- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore

I sentieri di Cimbricus / La lunga marcia di Vladimir

Mercoledì 18 Agosto 2021

 

golub 


Roma è stata l’alfa e l’omega nella vita di Golubnichy. Ai Giochi del 1960 vinse la sua prima medaglia olimpica, agli Europei del ’74, 38enne, conquistò un titolo che, curiosamente, non aveva mai colto.

Giorgio Cimbrico

“Un simbolo, un punto di riferimento, un campione dall’incredibile continuità. Lo incontrai a Milton Keynes nel ‘77: io poco più che un ragazzo, lui il veterano, una figura già storica”: Maurizio Damilano, così come il gemello Giorgio e il fratello maggiore Sandro non hanno mai nascosto di nutrire per l’ucraino stima, ammirazione, affetto. E proprio Maurizio ha provato a … imitare Vladimir: oro olimpico nell’80, titolo mondiale nel 91, un abisso di tempo dopo.

Read more...

 

Osservatorio / Tokyo 2020: chiudiamo qui con lo Sport

Martedì 17 Agosto 2021

 

             franco_bragagna 2 


Le analisi sui Giochi si concludono con la parte sportiva vera e propria e con quello che ne consegue, dai ritorni mediatici alla televisione. Con uno sguardo al futuro e una postilla – inevitabile – sull’Atletica, vera trionfatrice a Tokyo.

Luciano Barra

L’ultimo articolo su Tokyo 2020 voglio dedicarlo allo sport, e non solo all’atletica. Io credo che ai Giochi Olimpici tutti gli sport abbiano la loro dignità. Come ho già avuto modo di scrivere esiste però una condizione basica, che siano il meglio del meglio. Per questo ho scritto che il CIO debba rivedere la sua posizione con alcuni sport professionistici, prima riducendo i contributi provenienti dai Giochi e secondo condizionato la loro presenza alla protezione dell’evento olimpico nel calendario della stagione e stimolando la partecipazione dei migliori del mondo. Ciò non è avvenuto né nel Tennis né nel Golf.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Nella terra dei record mostruosi

Martedì 17 Agosto 2021

 

towns_olympics_berlin_1936_large 


Riducendo a un telegramma: record mostruosi, Karsten Warholm come Forrest Towns. Tema: i progressi che spediscono nel futuro e in un’altra dimensione, con un comune denominatore, gli ostacoli. Bassi o alti, fa poca differenza.

Giorgio Cimbrico

Se il 45”94 di Warholm ha stordito, ha obbligato a inevitabili accostamenti (un buon tempo sui 400, non c’è che dire), ha proposto interessanti domande (Warholm, Rai Benjamin e Alison dos Santos hanno prodotto la più grande gara della storia, e non solo sui 400H?), come venne accolto il 13”7 di Towns, detto Spec, che spazzava il quintuplo 14”1 del bel georgiano? Con una burla. “Gli telefonammo in camera: ehi Spec, il record non te lo riconoscono perché si sono accorti che c’erano solo nove ostacoli. Ci rimase male e solo il giorno dopo gli dicemmo che era tutto uno scherzo”, raccontava anni dopo Archie Williams, campione olimpico dei 400 a Berlino così come Towns nelle barriere alte: 14”2 in finale e 14”1 in semifinale, record mondiale uguagliato. Ancora.

Read more...

 
 

Duribanchi / Una settimana difficile da affrontare

Martedì 17 Agosto 2021

 

afghanistan-009 


In questo distratto mezzo agosto, capita che molti principi, cardini della nostra quotidianità e ritenuti acquisiti per sempre, traballino. Ma la democrazia ha sempre un costo, perché non è possibile avere una “quasi” democrazia.

Andrea Bosco

E' una settimana difficile da affrontare. Mentre non finisce la straordinaria estate italiana che ha portato anche Camila Giorgi, l'eterna incompiuta del tennis nostrano, a vincere il suo primo torneo internazionale in Canada. Mentre il calcio torna al “travaglio usato” con il mercato dei sogni che in Italia non sono più da Grand Hotel ma da retrobottega. Mentre dopo la grande abbuffata olimpica quelli che “dovrebbero” sono già spariti dal carro dei vincitori, impegnati nelle usuali miserabili vicende che scandiscono il “tempo” del paese.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / A tavola con filosofia aristotelica

Lunedì 16 Agosto 2021

 

giorgi-montreal 


Prima settimana senza Olimpiadi, a tutto calcio, fra i marameo delle televisioni che ti vorrebbero abbonato, che ti fanno credere libero e fortunato. Dal doppio oro al doppio malto dei contratti di calciatori che piangono prima e dopo aver firmato.

Oscar Eleni

Pensando a Gino Strada, davvero un uomo migliore di noi, fra i mosaici della Stagira aristotelica dove i santi ristoratori della penisola Calcidica ti fanno mangiare tutto con filosofia. Terra, aria, acqua, fuoco e l’incorruttibile quint’essenza. Il pranzo e la cena per sopportare meglio quello che succede, dall’Afghanistan ad Haiti, dalla confusione pandemica, ai terrapiattisti, per finire a mescolare, con il cucchiaio fatto usando un corno di capra, il sacro e il profano dello sport, Paltrinieri eroico ed ora erotico con la Fiammingo, Camila Giorgi, tennista, scrittrice, che a quasi 30 anni vince un torneo 1000, salendo a pieno diritto sull’autobus scoperto che porterà i medagliati di Tokyo al Quirinale e, certamente, dal drago Draghi che in questa calura ha scoperto come funzionino meglio gli sportivi di certi compagni di viaggio al Governo.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 8 of 513

Cerca