- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Saro' greve / Sempre viva l'italica marcia. Per fortuna.

Lunedì 7 Gennaio 2019

 

sordi-2 2 

 

Vanni Lòriga

Sarà che il miglior atleta dell’anno 2018 è stato ancora una volta un marciatore, ma è sempre augurabile che a salvare gli italici destini atletici sia ancora Nostra Signora della Marcia. Nel rispetto di un passato fecondo e nella prospettiva di una futuro all’altezza.


Fra le sorprese che ci riservano le festività di fine anno le più gradite sono gli auguri di vecchi amici che talora riappaiono all’improvviso. A cavallo del cessante 2018 e dell’irruente 2019 particolarmente care mi sono giunte le voci di marciatori di altre epoche che hanno il potere di rievocare fatti e persone lontane. Gente e vicende che meritano di essere ricordate. Il primo a farsi vivo è stato Mario Lelli. Non è famoso come altri campioni, ma alla fine degli anni Quaranta/Cinquanta visse momenti di grande popolarità per almeno due motivi.


Read more...

 

Piste&Pedane / Con Eliud Kipchoge T&FN incorona la Semenya

Giovedì 3 Gennaio 2019


2018-tfn-men-rankers


I migliori italiani dell’anno 2018? Per Track&Field News, il più autorevole periodico d’atletica al mondo, sono stati Massimo Stano, terzo nei 20 km di marcia, ed Elena Vallortigara, quarta nel salto in alto. Decimo posto per Gianmarco Tamberi ed Alessia Trost (e, forse, Palmisano). Pippo Tortu? Non pervenuto.

Gianfranco Colasante

Come d’abitudine, nei giorni di Natale T&FN ha pubblicato il suo Ranking annuale, giunto con la stagione 2018 alla 72ª edizione (la prima stesura è apparsa nel 1947). Con valutazioni che, se coincidono tra i maschi con i responsi della IAAF per Eliud Kipchoge, si discostano molto per le donne dalle scelte della federazione internazionale: qui al primo posto figura la discussa sudafricana Caster Semenya (1’54”25, ma anche 49”62 e 3’59”92 … un registro straordinario), mentre la triplista colombiana Caterine Ibargüen – migliore dell’anno secondo la IAAF – è solo quinta.

 

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Se lo sport ha cancellato il senso dell'attesa

Giovedì 3 Gennaio 2018

 

dazn 2

 

Eliott, Owens, Foreman, Borg, ...  i loro gesti appartengono a un tempo in cui gareggiare era ancora un piacere o si spingono a un'etĂ  in cui il potere finanziario cominciava appena ad accorgersi di quanto aveva a disposizione.


Giorgio Cimbrico

Un tempo non lontano tre allenamenti alla settimana e una buona dose di quell’immateriale elemento che si chiamava classe (ed era solo adesione naturale al gesto, predisposizione) erano sufficienti a spedire in alto, molto in alto, a guadagnare un posto e a non perderlo per un domani che, per chi ha il culto lieve della memoria, arriva sino a oggi. Quel che passava per la testa di Gareth Edwards – e che veniva messo in atto - non era sottoposto a videoanalisi né risulta che lui e gi altri fatati gallesi di quella generazione mai perduta portassero addosso un apparecchietto che, infilato in una taschina della maglia, misurava i loro movimenti, o la distanza coperta in partita, né i loro allenamenti erano accompagnati dal ronzare di un drone.


Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Il tempo striscia, un giorno dopo l'altro ...

Mercoledì 2 Gennaio 2019

 

boxing-day-maxw-1280 


Tra sorrisetti di sufficienza e una spruzzata di compatimento, l’onda montante del Boxing Day e dei suoi fratelli va cancellando ogni traccia di buon senso e, perché no, le vecchie e sane abitudini del nostro semplice mondo. Che lentamente scompare.

Giorgio Cimbrico

Lapidato a colpi di scatola Stefano Protomartire: ormai è Boxing Day. Nostalgia delle cose che una volta capitavano il 26 dicembre: oltre all’inizio dello smaltimento degli avanzi, il Santo Stefano pugilistico a Bologna con Dantone Cané che lasciava il suo banco di formaggi e salumi al mercato per indossare calzoncini e calzare guantoni. Se l’avversario era Bepi Ros, lo spettacolo era assicurato e qualcuno chiosava: “scontro tra ciccioni per il titolo italiano dei pesi massimi”. Oggi non è più possibile dirlo o scriverlo perché sui social media si indignerebbero i ciccioni (altra parola da evitare, meglio obesi o oltre il peso forma o con poca cura della loro fitness), i salumieri, i bolognesi, i veneti, quelli che odiano il pugilato e ne propongono l’abolizione. Meglio andare a impasticcarsi in discoteca o a bulimizzarsi di messaggi o a guardare sul telefonino le web-tette e gli web-culi di Irina, Anastasia e Olga.

Read more...

 
 

Fatti&Misfatti / Un Capodanno senza santi bevitori

Mercoledì 2 Gennaio 2019

 

avellino-armani 2 


“… l’atletica come ci hanno insegnato ad amarla Berra e quelli che andavano a letto senza cena, quando si sentivano un po’ soli, proprio come noi senza di loro anche oggi”.

Oscar Eleni

Davanti alla casa di Franco Arese, un gigante della nostra atletica dentro e fuori dalla pista, seduto sul ghiaccio a leggere “Niente è stato vano” il romanzo di Geza Kertesz, lo Schindler del calcio, il libro scritto da Claudio Colombo su questo ungherese meraviglioso. Dovevamo parlarne tanto tempo fa, prima che su Repubblica il Mura lo inserisse nei 100 nomi da ricordare per il 2018, di questo valente giornalista, Gazzetta, Curierun, oggi direttore de Il Cittadino di Monza, perché il libro il nostro amato Claudio, con cui ci si fermava a discutere sul valore del doganiere Rousseau davanti ad un suo dipinto nel museo di New York, ce lo aveva dato nelle sale dell’Aurora, il ristorante di Milano dove Arese e Liquori hanno ricordato i loro duelli all’Arena, la tana domenicale di Carlino Monti e Franco Sar, l’atletica come ci hanno insegnato ad amarla Berra e quelli che andavano a letto senza cena, quando si sentivano un po’ soli, proprio come noi senza di loro anche oggi.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 10 of 309

Cerca