- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Mondiali '17 / Se 29 medaglie vi sembran poche, ...

PDFPrintE-mail

Martedì 28 Novembre 2017

tita-banti 2

di Gianfranco Colasante

Tempo di bilanci. Diciamo subito che nel confronto tra i risultati ottenuti ai Mondiali 2017, gli azzurri hanno fatto meglio nelle prove estive che in quelle invernali. Il chè, se da un lato è confortante in vista di Tokyo 2020, lo è molto meno in direzione PyeongChang 2018, alla cui apertura mancano solo 72 giorni. L'analisi che proponiamo oggi - dopo quella sulle 15 discipline invernali pubblicata lo scorso 14 Novembre - muove dai risultati dei Campionati Mondiali ricalcati sul solo programma di Tokyo. Al momento sono stati assegnati 261 titoli iridati, pari all'81,3% delle gare olimpiche. Si ricordi che sono ufficialmente 321: 156 maschili, 147 femminili e 18 "miste". Altre 18, in perfetta parità di genere, relative a Baseball/Softball, Karate (una categoria Kata e tre Kumite), Skateboard, Arrampicata e Surfing, già annunciate dal CIO, dovranno essere "confermate" (e lo saranno a breve).

Mondiali Estivi - Medaglie Italia 2017
Medagliere generale 2017 (82 CNO classificati)
Risultati completi Mondiali Estivi 2017

Nel complesso dei 23 Mondiali estivi gli azzurri hanno vinto 29 medaglie in 10 discipline - 12 Ori, 4 Argenti, 13 Bronzo - con prevalenza assoluta nella Scherma, nel Canottaggio, nel Nuoto e nel Tiro a volo. Un bottino che li conferma nella Top Ten annuale, alle spalle della Germania e di poco davanti alla Francia. Si noti che nella Scherma, a differenza di quanto accade nei Mondiali, ai Giochi le medaglie di bronzo non si assegnano automaticamente ai perdenti delle semifinali, ma dopo una finale per il terzo posto.

Il medagliere generale, come si può verificare nei link proposti, è largamente dominato dagli atleti a stelle-e-strisce con 96 podi totali, davanti ai russi e ai cinesi. Con un certo distacco, ma sorprendetemnte quarto, segue il Giappone impegnato nel grande sforzo tecnico/organizzativo in vista dei Giochi.

Questa è la sintesi di vertice della tabella medaglie iridate per il 2017 (sono ancora da assegnare i titoli nel Sollevamento Pesim con tutti i distinguo su doping ed esclusioni, e nell'Handball femminile):


   ORO   ARG   BRO     Tot.  
 Stati Uniti 35 34 27 96
 Fed. Russa 17 25 24 66
 R.P. Cina 21 18 21,5 61,5
 Giappone 18 12 17 47
 Gran Bretagna   11 13 15 39
 Australia 9 14 11 34
 Germania 12 11 9,5 32,5
 Italia 12 4 13 29
 Francia 12 2 13 27
 Corea Sud  9 4 12 25


Una precisazione. Nei dati più volte diffusi dal CONI, e ripresi da vari organi di stampa, si parla invece di 35 medaglie "in gare olimpiche". Dizione sostanzialmente corretta, ma sotto la quale, con una certa fantasia e una punta di malignità, si conteggiano anche le due medaglie d'oro vinte ai Giochi di Rio [sic!] da Niccolò Campriani, un altro oro vinto nel pugilato da Alessia Mesiano nei Piuma ma ai Mondiali dello scorso anno, e addirittura l'argento riportato nella Pallavolo a Rio. Giustificando il tutto con la circostanza che quest'anno non erano in programma i rispettivi Mondiali.

Ma si è andati oltre. Conteggiando anche un bronzo nel Kata di Viviana Bottaro (in uno sport da confermare nel programma olimpico) e un terzo posto della Under20 di Alberico Evani nei Mondiali di categoria disputati a giugno in Corea, ottenuto ai rigori contro l'Uruguay che ci aveva battuti nel girone. Tutto bene se non fosse che nel calcio ai Giochi sono ammesse le squadre degli Under23.

Tutto ciò premesso, godiamoci per ora le 29 medaglie vinte in gare che avranno un reale corrispettivo a Tokyo. Si tratta di un bilancio già soddisfacente dal quale ripartire, senza la necessità di doverlo in qualche maniera artatamente gonfiare.

Nella foto FIV, Caterina Banti e Ruggero Tita.

 

   

 

Cerca