- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Duribanchi / Porte aperte, porte chiuse, porte girevoli

PDFPrintE-mail

Martedì 3 Marzo 2020

 

calcio-balilla 

 

‚ÄúNon fosse tragico, sarebbe comico. Ma √® tragico. C‚Äô√® il virus. Non √® una influenza. √ą qualche cosa di diverso, ormai. L'emergenza sanitaria si √® sommata al terrorismo comunicativo.‚ÄĚ

Andrea Bosco

Tutto oscurato. Il successo della Brignone. L'ennesima sconfitta dell'Armani di Messina, oggi fuori dai play off di Europa League. Tutto oscurato dalla follia pallonara di un Palazzo incapace ed inadeguato. Dalle pelose necessit√† di questo o quel club. Dall‚Äôipocrisia di millanta valletti in servizio permanente. Dalla pochezza di un governo senza idee e senza polso. Dalla non infrequente canea di certa opposizione. Dalla presunzione degli scienziati che proprio non resistono a contraddire in ‚Äútempo reale‚ÄĚ il collega che ha avuto microfono, riflettori e telecamera a sua disposizione.

Il calcio nostrano √® nella cacca. Non n√© una novit√†. Il calcio ha il Palazzo che si merita. I dirigenti che si merita. Il problema √® che il Palazzo invaso dai gattopardi non √® riformabile. I professionisti della poltrona allo scranno non rinunceranno mai. Nel calcio e ad altre latitudini. Sopravvivono i ‚Äúsugheri‚ÄĚ di ogni federazione. Quelli che hanno la responsabilit√† di aver portato il campionato di calcio a 20 squadre. E quelli che avevano introdotto la cravatta con l'elastico. Ti puoi fidare di gente che non riesce a farsi il nodo della cravatta?

TRAGICO - Non fosse tragico, sarebbe comico. Ma √® tragico. C‚Äô√® il virus. Non √® una influenza. √ą qualche cosa di diverso, ormai. L'emergenza sanitaria si √® sommata al terrorismo comunicativo. Del resto cos√¨ funziona ormai alle nostre latitudini. L'azzeccagarbugli del popolo semina per ore accuse e timori salvo poi constatare ‚Äď a danno fatto ‚Äď che il mondo ha provveduto a mettere il paese in quarantena. Poi c'√® quello che pur ‚Äúnon √® positivo‚ÄĚ si mette la mascherina in casa: e vai!

C'√® anche chi in questo inverecondo casino sta facendo bene il proprio lavoro. Voglio citare Luciano Onder e il Tg5, la tv privata che sta operando da servizio pubblico. E voglio citare Silvia Toffanin per troppo tempo considerata solo la ‚Äúmoglie di Piersilvio‚ÄĚ che con misura e con un parterre di tutte donne ha affrontato il tema scottante del coronavirus. Segnalo Iva Zanicchi che ha 80 anni e che ha rassicurato i ‚Äúvecchi‚ÄĚ. Quelli che nella vulgata dei talk show ‚Äúdispiace, ma essendo anziani ed avendo altre patologie inevitabilmente muoiono‚ÄĚ. Sapientoni: ad Honk Kong ha beccato il virus persino un cane. Se non √® una fake direi sia preoccupante.

Non guarder√≤ invece pi√Ļ Maria De Filippi, bench√© la consideri la pi√Ļ brava, nella televisione-circo che ci ammorba. Perch√© anche lei ci ha propinato le ‚ÄúSardine‚ÄĚ. Questi ‚Äúciovani‚ÄĚ che presto avranno come ‚Äúi ragazzi del Leoncavallo‚ÄĚ l'et√† del dattero e che si distinguono, per l'imbarazzante ‚Äúnulla‚ÄĚ dialettico che offrono. A dimostrazione che il web non √® la ‚Äúfigata‚ÄĚ che ti consente mentre stai defecando a Milano di collegarti in chat con uno che sta correndo su uno sterrato in Papua Nuova Guinea. Il web √® lo strumento che consente a degli sconosciuti di convocare in piazza migliaia di persone a protestare sul dialogo dei massimi sistemi. Perch√© il fascismo, il nazismo, il razzismo sono piaghe da estirpare. Ma il ‚Äúsovranismo‚ÄĚ √® solo uno slogan del quale si riempiono la bocca quanti non hanno argomenti per dare risposte, a poche semplici domande.

EUROPA - A cosa serve l'Europa se le disuguaglianze (nei singoli paesi e tra stato e stato) invece che ridursi si sono nel corso dei decenni allargate? A cosa serve l'Unione Europea se di fronte alle emergenze, economiche, migratorie, sanitarie non riesce a dare risposte rapide, serie, univoche? Che razza di istituzione è quella che mentre nel mondo infuria il contagio, si riunisce per sanzionare l'Italia, colpevole di aiuti di stato alla (peraltro decotta) Alitalia? L'Europa che non sa che pesci pigliare contro il sultano che ammazza e perseguita dentro e fuori i suoi confini. Che invade, minaccia, ricatta, stupra, tortura. L'Europa sembra l'equipaggio del Titanic che continua a ballare e a brindare mentre la grande nave sta affondando.

Sta con l'acqua alla gola anche il calcio nostrano. Porte aperte, porte chiuse, porte girevoli alla Feydeau. Ci sono i cornuti, i manutengoli, le puttane e i puttanieri: nessuno manca all'appello. A patto che non capiti nel mio orticello, va bene tutto: porte aperte e porte chiuse, chi se ne sbatte della salute della gente. E men che meno della regolarit√† del campionato. Ma poi toccano Juventus-Inter: la spostano assieme ad altre gare. E tutti ipocritamente si stracciano le vesti, ma si guardano dal dire la verit√†. E cio√® che l'Inter aveva fatto la bocca al suo ‚Äúparticulare‚ÄĚ: giocare a porte chiuse contro una avversaria apparsa a Lione in grande difficolt√†. E cio√® che la Juventus, aveva il suo di ‚Äúparticulare‚ÄĚ: non dare vantaggi all'avversario che persino il magazziniere sociale detesta. E salvaguardare un incasso da 5 milioni di euro. Quattrini per rinsanguare il bilancio in rosso o magari da destinare alla prossima campagna acquisti.

La Lazio, il terzo incomodo (balzata in testa alla classifica), tace. Ma Claudio Lotito √® uno che sa farsi alla grande il ‚Äúparticulare‚ÄĚ suo. Non se ne parla di anticipare al venerd√¨ la gara contro l'Atalanta, impegnata la settimana successiva in Champion's a Valencia. Qualsiasi giustificazione, dovesse mai essere fornita, difficile credere a uno che a Roma chiamavano ‚ÄúEr Menzogna‚ÄĚ. A proposito di Atalanta: la Juventus gioca da cani. L'Inter gioca da ‚Äúforzuta‚ÄĚ. La Lazio gioca davvero bene. Ma l'Atalanta neppure gioca il calcio del futuro: pratica semplicemente un altro sport. √ą indietro in classifica, ma se c'√® una squadra che meriterebbe lo scudetto, questa √® la Dea.

GRIZZLY - Un dito in un occhio merita, viceversa, la giustizia italiana. Quella della Cassazione che dopo aver dato ragione (solita eterna durata del processo) al collega Walter Vecelio del Tg2, lo ha condannato comunque a pagare le spese processuali. Perch√© il ‚Äúboia‚ÄĚ nazista oggetto della causa, nullatenente, non avrebbe potuto onorare la richiesta della suprema corte. Roba da realt√† romanzesca. Anzi peggio.

A proposito di colleghi : complimenti ad Oscar Eleni che tra un paio di settimane si vedrà consegnare la medaglietta dell'Ordine dei giornalisti per i 50 anni di professione. Io l'ho avuta l'anno scorso. Ad Oscar dico: goditi il momento. Te lo sei meritato con una esemplare carriera. E prova, quando te la consegneranno e ti chiederanno di dire due parole, a non “ruggire". Ma conoscendoti, immagino sarà difficile non ti scappi il sospiro del grizzly.

 

Cerca