- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Fatti&Misfatti / Solo oro quel che luccica, ... o no?

Sabato 17 Ottobre 2020


armani-real


Ringraziando il cielo di non aver continuato nel sogno di fare l’allenatore, ecco l’arcobaleno Messina indicare che esistono strade anche contro squadroni da finali, che su Milano infieriscono da 11 anni.

Oscar Eleni

Da una pozzanghera davanti al Forum di Assago per vedere l’arcobaleno messiniano, mentre le ambulanze urlano, la gente che finge di sapere tutto ha soluzioni che non prevedono salvezza, lo sport scopre che nel dilettantismo prevale l’ignoranza e il virus prospera. Gli sbraitanti di ieri, i negazionisti da pisciatoio, cercano maschere nuove e anche noi, nel nostro piccolo, stiamo cercando di nascondere cosa avevamo pensato dell’Armani dopo il finale con l’Olympiakos, di non far sapere che consideravamo perduti i talenti che hanno preferito andarsene all’estero.

Read more...

 

Una foto, una storia / "Un giorno tocchera' a me quella cintura"

Venerdì 16 Ottobre 2020

 

frazier

 

Quella faccenda del titolo Joe se l’era messa in testa sin da ragazzo quando a Beaufort, Carolina, aveva riempito un vecchio sacco di mattoni e pannocchie e nella rimessa picchiava e picchiava, …

Giorgio Cimbrico

“Pregate per lui”, disse chi gli era vicino perché a 67 anni Joe Frazier, “Smokin’ Joe”, ne aveva più per poco: capita quando il cancro tira un gancio al fegato. Tre giorni dopo, il 7 novembre 2011, era finita. “Sempre più vicino a te, Signore”, avrebbe cantato sua madre, fervente battista. “E’ un gorilla, è uno zio Tom”, gli ha gridato per anni Alì e Joe provava a digerire, sino a quando, nel ’96, quando toccò ad Alì, tremolante per il Parkinson, accendere la fiamma olimpica di Atlanta, ruppe il silenzio e disse: “io l’avrei buttato nel fuoco, tutto intero”.

Read more...

 
 

Piste&Pedane / Ma "loro" sono ancora lontani

Mercoledì 14 Ottobre 2020

 

crippa bicchiere 

 

“Avvicinarli, quello posso farlo, sono in grado di farlo. Lavoro per questo. Prossimi obiettivi? Olimpiadi. Non mi monto la testa. Sarebbe bello un piazzamento fra i primi cinque, sei.”

Daniele Perboni

Metti che ti invitino a una festa alle porte di Trento. Metti che il festeggiato deve essere all’oscuro di tutto. «Altrimenti che sorpresa sarebbe?». Metti un pomeriggio nella prima decade di ottobre. Sole, caldo, gente allegra, una quarantina in attesa, birra e carne alla brace, proprio come deve essere un festeggiamento all’aperto. Metti che ti aspetti di arrivare in una sorta di Eden, uno di quegli agriturismi dove è “tutto bello” fra verde e animali in libertà. L’ambiente esorta questi pensieri: montagne e boschi a portata di mano.

Read more...

 
 

Italian Graffiti / Giomi: serenita' e soddisfazione

Martedì 13 Ottobre 2020

 

giomi alfio 

 

All’insegna dell’ottimismo l’addio alle armi del presidente che dal 10 novembre completerà la sua parabola tuffandosi nell’organizzazione degli Europei 2024 in scena dopo i Giochi di Parigi.

 

Gianfranco Colasante


Chiamale, se vuoi, soddisfazioni. Che poi è un po’ come chiedere all’oste se il vino è buono. “Abbiamo messo tantissima carne al fuoco. Forse anche troppe cose, tanto che diventa impossibile seguirle tutte. Ma non tornerei indietro e sono contento di consegnare tutto questo: magari, chi verrà, saprà selezionare meglio di me cosa continuare e cosa interrompere. Abbiamo dato orizzonti nuovi all’atletica italiana”. Questo l’orgoglioso incipit del lascito con il quale l’oste Alfio Giomi – sollevando una ideale caraffa dell’amato Morellino – venerdì scorso ha chiuso il suo doppio quadriennio alla guida della FIDAL.

 

Read more...

 
 

Duribanchi / L'ultima versione del gioco delle tre carte

Martedì 13 Ottobre 2020

  che

E invece, per essere veramente grandi, bisogna amare il proprio lavoro. Bisogna concedere e concedersi. Bisogna saper imparare dalle sconfitte. Con dedizione (anche le sconfitte necessitano di dedizione) e umiltĂ .


Andrea Bosco


Saper invecchiare. Richard Steele sosteneva che “sono pochi quelli che sanno invecchiare con grazia”. Mentre il virus gaglioffo torna a fare paura, mentre i comportamenti irresponsabili di giovani e vecchi portano il governo (che, meglio di quanto non abbia fatto, avrebbe dovuto vigilare) ad ipotizzare (giustamente) nuove chiusure, fuggendo dalle quotidiane miserie il marinaio stanco di acqua, correnti e vento sferzante, celebra qui quelli che invecchiando dimostrano, nello sport, di saper dare il meglio.


Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 9 of 440

Cerca