- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Calcio / Giancarlo Abete rieletto fino a Rio 2016

PDFPrintE-mail

Martedì 15 gennaio 2013

abeteDifficile credere che il calcio italiano – nel confermare la fiducia per la terza volta al candidato unico Giancarlo Abete, con una maggioranza che più bulgara non si può: 94,34% per cento – abbia con questo imboccato la strada delle riforme. Ma stiamo ai fatti. La strada delle riforme è proprio quella invocata, e auspicata come verbo del quadriennio che si concluderà nel 2016, da Abete che nel suo intervento di chiusura (“Uniti per un calcio migliore”) ne ha sintetizzato l’impegno in tre direzioni: a) riforma della giustizia; b) legge sugli stadi di proprietà; c) lotta alle frodi calcistiche. Visti i tempi che corrono, con le procure impegnate a ritmo serrato, un governo tutto da definire, una generale ristrettezza economica, ci sarebbe da tremare. Ma i vertici del pallone hanno emesso il loro verdetto e così sia.

Se un po’ di brivido questa elezione l’ha offerta, va individuato nella annunciata assenza dei rappresentanti della Lega di A, lacerata da anni da veti incrociati e vendette neppure tanto garbate. Andata a vuoto l’ultima fumata per l’elezione del nuovo (si fa per dire) presidente, sarà necessario attendere almeno venerdì 18. Intanto si viene a sapere che uno dei due contendenti che spaccano il consenso, Andrea Abodi, si appresta a fare marcia indietro e a farsi confermare alla testa della Lega di B. Tanto per non sbagliare.

Che dire? La sensazione che si trae da questo episodio non è nuova: come scriveva il principe di Lampedusa, si può “cambiare tutto per non cambiare niente”. Nello stucchevole girotondo che ripropone da anni le stesse facce, intendiamoci, tutte persone al di sopra di ogni sospetto, la volontà di cambiare resta da dimostrare nei fatti. Il nocciolo della vicenda andrebbe invece individuato nel rapporto tra uno sport di professionismo esasperato e un Comitato Olimpico di natura pubblica che gestisce denaro dell’erario (tanto per ricordare, il CONI gira attualmente alla FIGC di Abete un contributo annuo non inferiore a 60 milioni di euro). Un inizio di riforma virtuosa passerebbe di contro attraverso una scrittura moderna della legge 91 sul professionismo, la cui stesura risale addirittura al 1978, ai tempi di Franco Carraro. Come dire, a un’era geologica fa.

 

 

Cerca