- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Cinque cerchi / L'offensiva del CIO contro lo sport russo

PDFPrintE-mail

Sabato 2 Dicembre 2017

oberhofer 2

di Gianfranco Colasante

Con studiata lentezza e una certa suspence - si fa per dire - la commissione disciplinare del CIO presieduta da Denis Oswald (gli altri due membri sono Juan Antonio Samaranch Jr. e Patrick Baumann) sta rendendo noti i nomi degli atleti russi incappati nel riesame delle indagini doping per Sochi 2014 e menzionati nel rapporto McLaren. E' di ieri la comunicazione che riguarda altri tre atleti, proprio mentre a Mosca era in corso, presente come padrone di casa Vladimir Putin, il sorteggio della Coppa del Mondo di calcio. Una indagine attesa da tempo, dopo le sanzioni comminate per Pechino 2008 e Londra 2012, che ha portato alla sbarra (per ora) 26 atleti, 11 dei quali saliti almeno una volta sul podio. Una offensiva a senso unico dal momento che tutti gli atleti sanzionati sono russi (per tutti resta preclusa in futuro la partecipazione olimpica).

Come effetto non secondario, al momento sono state ritirate (o, almeno, sono state richieste) quattro medaglie d'oro, sei d'argento e una di bronzo. Delle 12 finite sotto la lente, si è salvata solo Adelina Sotnikova, prima nel singolo di figura, pare per manifesta mancanza di prove effettive. Si apre ora la fase due, con le riassegnazioni - se mai ci saranno - che non saranno nè semplici nè rapide. Dal momento che la procedura innescata dal CIO dovrà passare attraverso il CNO russo e le le federazioni internazionali. Solo al termine di questo tortuoso percorso le medaglie potranno incontrare i loro nuovi padroni. Senza tener conto dei prevedibili se non scontati ricorsi al TAS.

Un gioco al quale sono interessati anche gli italiani, in particolare con la biathleta altoatesina Karin Oberhofer che nella 7,5 km - dopo la squalifica di Olga Vilukhina - passa dal quarto posto alla medaglia di bronzo, posizione lasciata libera dall'ucraina Vita Semerenko che sale all'argento. Sarebbe per noi la medaglia n. 115 dell'edizione invernale dei Giochi. La Oberhofer (nella foto di Sochi) aveva già vinto un bronzo nella Mixed Team. Ora potrebbe doppiare. Ma i tempi, in ogni caso, non saranno brevi.

Qui di seguito il riepilogo delle medaglie ritirate:

   ORO   ARG   BRO 
 Bob 2 - -
 Sci di fondo    1 3 -
 Skeleton 1 - 1
 Biathlon - 2 -
 Pattinaggio - 1 -
  4 6 1

Di conseguenza la Russia, che con le sue 33 medaglie nel 2014 aveva dominato il lotto (in dettaglio 13/11/9), scende diversi gradini, e con sole 22 medaglie si ritrova ora alle spalle di Stati Uniti (28), Norvegia (26), Canada (25) e Olanda (24). Senza voler parlare di orgoglio umiliato, comunque un bel colpo alla credibilità dell'intera struttura. In attesa delle prossime decisioni del CIO che potrebbero escludere del tutto lo sport russo dagli imminenti Giochi di PyeongChang. Si vedrà.

Qui di seguito il riepilogo delle sanzioni comminate dal CIO con le relative squalifiche:

Decisione del 1 Dicembre 2017
Yulia Chekaleva - Sci di fondo: Staffetta (6.); 10 km (11.); Skiathlon (15.); 30 km (32.)
Anastasia Dotsenko - Sci di fondo: Team Sprint (6.); Sprint (22.)
Olga Zaytseva - Biathlon: Staffetta (ARG); Mixed Team (4.); Inseguimento (11.); 15 km (15.); 12,6 km (23.); 7,5 km (28.)

Decisione del 27 Novembre 2017
Dmitry Trunenkov - Bob: Quattro (ORO)
Aleksey Nogodaylo - Bob: Quattro (ORO)
Sergey Chudinov - Skeleton: (5.)
Olga Vilukhina - Biathlon: 7,5 km (ARG); Staffetta (ARG); Mixed Team (4.); Inseguimento (7.); 12,5 km (21.)
Yana Romanova - Biathlon: Staffetta (ARG); 7,5 km (19.); Inseguimento (23.); 15 km (53.)

Decisione del 24 Novembre 2017
Aleksandr Zubkov - Bob: Due (ORO); Quattro (ORO)
Aleksandr Rumyantsev - Pattinaggio: Staffetta (6.); 5000 m (11.) 
Olga Stulneva - Bob: Due (9.)
Olga Fatkulina - Pattinaggio: 500 m (ARG); 1000 m (4.); 1500 m (9.)

Decisione del 22 Novembre 2017
Aleksandr Tretyakov - Skeleton: (ORO)
Yelena Nukitina - Skeleton: (BRO)
Olga Potylitsyna - Skeleton: (5.)
Mariya Orlova - Skeleton: (6.)

Decisione del 9 Novembre 2017
Maksim Vylegzhanin - Sci di fondo: Team sprint (ARG); 50 km (ARG); 4x10 kn (ARG); Skiathlon (4.)
Aleksey Petukhov - Sci di fondo: Sprint (8.)
Yuliya Ivanova - Sci di fondo: Team sprint (6.); 10 km (17.); 30 km (30.); 4x5 km (6.)
Yevgeniya Shapovalova - Sci di fondo: Sprint (28.)

Decisione 1 Novembre 2017
Aleksandr Legkov - Sci di fondo: 50 km (ORO); 4x10 km (ARG); Skiathlon (10.)
Yevgeny Belov - Sci di fondo: Skiathlon (18.); 15 km (25.)  

Cerca