- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Piste&Pedane / La nuova dimensione mondiale di LMJ

PDFPrintE-mail

Venerdì 14 Maggio 2021


jacobs-an-21 


Togliere d’un colpo solo 8/100 al proprio personale, per di più al di sotto dei 10”, è impresa da annali. Adesso pare riduttivo contentarsi della sola finale olimpica dei 100.

Daniele Perboni

Aspettavate il botto? Confessatelo! Non vedevate l’ora di assistere all’evento di un altro, il secondo, sub 10 italico stampato sul tabellone luminoso. Eccovi accontentati. Marcell Lamont Jacobs junior, il ragazzo venuto dal Texas e cresciuto sulle rive del Garda vi ha accontentato: 9”95, con vento perfettamente entro i classici canoni del regolamento (+1,5). Prima era arrivato il titolo europeo in sala dei 60, con tanto di miglior prestazione mondiale (6”47), poi le eccezionali frazioni lanciate nelle staffette di Chorzow (9”03 in batteria e 8”91 in finale, miglior tempo assoluto della manifestazione).

Tutti cronometraggi che autorizzavano a sognare, sperare, fantasticare. Ma basati su piattaforme ben solide, supportati pure da dati statistici e da pareri di tecnici, atleti, ex atleti, appassionati, giornalisti. Insomma, scomodando Socrate, tanto tuonò che piovve; il rettilineo di Savona, stadio della Fontanassa, decimo Meeting internazionale Città di Savona-Memorial Giulio Ottolia, regala a Marcell Jacobs, 26 anni, tre figli (e anche questo in un’Italia in calo demografico, potrebbe essere annoverato fra i tanti piccoli record) la testa delle liste continentali. Per ora è il più veloce in Europa e fra i migliori cinque al mondo. Ma, attenzione, siamo solo all’alba della stagione olimpica. Inutile fare progetti a lungo termine. Serve correre ancora, forte, e consolidarsi stabilmente su tempi a tre cifre. Il mondo, ricordiamolo sempre, non resta a guardare, non si stupisce se qualche italiano scende sotto i 10 secondi. 

Dice Jacobs che non vede l’ora di continuare sulla strada tracciata con Paolo Camossi, nato a Gorizia ma cresciuto dalle parti di Alessandria, grande interprete di triplo e amico di quel Jonathan Edwards che ancora tiene in pugno il mondo con i quei fantascientifici 18.29 (+1,3) ottenuti allo Ullevi Stadium di Göteborg il 7 agosto 1995. Tappe obbligate Rieti (22 maggio), quindi Chorzow (ancora) per i Campionati Europei a squadre, la vecchia Coppa Europa, Golden Gala (Firenze). Poi… Marcell dice di puntare alla finale olimpica. Serve migliorarsi ancora di qualche decimo ma sognare non costa nulla E, a volte, i sogni si avverano.

Non solo LMJ – Altre buone prestazioni sono arrivate nel vento di Savona. Per restare allo sprint da segnalare il baby Lorenzo Patta (classe 2000), sceso di botto a 10”13 (+1,4). «Un altro buono per la staffetta» sentenzia il neo primatista italiano. E che dire dell’ennesimo under 13 (12”84/+1,7) di Luminosa Bogliolo negli ostacoli? Finalmente non è più sola. Ora a farle compagnia è arrivata la 22enne Elisa Di Lazzaro, scesa a 12”90, quarta di sempre in casa azzurra. Davanti a tutti resiste, inossidabile, il 12”76 (+0,6) di Veronica Borsi datato 2013 (Orvieto 2 Giugno).

Sulla riviera di Ponente si è rivisto Alessandro Sibilio. Dopo diversi anni in ombra sembra essersi risvegliato. Esploso nel 2016 con due titoli agli Europei under 18 (400 ostacoli e staffetta mista) ha continuato a stupire l’anno dopo, Europei under 20 di Grosseto, con l’argento negli ostacoli e l’oro nella 4x400. Ancora un’ottima annata nel 2018, con il titolo iridato under 20 nella 4x400. Poi sembrava calato il buio. Ora, finalmente, pare rinato. Sul giro con barriere si è migliorato di oltre un secondo, portandosi a 49”25. Dunque i 45”70 e 45”81 delle frazioni alle World Relays non erano semplici lampi nel vento. Nel prosieguo della stagione per il 22enne di Posillipo si attendono conferme.


ALL-TIME ITALIANA DEI 100

9”95/1,5 (1)b Lamont Marcell Jacobs – Savona 13/5/21
9”99/0,2 (2)f Filippo Tortu – Madrid 22/6/18
10”01(A)/0,9 (1)f1 Pietro Mennea – Città del Messico 4/9/79
10”06/1,2 (1) Simone Collio – Rieti 21/7/09
10”08/0,7 (1)f1 Carlo Boccarini – Rieti  9/5/98
10”11(A)/0,8 (3)b1 Jacques Riparelli – La Chaux-de Fonds 5/7/15
10”13/-0,1 (1)b1 Fabio Cerutti – Cagliari 19/7/08
10”13/1,4 (1)f Lorenzo Patta – Savona 13/5/21
10”16/1,7 (1)b1 Stefano Tilli – Zurigo 22/8/84
10”17/-1,2 (2)sf1 Emanuele Di Gregorio – Barcellona 28/7/10


 

Cerca