- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Tokyo 2020+1 / (11) Spunta dal mare il quinto oro

Martedì 3 Agosto 2021


tita-banti 


Con l’oro di Ruggero Tita e Caterina Banti nel catamarano, 29ª medaglia, superati Londra e Rio. Anche se le squadre deludono, c’è ancora qualche carta da giocare sul tavolo olimpico. In attesa di trasferirsi sui tavoli “politici”.

MEDAGLIE ITALIA - 29 (5 ORO - 9 ARG - 15 BRO)
CLASSIFICA A PUNTI (10-8-6-5-4-3-2-1) - 225 GARE SU 339 (67%)

1. Stati Uniti 878
2. R.P. Cina 733
3. C.O. Russo 571
4. Gran Bretagna 515
5. Giappone 460,5
6. Australia 384
7. Italia 362
8. Germania 351,5
9. Francia 332
10. Olanda 283,6

 

RED.

I podi di Tokyo e i risultati degli azzurri

Quello che t’aspetti. E così è stato. Il catamarano misto di Ruggero Tita e Caterina Banti – il Nacra-17 – ha fatto centro, resistendo anche nella medal race che assegnava le medaglie. Oro doveva essere, ed oro è stato. Il quinto della maxi-spedizione azzurra che intanto può vantarsi d’aver raggiunto e superato la fatidica soglia del successo, quel tondo 28 nel medagliere che resta l’eredità tecnica di Londra e di Rio. In casa CONI – o meglio, nella lussuosa Casa Italia dedicata a Sartre, centro del potere e degli sponsor – si banchetta e si festeggia con continui “trenini” e girotondi. Veramente poco olimpici.

Read more...

 

Piste&Pedane / "Non credo ancora d'avere finito"

Martedì 3 Agosto 2021


warholm-tokyo 


E' concesso utilizzare il termine “mostruoso” per il 45”94 con cui il vichingo Warholm ha spinto su territori sconosciuti i suoi limiti? Difficile pensare che questo suo nuovo record non resterà il marchio di fabbrica dei giochi atletici di Tokyo.

Daniele Perboni

King Kong Karsten Warholm, pur senza la sua bella Ann Darrow da salvare, è comunque accorso, nella tarda mattinata del Sol Levante, in soccorso di un immaginaria donzella. Una furia devastante che neppure quei 400 metri disseminati da dieci trappole sono riusciti a rallentare. Al centro della “sua” isola, di cui è signore incontrato dal 9 agosto 2017 (Mondiali londinesi), ha polverizzato, distrutto, stracciato, liquefatto, il suo fresco primato mondiale (46”70) dei Bislett Games allo stadio di Oslo, per atterrare sul nuovo regno dove pare non esistere gravità, tanto ha dello stupefacente quanto è apparso alla fine della selvaggia cavalcata: 45”94, nuovo primato olimpico e mondiale.

Read more...

 
 

Duribanchi / Restera' l'Olimpiade di Jacobs

Martedì 3 Agosto 2021


basket-france 


Il paese delle contradizioni. Mentre le imprese degli azzurri a Tokyo entusiasmano la gente (e fanno un po’ d’invidia all’estero), tra tentativi di “riforme” e manifestazioni anti-vax, le liti striscianti della politica riportano alla realtà.

Andrea Bosco

Nel segno degli ori olimpici di Jacobs e Tamberi l’Italia si è riscoperta “atletica”, dopo aver concesso alla ventitreesima ora l’autonomia al CONI, quasi arrischiando di finire a Tokyo senza maglia e senza bandiera. Meglio non dimenticarlo. Viceversa, meglio cancellare commenti, cinguettii, logorroiche ospitate radiofoniche e televisive, articolesse “politicamente corrette” sul colore della pelle, sulle discriminazioni sessuali, sulle millanta sfaccettature di lana caprina che risultano solo pretesti per fare pessima politica. Quella che ogni giorno va in scena nei tg nazionali. Tg che sono riusciti a ridurre in formato francobollo la gara del salto in alto maschile: è il palinsesto, bellezze, il palinsesto!

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Yaroslava e quell'idea fissa

Martedì 3 Agosto 2021

 

mahuchikh

 

L'appuntamento è da tempo segnato sulla sua agenda: la finale della gara di salto in alto, con un doppio obiettivo, percorso netto e la sfida con l'asticella posta a 2.10. La Twiggy ucraina ci crede  fermamente.

 

Giorgio Cimbrico

Un record Yaroslava Mahuchikh non potrà mai battere: diventare la più giovane vincitrice del salto in alto alle Olimpiadi: Il 4 settembre 1972 Ulryke Meyfarth aveva 16 anni e 4 mesi quando conquistò l’oro e pareggiò il record del mondo, 1.92, dell’austriaca Ilona Gusenbauer. Yaroslava, che a quell’età saltava esattamente quanto la tedesca, oggi è nettamente più… anziana. Il 19 settembre farà 20 anni, e un record di precocità è comunque nelle sue mani e nelle sue caviglie: sul podio, seconda, ai Mondiali di Doha appena prima della maggiore età.

Read more...

 
 

Tokyo 2020+1 / (10) Finalmente Vanessa va sul podio

Lunedì 2 Agosto 2021

 

ferrari-tokyo


A sei giorni dalla conclusione dei Giochi la squadra italiana "pareggia" i risultati di Londra e di Rio e pazienza se a Tokyo le gare sono aumentate. Quel che conta è la compattezza dimostrata finora e le possibilà di accrescere il medagliere.

MEDAGLIE ITALIA - 28 (4 ORO - 9 ARG - 15 BRO)
CLASSIFICA A PUNTI (10-8-6-5-4-3-2-1) - 209 GARE SU 339

1. Stati Uniti 784
2. R.P. Cina 657
3. C.O. Russo 529,5
4. Gran Bretagna 428,5
5. Giappone 425,5
6. Australia 353,5
7. Italia 340,5
8. Francia 315
9. Germania 285,5
10. Olanda 257,5

RED.

I podi di Tokyo e i risultati degli azzurri 
 

Mentre non si placa la tempesta mediatica attorno alle due straordinarie vittorie di Tamberi e Jacobs, arrivate fino alle massime autorità della Repubblica, con la standing ovation del Parlamento, la decima giornata posta la medaglia n. 28, il podio più atteso che pareggia sia Londra che Rio. Come era nelle speranze più che nelle certezze del CONI. Secondo le attese, la porta nel corpo libero Vanessa Ferrari che a trent’anni, quarta presenza ai Giochi – prima e unica ginnasta italiana –, si prende una rivincita sulla sfortuna, gli infortuni a catena e sulle ingiustizie che l’avevano colpita sia a Londra che a Rio quando venne punita con due scandalosi quarti posti.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Next > End >>

Page 19 of 518

Cerca