- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Londra 2012 / Quando una medaglia doro ne vale ... 87!

PDFPrintE-mail

Martedì 31 Luglio 2012

Sul sito London2012.com – la frequentatissima vetrina sui Giochi londinesi che sta rischiando di andare in tilt – si trova il medagliere aggiornato gara per gare. Niente di piĂą normale o abituale. Quello che colpisce nella mattina odierna, in attesa della conclusione delle competizioni giĂ  iniziate, è il criterio utilizzato dagli organizzatori (non dal CIO, che le classifiche per nazioni le ha sempre aborrite, ma che non ha la forza per vietarle). Così troviamo l’Italia in quinta posizione con le sue 8 medaglie – 2 d’oro, 4 d’argento, 2 di bronzo –, alle spalle della Corea del Nord che ne ha vinte la metĂ , ma ne ha tre d’oro, una in piĂą degli azzurri. Dal momento che le nazioni si allineano in base al numero degli ori, nulla da eccepire se tutti lo accettano, ma resta comunque un paradosso, dal momento che sul podio, piĂą degli italiani, sono finora saliti solo cinesi e statunitensi.

Vi facciamo un esempio più istruttivo. L’inserto che lo scorso 27 luglio la Gazzetta ha dedicato alla presentazione, riportava una classifica “generale” per nazioni in base al numero delle medaglie vinte in tutte le edizioni. Al primo posto, ovviamente, gli Stati Uniti con 2322 medaglie (944 ori, 736 argenti, 642 bronzi), e via via le altre a seguire. In settima posizione troviamo la Repubblica Popolare di Cina con 385 medaglie (163 ori, 117 argenti, 105 bronzi), ma davanti all’Ungheria che di medaglie può vantarne 472, ma di ori solo … 162: come dire uno in meno dei cinesi.

Così, ai poveri ungheresi – sempre grandi protagonisti dei Giochi, sin dalle origini – tocca ora accodarsi ai nipotini di Mao perchĂ© quell’oro in meno non vale … le 87 medaglie in piĂą! Se questo è il criterio piĂą giusto ed equilibrato, tenetevelo da conto. Nel nostro piccolo, se mai ci capiterĂ  di stilare una classifica all-time (esercizio che andrebbe evitato dal momento che non si ha certezza degli addenti), ci fideremo solo dei totali, i soli in grado di monitorare continuitĂ  e rendimento. Senza per questo dimenticare che non tutte le medaglie – d’oro o meno che siano – possono vantare gli stessi quarti di nobiltĂ .  

 

 

Cerca