- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Ranking T&FN - Donne

PDFPrintE-mail



RANKING T&FN – DONNE

 

1956 - 2016

 

La stesura del Ranking di Track&Field News, che censisce annualmente l’atletica mondiale stabilendo un ordine di merito per le prime 10 posizioni delle singole specialità, ha inizio per le Donne nel 1956, in coincidenza con i Giochi di Melbourne. Sono solo tre le atlete italiane che hanno riportato la prima posizione: un riconoscimento che è andato due volte a Sara Simeoni (per il 1978 e per il 1980) e ad Annarita Sidoti (per il biennio 1997-98) e, una sola volta (nel lontano 1970), a Paola Pigni. Nelle prime posizioni di questo Ranking storico si nota una prevalenza assoluta delle marciatrici che occupano più della metà del Top Ten femminile italiano (incrementata ancora nel 2016).

VERTICE – Per quanto riguarda le Specialità, ovviamente il primo posto tocca di gran lungo alla Marcia, cui va riconosciuto anche il pregio di una certa continuità. Anche il secondo posto dell’Alto, legato essenzialmente al duo Simeoni-Di Martino, è ancora attuale. Finalmente i compilatori del Ranking hanno riconosciuto nell’anno olimpico le qualità di Alessia Trost, penalizzata negli anni passati.

PRESENZE – Le più numerose nel Ranking sono proprio quelle di Sara Simeoni (11 volte), seguita da Elisa Rigaudo, che nell’anno di Rio ha raggiunto la sua decima presenza, una in più di Fiona May che ne ha collezionate 9. Si può infine notare che quasi tutte le specialità olimpiche hanno avuto almeno una citazione, ad eccezione degli Ostacoli, del Disco e dalle due di più recente introduzione, Asta e Siepi.

PUNTEGGI – Le classifiche sono elaborate in base al semplice criterio adottato da T&FN: 10 punti per il primo, 9 per il secondo e così a scendere, fino al decimo cui va un punto.

 

Top Ten – Atlete
Top Ten – Specialità
Gara per gara [1956-2016]

 


 

 

Cerca