, 42. Licandro 15’20”, 49. Pellicoro 15’30”.
Squadre: 1. Gran Bretagna, 2. Italia, 3. Francia.

• Under 23:
1. Anna Emilie Moller (Den) 20’30”, 2. Lau (Ned) 21’09”, 3. Cotte (Irl) 21’15”, … 5. Zanne 21’24”, 37. Colli 22’47”, 43. Majori 23’’10”.
• Squadre: 1. Olanda, 2. Irlanda, 3. Gran Bretagna, … 8. Italia.

Seniores: 1. Yasmine Can (Tur). 26’52”, 2. Grovdal (Nor) 27’07”, 3. Mengsteab (Swe) 27’’43, … 11. Roffino 28’34, 12. Sugamiele 28’36”, 33. Lo ed o 29’36”, 41. Merlo 30’17”.
Squadre: 1. Gran Bretagna, 2. Irlanda, 3. Portogallo, … 5. Italia.

Misti
Staffetta: 1. Gran Bretagna, 2. Bielorussia, 3. Francia, … 10. Italia.

 

Cerca