- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Olimpiadi / La squadra a 30 giorni dai Giochi

PDFPrintE-mail

Giovedì 28 Giugno 2012

A un mese esatto dalla cerimonia d’apertura, la squadra italiana per i Giochi londinesi può ritenersi impostata nelle linee essenziali, con un numero di atleti oscillante attorno alle 270 unità (273 ad oggi, per l’esattezza). Pur se restano aperte ancora diverse opzioni (come per l’Atletica, con molti atleti, specie nelle staffette, impegnati negli Europei in corso in queste ore ad Helsinki), si può ragionevolmente ritenere che il numero finale non dovrebbe discostarsi dalle 300 unità. Un totale inferiore sia nei confronti di Pechino (340) che di Atene (365), che fece registrare il massimo storico. Per trovare una squadra attestata al di sotto dei 300 atleti bisogna riferirsi al 1992. Ma ovviamente, ciò che più conta, è la qualità rispetto alla quantità. Considerazione dalla quale discende la previsione sulle medaglie che verranno o meno conquistate. Una valutazione che incontra una certa condivisione parla, nel complesso, di una trentina di medaglie, una decina delle quali d’oro. Ad ogni modo il CONI – già scottato da quanto accaduto a Pechino, dove la previsione di 44 medaglie si ridusse drasticamente nella realtà (per di più con un “argento” che si dovette restituire per doping) – si sottrae al gioco dei pronostici.

La linea di non ritorno è tracciata attorno alle venti medaglie, cifra al di sotto della quale (considerate le ingenti cifre impegnate in quattro anni) si aprirebbe il baratro del disastro, con ripercussioni possibili sulle prossime elezioni (CONI) che, nella primavera del 2013, dovrebbero precedere di poco quelle politiche. Staremo a vedere. Intanto, sulla composizione finale della squadra, sono da sciogliere diversi interrogativi. Detto dell’atletica, un nodo riguarda il nuoto con cifre che ballano: ai 33 elementi della federazione (19 uomini e 14 donne) corrispondono i 32 che risultano al CONI (con 16 elementi per parte). Anche il ciclismo ha i suoi problemi dopo il caso Michele Scarponi, già selezionato ma nel mirino dell’antidoping per le frequentazioni (ammesse) con il dottor Ferrari. Tutto rinviato a luglio, dal momento che Scarponi ha preso il via al Tour. Nel frattempo, nella mattinata odierna, la federazione di tiro con l’arco ha annunciato la sua squadra definitiva (qualificata già dai Mondiali 2011): confermati tra i maschi Galiazzo, Frangilli e Nespoli, il trio delle ragazze, fisse Valeeva e Tonetta, vede l’ingresso di Pia Lionetti ai danni di Guendalina Sartori che, assieme a Luca Melotto, avrà il ruolo di riserva.


â—Ź La composizione numerica (ad oggi) della squadra azzurra:
(Uomini + Donne)
33    Nuoto (19 +14)
26    Pallanuoto (13 + 13)
24    Atletica (12 + 12)
24    Pallavolo (12 + 12)
20    Canottaggio (18 + 2)
20    Scherma (10 + 10)
18    Ginnastica (6 + 12)
14    Ciclismo (10 + 4)
11    Vela (7 + 4)
9      Judo (4 + 5)
8      Canoa Kayak (5 + 3)
8      Tiro a volo (6 + 2)
8      Tuffi (4 + 4)
7      Pugilato (7 + 0)
7      Tennis (3 + 4)
7      Tiro a segno (5 + 2)
6      Tiro con l’arco (3 + 3)
4      Beach-volley (2 + 2)
4      Pentathlon (2 + 2)
3      Equitazione (1 + 2)
2      Nuoto fondo (1 + 1)
2      Nuoto sincro (0 + 2)
2      Taekwondo (2 + 0)
2      Tennistavolo (1 + 1)
1      Badminton (0 + 1)
1      Lotta (1 + 0)
1      Pesistica (1 + 0)

 

Cerca