- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Cinque Cerchi / Cancellata la 50 km di Marcia. Nel silenzio.

Giovedì 7 Febbraio 2019

 

diniz 
Yohann Diniz, campione mondiale in carica della 50 km.

 

Nella distratta assenza delle nostre autoritĂ  sportive, prende corpo lo stravolgimento del programma della Marcia, il tradizionale comparto che piĂą di altri ha prodotto grandi successi per lo sport italiano. Un azzardo e uno schiaffo alla tradizione.


Stefano La Sorda


Qual è la nazione del mondo con più medaglie olimpiche ottenute nella 50 Km di marcia? Guarda un po’, l’Italia nostra, quel paese di grandi camminatori che iniziò nel 1932 con il bronzo di Ugo Frigerio, seguito poi dall’oro del 1952 di Pino Dordoni, il bronzo e l’oro di Abdon Pamich nel 1960 e 1964, l’altro bronzo di Sandro Bellucci del 1984 e infine l’oro di Schwazer nel 2008. La marcia è uno sport nello sport, disciplina di resistenza unica, un tesoro di medaglie per l’Italia. Con la 50 Km di marciam di fatto cancellata dal programma delle massime manifestazioni sportive internazionali, il silenzio (si spera solo momentaneo) di Malagò, Giomi e del direttore tecnico della FIDAL Antonio La Torre (che pure di marcia ne capisce), farebbe pensare ad una amnesia collettiva.

Read more...

 

Piste&Pedane / Il lato (non tanto) segreto del gossip

Giovedì 7 Febbraio 2019

 

tortu-pravo 2 

 

I campionati europei al coperto li guarderĂ  dal salotto di casa, prendendo le misure per i 200, la sua annunciata distanza da parata per Doha e poi per Tokyo 2020. Possiamo dormire sonni tranquilli?

 

Daniele Perboni

 

Quanto è lunga la stagione invernale dell’atletica italiana, fra campestri e indoor? Due, tre, quattro mesi? In linea di massima si può tranquillamente affermare che inizia a metà novembre (con le prime campestri al nord) e finisce a metà marzo con la disputa dei campionati nazionali, sempre riservati alla corsa nei prati, quest’anno previsti a Torino nel Parco di Venaria Reale. Nel mezzo ecco febbraio, intasato (per fortuna) di competizioni sottotetto. E per quanto riguarda i match casalinghi la gran parte sono polarizzate ad Ancona. Stop. Ora, esaurite le fatiche nel fango e nella (poca) neve, tutte le attenzioni sono concentrate sulle corte e nervose piste dei palazzetti. Dalle notizie che giungono, visitando il sito della Federazione, sembra che il movimento italico sia in perfetta salute.

Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / Moderato elogio della genuinita'

Giovedì 7 Febbraio 2019

 

birre

 

Una modesta presa di posizione nei confronti di quei campioni trasformati in personaggi a gradi zero (di alcol), senza macchie (di nicotina) e misurati divoratori di cibo inodore e insapore.

 

Giorgio Cimbrico

Grazie a Kurt Vonnegut, autore di “La colazione dei campioni”, oltre a un capolavoro come “Mattatoio 5”. La “colazione” è un eccellente spunto per parlare dell’alimentazione e delle abitudini di quelli che fanno sport ad alto livello, giusto nei giorni in cui i vegani stanno alzando la testa, promettono biglietti gratis per i concerti di non so chi e non mi frega niente di saperlo, e chiedono al Papa di trasformare la Quaresima in una parentesi vegana. Nel ricordo di vecchi asado, spero che Francesco respinga l’offerta o la ignori.

Read more...

 
 

Giornalismo / "Non comprero' piu' la Gazzetta"

Mercoledì 6 Febbraio 2019


gazzetta-1955

30 Settembre 1955: quando la Gazzetta era dello Sport.


(gfc) "Tra i 2011 e il 2015 il gruppo ha perso un miliardo e 300 milioni di euro. Quando sono arrivato il debito era di 486 milioni. [...] Il 2018 registra una marginalità positiva per 156 milioni: non abbiamo mai toccato i dipendenti nè la qualità dei giornali, abbiamo ridotti gli sprechi". Queste le parole di Urbano Cairo, dall'agosto 2016 presidente e AD di RCS MediaGroup, editore della Gazzetta dello Sport, al Road Show tenuto a Milano due giorni fa. Cairo ha anche annunciato: "Stiamo preparando una nuova Gazzetta e un nuovo sito". Tutto nella logica del mercato e del risanamento, giustamente, ma nella storia dello sport italiano la Gazzetta ha avuto altri obiettivi e, soprattutto, molti e grandi meriti. Un ruolo, lo dico sommessamente, che sarebbe da tutelare almeno quanto il profitto.


Giorgio Lo Giudice


Oggi ho preso una decisione per me importante, anche se a prima vista superficiale. Ho deciso di non comperare più, dopo 62 anni ininterrotti, La Gazzetta dello Sport. Giornale al quale ho dato circa 50 anni della mia vita, professionale e non. Non ne posso più, non mi ci riconosco, non trovo più nulla che possa essere di interesse, notizie, risultati e che altro. Interi sport misconosciuti, entrano in cronaca solo se ci sono incidenti gravi o cronaca nera. Cairo si metterà a ridere, sono contento per lui. Se è questa la Gazzetta che vuole se la tenga. Ad oggi avevo mancato 14 volte la Gazzetta in oltre sessanta anni, di cui cinque perché ero su un letto d'ospedale dopo un intervento e non avevo proprio voglia di leggere e pensare allo sport.

 


Read more...

 
 

I sentieri di Cimbricus / In lode della semplicita' perduta

Martedì 5 Gennaio 2019

 

fake-news 

 

Giorgio Cimbrico

“I plagiati e i plagiatori scelgono toni, parole, facili metafore, grevi accostamenti che eccitano il pubblico dei plagiandi che finisce per passare dalla loro parte, anche perché, in larga parte, non ha un precedente modello di riferimento”.


Chi è versato nella Qabbalah può costruire un golem, un colosso d’argilla – fatto di quella materia grezza di cui era costituito Adamo prima che gli fosse insufflata l’anima –, e dargli vita appuntando sulla sua fronte la parola “emet”, verità. Il golem diventerà fedele servo del suo creatore, ubbidirà ai suoi ordini. Se il golem crescerà a dismisura il creatore potrà bloccarlo sostituendo la parola “emet” con “met”, morto. Joshua Low, rabbino in Praga nella seconda metà del XVI secolo, creò un golem che, dopo esser stato suo devoto servitore, iniziò a trasgredire agli ordini e a creare grattacapi.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 3 of 309

Cerca