- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Rio 2016 / Atletica: il punto sulle staffette, va solo la 4x4 donne

PDFPrintE-mail

Lunedì 11 Luglio 2016

4x400

Alla mezzanotte di oggi scade il termine ultimo stabilito dalla IAAF per ottenere i "minimi" di iscrizione per l'atletica ai Giochi di Rio. In attesa di conoscere l'elenco completo degli atleti che Alfio Giomi - dopo le risultanze e le esultanze di Amsterdam - sottoporrà al CONI, possiamo anticipare la situazione finale delle staffette azzurre. A conti fatti, il passaporto per il Brasile ce l'hanno solo le ragazze della 4x400 (nella foto Colombo/Fidal), grazie ai crono ottenuti ai Mondiali 2015 e ai recenti Europei. Scende invece dal 14° al 17° posto, quindi fuori dalle elette, la 4x100 femminile, retrocessa nelle ultime ore a vantaggio della Francia e del Ghana, forte di un inatteso 42"87 ottenuto venerdì scorso.

Una sola staffetta a Rio è risultato alquanto lontano dalle quattro che, in campagna elettorale, avevano annunciato Giomi e il CT Massimo Magnani quale priorità della loro gestione. Come è noto, ai Giochi le gare a staffette sono limitate a 16 squadre: le prime 8 designate dal festival di Nassau del maggio 2015, le seconde 8 in base alla media dei due migliori risultati del biennio. In questa seconda categoria rientra ampiamente la staffetta femminile del miglio che ha vinto il bronzo ad Amsterdam. Con Libania Grenot, bi-campionessa europea e ultima frazionista, del gruppo fanno parte Maria Benedict Chigbolu (compagna di Matteo Galvan che a Rio correrà i 400), Maria Enrica Spacca, Chiara Bazzoni e Elena Bonfanti. Da designare una sesta quattrocentista.

Di poco fuori, quindi, le due staffette veloci, appena sotto la linea di galleggiamento. Peccato per i maschi, anche perchè l'eplosione di Filippo Tortu avrebbe potuto garantire un miglior rendimento complessivo. Veramente sfortunate le ragazze, che ora possono sperare solo su una rinuncia.

Questo è il quadro generale che tiene conto del "congelamento" degli atleti russi. 

Uomini
4x100 - (1-8) JAM 37"38, USA 37"62, FRA 38"05, GER 38"20, JPN 38"40, TTO 38"42, BRA 38"63, SKN 38"76;
(9-16) CHN 37"96, CAN 38"07, ANT 38"07, GBR 38"14, NED 38"42, TUR 38"50, DOM 38"56, CUB 38"57.
Prima delle escluse: BAR 38"60. Italia 18° (38"63).

4x400 - (1-8) USA 2'57"97, TTO 2'58"43, JAM 2'58"60, BEL 2'59"30, BAH 2'59"62, BRA 3'01"00;
(9-16) CUB 2'59"82, FRA 2'59"94, DOM 3'00"94, POL 3'00"94, IND 3'01"54, COL 3'01"68, KEN 3'02"29, JAP 3'02"70.
Prima delle escluse: VEN 3'02"76. Da definire la posizione della Russia (3'00"58).

Donne
4x100 - (1-8) JAM 41"33, USA 41"75, TTO 42"13, GBR 42"27, CAN 42"72, BRA 42"93, SUI 42"83, NGR 43"04;
(9-16) NED 42"18, GER 42"23, UKR 42"68, CHN 42"74, KAZ 43"03, FRA 43"05, GHA 43"17, POL 43"22.
Prima delle escluse: ITA 43"25. Da definire la posizione della Russia (43"04).

4x400 - (1-8) USA 3'19"41, JAM 3'20"80, GBR 3'23"75, FRA 3'25"41, CAN 3'26"91, POL 3'27"66, AUS 3'29"32, BRA 3'30"33;
(9-16) NGR 3'24"19, UKR 3'25"97, ITA 3'27"27, GER 3'27"81, IND 3'28"46, ROU 3'28"83, NED 3'29"20, BAH 3'29"39.
Prima delle escluse: CUB 3'29"54. Da definire la posizione della Russia (3'24"29).

 

Cerca