- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Fabbri

PDFPrintE-mail

Giovan Battista Fabbri

Se ne è andato a 89 anni. Lo si ricordava per essere stato lo scopritore e il mentore (“padre, fratello, zio”) di Paolo Rossi, il fracile ragazzino con le ginocchia a pezzi che lui aveva trasformato nel “Pablito” del mondiale ‘82. Ma Gibì è stato molto di più, prima calciatore di fatica e poi allenatore. Un allenatore d’avanguardia, innovativo, fuori dal tempo. Profeta inascoltato di un calcio totale, quando ancora non s’erano diffusi gli arzigogoli delle tattiche. Il suo biglietto da visita resta il secondo posto raggiunto dal Vicenza di Giuseppe Farina nel campionato 1977-78, a cinque punti dalla Juventus. Quel Vicenza “provinciale” che l’anno prima aveva portato a vincere il torneo di B grazie anche ai 21 gol di Paolo Rossi (l’anno seguente capocannoniere di A con 24 reti prima di tornare alla Juve, ceduto alle buste per 2 miliardi e 612 milioni di lire). Ma non c’è stato solo Rossi nella sua carriera. Una lunga stagione in panchina, quella di Fabbri, spesso condannato a retrocedere, in altalena tra B e C, e col rimpianto di non aver mai potuto allenare una “grande”. Ma restando sempre fedele al credo di un calcio soprattutto godibile, in anticipo sui tempi, e non capito a pieno. Come si è rammaricato fino agli ultimi giorni. Gibì si è spento nella serata del 2 giugno in una casa di cura di Ferrara. Era nato a San Pietro in Casale, alle porte di Bologna, l’8 marzo 1926.

 

Cerca