- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Atletica / Immenso Bolt, ma grandissimo anche Fabrizio Donato

PDFPrintE-mail

Giovedì 9 Agosto 2012

Settima giornata di Atletica. Usain Bolt fa quanto aveva stabilito: vince anche i 200, unico velocista capace di ripetere la doppietta 100/200 alle Olimpiadi. Ora lo aspetta il terzo oro nella staffetta (che ha però perso Powell, infortunatosi nella finale dei 100). Che Bolt sia il più grande atleta del nostro secolo lo sanno tutti, ma la nuova conferma (negli stessi giorni di quattro anni fa, quando a Pechino iniziò a dipanarsi la sua leggenda) ha sollevato entusiasmi un po’ esagerati. Come logica comandava, benché relegato in settima corsia, il giamaicano ha fatto passerella correndo in un “normale” 19”32, superando ancora Yohan Blake (19”44) e l’altro connazionale Warren Weir, capace di chiudere in 19”84. In sintesi con un vantaggio di 12/100 sul secondo, mentre a Pechino ne aveva accumulati 52 nei confronti di Churandy Martina (poi squalificato per invasione), stasera quinto in 20”00. Cosa se ne ricava?

Bolt è sempre il più grande, in possesso di mezzi non compiutamente esplorati, ma il resto del mondo non appare più tanto lontano come quattro anni fa. Anche se la velocità balla sempre a ritmo di raggae, come conferma l’exploit del 23.enne Weir, il nome più nuovo del circuito internazionale dello sprint. Non è poi un caso che la Giamaica abbia riportato una straordinaria tripletta proprio qui a Londra, dove ai Giochi del 1948 si rivelarono al mondo i grandi quattrocentisti di quel piccolo paese. E, a proposito di 400, provate ad immaginare dove potrebbe arrivare Bolt sul “giro” se solo fosse educato a tenere la distanza.

Doverosamente detto di Bolt, la serata resta nella storia soprattutto per il più grande 800 di sempre. Con David Lekuta Rudisha che ha corso in 1’40”91, un record del mondo destinato a durare a lungo. Primato che assume un valenza particolare in quanto il keniano ha condotto sempre in testa, proprio per questo mancando di bucare la barriera dei 100 secondi. A frugare nella storia, per gli 800 si ricorda solo un precedente: quando nel giugno 1973 Marcello Fiasconaro demolì in 1’43”7 l’allora primato mondiale. Ma quella di Rudisha rimane impresa che si colloca al limite delle umane possibilità. Il suo ritmo infernale (49”3 a metà corsa) lo hanno tenuto solo due 18.enni, Nijel Amos (1’41”73) e Timothy Kitum (1’42”53) che maggiorenne lo diventerà addirittura a novembre, davanti alla coppia americana formata da Duane Solomon e Nick Symmonds, entrambi sotto 1’43”. Tutti elementi per riporre questa gara nella bacheca più esclusiva dell’atletica, non solo del mezzofondo veloce.

Ed eccoci agli sprazzi d’azzurro che hanno illuminato la pedana del triplo. Presentata come una sfida tra USA e Italia, la gara ha rispettato i pronostici esaltando al massimo i protagonisti. Nella lotta è emerso il carattere di Fabrizio Donato, grande combattente che, a 36 anni, ha saputo reagire da campione collaudato ai nuovi acciacchi fisici. Autore di una gara molto regolare giocata sul filo dei 17 metri e mezzo, valida per una medaglia di bronzo di grande valore, non solo perchĂ© eguaglia quella di Beppe Gentile, ma soprattutto perchĂ© restituisce vigore a tutto il nostro movimento atletico, colpito al cuore dalla vicenda Schwazer e che aveva assoluta necessitĂ  di una boccata d’aria pulita. Quasi sulla stessa linea di Donato, si è battuto Daniele Greco, quarto in 17.34, malgrado il consueto attacco di crampi. Un risultato straordinario tanto piĂą in prospettiva, pensando ai 23 anni che il pugliese può gettare nella mischia.  
 

Cerca