- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Ranking T&FN - Uomini

PDFPrintE-mail



RANKING T&FN – UOMINI

 

1947 - 2016

 
 
La stesura del Ranking di Track&Field News, la rivista californiana che censisce annualmente l’atletica mondiale stabilendo un ordine di merito per le prime 10 posizioni delle singole specialità, ha inizio nel 1947. Per quella prima stagione, negli elenchi figuravano quattro italiani (per il 2016 ne abbiamo solo tre, e non nelle prime posizioni, …): il piazzamento migliore (un 3° posto) era allora di Adolfo Consolini, seguito da Beppe Tosi (4°), poi dal maratoneta napoletano Salvatore Costantino (6°) e da Ottavio Missoni (9°), appena rientrato dalla lunga prigionia.

N. 1 AL MONDO – Solo 15 volte la prima posizione mondiale è stata appannaggio di un atleta italiano. Questo riconoscimento è andato quattro volte proprio a Consolini (in anni tra il 1948 e il 1955) e tre a Pietro Mennea (tra il 1977 e il 1980). Altri cinque atleti hanno avuto tale designazione per almeno due anni: in ordine di tempo, Berruti, Morale, Frinolli, Damilano e Antibo. Per l’ultima volta, il titolo di N. 1 al mondo è approdato in Italia nel 2008 per merito di Alex Schwazer (poi, alla vigilia Londra, miseramente naufragato nella palude del doping e di nuovo squalificato sulla strada di Rio).

FREQUENZE – Per quanto riguarda le singole specialità, le prime posizioni toccano di diritto alla Marcia, cui va riconosciuto anche il pregio di una certa attualità, e tenuta ora in alto dalle marciatrici. Di rilievo il secondo posto del Disco, legato all’epopea Consolini-Tosi del lontanissimo dopoguerra. Così come il terzo posto attribuito ai 200 metri è da ascrivere soprattutto ai successi olimpici della coppia Berruti-Mennea. Il più assiduo nel Ranking resta Maurizio Damilano, 14 volte presente negli anni che vanno dal 1977 al 1992, con la sola eccezione del 1979. Un record destinato a durare a lungo. Si ricordi che tutte le specialità olimpiche hanno avuto nel tempo almeno una citazione, come capita per il Decathlon la cui sola apparizione, grazie a Franco Sar, risale al 1960.

PUNTEGGI – Le classifiche sono elaborate in base al semplice criterio adottato da T&FN: 10 punti per il primo, 9 per il secondo e così a scendere, fino al decimo cui va un punto.

 

Top Ten – Atleti
Top Ten – Specialità
Gara per gara [1947-2016]


 

 

 

 

 

 

 


 

Cerca