- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Atletica / (3) L'Italia a Zurigo, tra pronostici e speranze

Mercoledì 6 Agosto 2014 



LUCIANO BARRA


 

L’atletica è uno sport individuale e, a differenza dagli sport di squadra, si presta poco ai pronostici. Talvolta può anche sembrare “unfair” nei confronti degli atleti stessi. Ci ha provato in maniera elegante, da giornalista imparziale, Pierangelo Molinaro sulla Gazzetta di lunedì scorso. Io ci provo da tifoso, anche come stimolo a una situazione dell’atletica italiana che necessita di spinte e provocazioni. Sicuramente la stagione non ha offerto momenti esaltanti, se si esclude la seconda giornata dell’Europeo a Squadre e alcune gare degli Assoluti di Rovereto, tanto che l’opinione generale resta abbastanza negativa. Gli stessi Mondiali Junior non hanno offerto grandi emozioni per l’Italia. Non solo per l’assenza di piazzamenti importanti, quanto per il 33° posto nella classifica a punti. E’ vero che avevamo visto di peggio: 59° a Pechino 2006 e 38° a Bydgoszcs 2008, ma soprattutto perché è difficile intravedere fra quelli che hanno gareggiato speranze per il futuro. E’ la conseguenza prima di otto anni di zero assoluto.

Read more...

 

Musei / Riapre a Losanna il TOM: e i musei tematici italiani?

Martedì 5 Agosto 2014

mirone_2Allora, dopo un paio d'anni di lavori e un costo stimato in 45 milioni di euro, è di nuovo fruibile il Museo del CIO di Losanna. Una storia lunga e che ora approda ai lidi della multimedialitĂ  e dell'architettura d'avanguardia. Un passo in avanti, se vogliamo, anche se le soluzioni adottate, in certi casi, possono sembrare lontane dalla tradizione. Ma il tema proposto - la rappresentazione del messaggio olimpico dall'antichitĂ  ai nostri giorni, professionismo e doping compresi - non si prestava a soluzioni semplici. Il TOM di Losanna - The Olympic Museum - costituisce comunque un modello cui ispirarsi d'ora in avanti se non proprio da copiare. Superato il concetto di sviluppo cronologico - cui s'erano rifatti nel 1992 gli architetti Pedro Ramirez Vazquez e Jean-Pierre Coen, il nuovo allestimento, dovuto allo studio Brauen & Walchli, si sviluppa su spazi piĂą ampi, su tre piani che ospitano tre sezioni tematiche; il mondo olimpico, i Giochi, lo spirito e il messaggio olimpico.


Read more...

 
 

Vintage / Quando Owens e Long sconfissero Hitler

Lunedì 4 Agosto 2014

owens-1


Giochi Olimpici di Berlino, 4 agosto 1936: sulla pedana di lungo prende corpo una delle gare-mito dell’atletica piĂą celebri di tutti i tempi. Rimasta negli annali per motivazioni diverse e non solo tecniche. Favorito era il 23.enne J.C. (Jesse) Owens, l’antilope nera dell’Alabama. Il 25 maggio dell’anni prima, aveva fatto storia nel meeting di Ann Arbour stabilendo in un solo pomeriggio 6 primati mondiali. In quell’occasione aveva portato a 8.13 il record del lungo: un risultato rimasto insuperato per 25 anni e 79 giorni! A Berlino, il giorno prima aveva vinto i 100; il 5 agosto vincerĂ  i 200 e il giorno 9 trionferĂ  nella 4x100 superando gli italiani. Ma nella qualificazione del lungo (fissata ad un modesto 7.15) aveva ottenuto due nulli iniziali e rischiava una clamorosa eliminazione. A quel punto il suo rivale piĂą pericoloso, il tedesco Ludwig “Lutz” Long, un elegante saltatore di Lipsia, gli si era avvicinato dandogli a gesti il semplice suggerimento di battere con maggiore sicurezza, ben prima dell’asse di stacco. 

Read more...

 
 

Calcio / Incontri al Foro Italico: resta tutto come prima, ...o no?

Venerdì 1 Agosto 2014

tavecchio

(gfc) Come era nelle attese, gli incontri al Foro Italico con Giovanni Malagò hanno lasciato le cose come stavano da una settimana, dal giorno della frase incriminata di Carlo Tavecchio, gran capo dei Dilettanti e fino a quel momento presidente in pectore della FIGC, dall'alto del 70% dei consensi. Il riferimento misto alle banane e al fantomatico Optì PobĂ , ipotetico top player della Lazio (del presidente Lotito, grande sponsor di Tavecchio), ha messo in moto un terremoto. Che, al netto del profluvio di parole che ha scatenato (alcune non proprio opportune come quelle del senatore Carraro a sostegno di Tavecchio), rischia di lasciare tutto come prima. Malgrado alcuni distinguo che però, allo stato dell'arte, non hanno riflessi decisivi sulle percentuali.

Read more...

 
 

Atletica / (2) Europei di Zurigo: guardando agli eroi del passato

Venerdì 1 Agosto 2014


scansione2


LUCIANO BARRA


I prossimi Campionati Europei di atletica saranno l’evento piĂą importante della stagione 2014. L’Europa, così come gli altri continenti, tiene questo anno i propri Campionati Continentali. L’atletica è molto cambiata negli 80 anni trascorsi dalla prima edizione, tenuta a Torino nel 1934. In meglio o in peggio, resta difficile giudicare. Tuttavia, indipendentemente dal livello tecnico che non è piĂą quello dei decenni passati, il titolo europee conserva sempre il suo valore. Meriterebbe analizzare il perchĂ© di questo calo della vecchia Europa nelle gerarchie atletiche, ma si rischierebbe di finire in un’analisi sociale/economica piuttosto complessa. Ma, indipendentemente dal valore tecnico, rimane il piacere di vedere gare dove non si gareggia per il record, ma per una medaglia. E la gioia degli atleti che si aggiudicano quel prezioso riconoscimento vale qualsiasi record. La medaglia, o anche il diploma da finalista, rimarrĂ  appesa sull’ideale parete di ognuno di quegli atleti in maniera indelebile, a differenza del risultato raggiunto in uno dei tanti meeting dove non si capisce chi è chi e dove si finisce col perdere l’identitĂ  nazionale degli atleti.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 Next > End >>

Page 307 of 377

Cerca