- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

I sentieri di Cimbricus / La graziosa Dorothy, argento di Londra

PDFPrintE-mail

Sabato 6 Novembre 2021

manley 2


Troppo potente, per lei, l'olandese Blankers Koen, ma prima davanti a tutte le altre sui 100 nell'austera Londra del 1948. Come mostra questa foto che rimanda a un mondo ormai lontano e in gran parte dimenticato.


Giorgio Cimbrico


Una piccola storia su uno sport scomparso, lontano. Se n’è andata, a 94 anni, Dorothy Manley, medaglia d’argento nei 100 a Londra ’48. L’oro andò a Fanny Blankers Koen. Nelle vecchie foto bianco e nero si può osservare che la graziosa Dorothy arrivava poco più oltre la spalla della “mammina” olandese. “Non avrei mai potuto batterla: era molto potente”. Ma dietro si lasciò l’australiana Shirley Strickland, doppio oro negli ostacoli nel ’52 e nel ’56.


Dorothy era entrata per la prima volta a Wembley nel 1940: aveva tredici anni, era tifosa dello West Ham ed era andata a vedere la finale della War Cup. Nel ‘47 venne chiamata nei possibili olimpici come saltatrice in alto. “Nel marzo del ’48 stavo facendo riscaldamento quando Sandy Duncan mi disse: credo che tu non sia un saltatrice ma ti ho visto correre e se mi permetti vorrei allenarti come velocista”.

Nel frattempo Dorothy aveva trovato lavoro come dattilografa e per partecipare ai Giochi chiese un permesso non retribuito. Mamma le cucì maglietta e calzoncini: a Londra si tirava ancora la cinghia. Corse in 12"1 la batteria, in 12"4 la semifinale, in 12"2 la finale. Fanny finì tre decimi avanti. La prima delle sue quattro medaglie d’oro.

Nel 1950, Giochi del Commonwealth ad Auckland, due medaglie, argento e bronzo, in strane staffette su distanze imperiali, e terza nei 200 agli Europei di Bruxelles. Era diventata Dorothy Hall e prese un secondo tondo da Fanny e due decimi dalla sovietica Evgenia Sechenova. La vittoria nella 4x100, di un soffio sull’Olanda della solita terribile Fanny, si trasformò in un momento indimenticabile. Nel 1952 si ritirò: aveva 25 anni. Nel 2012 era all’Olimpico di Londra per la finale dei 100 donne.

PS: le britanniche e i britannici di un tempo erano costruite e costruiti per una lunga durata: poco prima di Dorothy, sono scomparsi Pam Rose, attrice e attiva nel segretissimo centro di decrittazione di Bletchley Park, 103 anni, e Stan Perry, ufficiale dei Sherwood Rangers che affrontarono i panzer tedeschi in Normandia, 97 anni.

 

Cerca