- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

I sentieri di Cimbricus / Tremate, un cinguettio vi sbranera'

PDFPrintE-mail

Mercoledì 2 Dicembre 2020

 

bocca-verita 


I tweet, insomma le cose che uno scrive, non hanno il riconoscimento della prescrizione? Pare di no, perché ricadono più o meno nella categoria dei crimini di guerra o contro l’umanità.

Giorgio Cimbrico

Al tempo delle Serenissima, uno imbucava una denuncia anonima nella Bocca della Verità e il malcapitato finiva davanti al tribunale per eresia, sodomia, usura, alto tradimento, veniva sottoposto ai tratti di corda tra un periodo e l’altro passato in carceri fetide, veniva dichiarato colpevole o, qualche rara volta, innocente. Nessuno si curava da chi perché fosse arrivata la denuncia.

Un tweet, un cinguettio, vi sbranerà: è la morale espressa da quanto è successo a Pablo Matera, capitano dei Pumas, la nazionale argentina di rugby, degradato e rispedito a casa con due compagni, Guido Petti e Santiago Soncino, per messaggi via social, risalenti al 2011 e al 2013, dai contenuti razzisti (contro gente di colore) e xenofobi, nei confronti di boliviani e paraguayani. Matera, all’epoca, aveva tra i 18 e i 20 anni. Il Puma divorato dalla silhouette di un uccellino. Il mondo alla rovescia o il Giardino delle delizie di Hyeronimus Bosch.

Mi domando chi ha il tempo e la voglia a scavare nei meandri dei social per rinvenire qualcosa che possa apparire imbarazzante e esibirlo come una magnifica preda. Non lo so, non ho risposta e sale nella mia stima l’implacabile e odioso Javert che perseguita Jean Valjean, anche quando è chiaro che il vecchio galeotto è diventato una persona onesta, rispettabile, generosa, un benefattore. Era inevitabile: Javert era uno sbirro, aveva quella formazione, quell’habitus: Il delinquente era tale per sempre. Ma questi, che rivelano tutto, che piantano sulle zucche del prossimo il sanbenito dei condannati dall’Inquisizione, chi sono?

Altra domanda senza risposta: i tweet, insomma le cose che uno scrive, non hanno il riconoscimento della prescrizione? Pare di no, perché ricadono più o meno nella categoria dei crimini di guerra o contro l’umanità. Con una differenza: a Norimberga e all’Aja deposero e depongono testimoni vagliati dalla corte. Attendibili. Gli anonimi, non ammessi. Timeo social et dona ferentes.

Ripeto quel che dico da tempo: non mi sdegno, lo giuro. Assisto, prendo nota che la gente dipende da qualcosa che l’ha sconvolta, privandola di umanità, mutilandola della memoria, dotandola degli strumenti più biechi: l’ipocrisia, il più piatto dei conformismi, l’intolleranza, l’incapacità della più semplice delle analisi. La pandemia ha fatto il resto.

Sciare necesse est, e tornare voraci allo shopping e sitibondi alla happy hour. Aperto il dibattito – attendo l’intervento di teologi o di docenti di diritto canonico – sull’orario della messa natalizia: vale anche in forma di matinée?

Un aspetto mi spaventa: mettiamo che prenda il potere qualche giovane e disinvolto leader per annunciare “ore rotundo” che il virus è solo per i vecchi e dei vecchi, che, anzi, è al loro interno che cova, non si estingue, si moltiplica. Misure: isolamento mediante porte sigillate con il saldatore e, in seguito, deportazione di massa, per fasce di etĂ . Dove? Non si sa. In qualche hot spot opportunamente allargato, confidando comunque che il ricambio sia rapido, come capitava a Theresienstadt. Mi sveglio e son desto: che brutto incubo. Bevo il caffè e accendo la prima di un serie di Camel. Sparito il pacchetto con l’animale con la gobba. Ora solo immagini terribili: uno appena crepato d’infarto, un tipo disperato perchĂ© non può procreare, una ragazza che sputa sangue.  

Dal momento che il 2020 è molto più triste e livido del 1984 immaginato da uno scrittore inglese, tento di strapparvi un sorriso, a costo di sfidare chi monta di guardia e, intercettandomi, mi renderà colpevole di orrendi misfatti. Sabato, contro i Maori All Blacks, esordisce la selezione degli isolani. L’hanno battezzata Moana Pasifika: tutte le rime del mondo, tutte le allusioni sono permesse sino a quando arriveranno i gendarmi con le armi.

 

Cerca