- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

www.sportolimpico.it

Giornalismo / Giorgio Bocca: Antitaliano anche nello sport

PDFPrintE-mail

Lunedì 16 Gennaio 2012

(gfc) Con la recente morte di Giorgio Bocca [1920-2011] scompare un certo giornalismo fatto di sostanza e profonditĂ , di ricerca e pensiero, un giornalismo non di maniera, lontano (escluso?) dai salotti televisivi e ancor piĂą da corridoi e anticamere di politici e di potenti. Ho amato gli scritti di Bocca proprio per quella sua insondabile capacitĂ  di riuscire “vero” in ogni frangente, fedele ad un modo di esserlo anche negli errori, che non sempre gli era agevole ammettere. Con una testardaggine tutta piemontese, ma anche con una severitĂ  della quale finiva per essere vittima egli stesso per primo. Mi è parso giusto, per questo, proporre qui un suo scritto, conservato per anni nella mia personale “antologia”, un articolo pubblicato su uno “speciale” di Abitare (219 bis / novembre 1983) edito in vista dei Giochi di Los Angeles. L’atteggiamento di Bocca nei riguardi dei crescenti eccessi dello sport (si pensi, per attualitĂ , alla bislacca idea di voler organizzare un’Olimpiade a Roma nel … 2020), movendo da esperienze giovanili acquisite come modesto sciatore nel GUF – ricordate nel libro che piĂą gli somiglia, Il Provinciale – è stato improntato a posizioni severamente critiche.

Read more...

 

Ginnastica / En plein azzurro per Londra

PDFPrintE-mail

Giovedì 12 Gennaio 2012

I risultati del Visa International di Londra (10 e 11 gennaio), Test event di qualificazione olimpica, si sono tradotti in un grosso successo per la ginnastica italiana che ai Giochi sarà ora presente al gran completo: 17 atleti in totale con entrambe le squadre di Artistica e con quella di Ritmica, che con il fresco titolo mondiale in bacheca partirà come favorita. Una importante rivincita dopo i Mondiali di Tokyo che avevano lasciato molto amaro in bocca all’Artistica, in specie per le ragazze arenatesi a un beffardo 9° posto di qualificazione, prime delle escluse, ma ancora di più per i ragazzi di Maurizio Allievi che, col 16° posto di qualificazione, avevano addirittura rischiato di uscire del tutto. Tutt’altra aria a Londra dove il sestetto dei “vecchietti”, come si definiscono scherzandoci un po’ sopra – Matteo Angioletti, Alberto Busnari, Matteo Morandi, Paolo Ottavi, Enrico Pozzo e Lorenzo Ticchi – ha saputo riscattarsi dalla delusione giapponese agguantando il quarto posto, l’ultimo utile per staccare il “passi” olimpico, a spese del Canada rimasto fuori per una frazione di punto. Da Volteggio e dagli Anelli sono arrivate le spinte decisive.

Read more...

 

Atletica / Il ranking 2011 di T&FN: italiani allanno zero

PDFPrintE-mail

Mercoledì 3 Gennaio 2012

Com’era prevedibile, il Ranking annuale dell’autorevole Track & Field News – giunto alla 65.a edizione e reso noto nell’ultimo giorno dell’anno – ha confermato il plateale regresso in atto per l’atletica italiana sul piano internazionale, proseguito anche nella stagione 2011. Con solo due uomini inseriti tra i “primi 10” dell’anno (un 9° posto per Nicola Vizzoni e un 10° per Fabrizio Donato, due coraggiosi veterani), il confronto è retto in maniera appena più dignitosa dalle tre ragazze presenti, ma collocate in posizioni più elevate. Vediamo nel dettaglio: ad Antonietta Di Martino – unica azzurra salita sul podio ai mondiali – è stato confermato il terzo posto colto a Daegu, così come ad Elisa Rigaudo è stata assegnata la quarta posizione colta in gara. New entry il settimo posto di Simona La Mantia, la cui stagione all’aperto non ha però retto il confronto con quanto la triplista siciliana ha saputo fare al chiuso. Null’altro: non era mai andata tanto male. Un regresso ancora più vistoso se si consideri la classifica a punti che vede i maschi scendere al 46° posto (assieme ad Antigua e Tajikistan …), mentre la caduta delle donne si ferma al 12° posto.

Read more...

 
 

Hockey prato / In India per una (difficile) qualificazione

PDFPrintE-mail

Lunedì 27 Dicembre 2011

Un sottile spiraglio per Londra si apre le due Nazionali azzurre, ammesse entrambe al torneo di qualificazione di Nuova Delhi (18/26 febbraio 2012). Un tentativo quasi impossibile: si tratterà di vincere il concentramento, visto che solo la prima verrà ammessa ai Giochi. Impresa più disperata per la squadra maschile di Roberto Da Gai (n° 28 del ranking FIH), ripescata all’ultimo momento per la rinuncia dell’Egitto, che se la dovrà vedere almeno con l’India (n° 10) e con il Canada (n° 11). Per le ragazze di Fernando Ferrara (n° 19 del ranking internazionale) le avversarie più temibili saranno il Sud Africa (n° 12) e ancora l’India (n° 13).

Read more...

 

Scherma / La scomparsa di Luigi Carpaneda

PDFPrintE-mail

Sabato 17 Dicembre 2011

Se ne è andato a 86 anni travolto sulle strisce mentre rientrava a casa dopo una sosta all’edicola, come ogni mattina. Principe dell’esistenza, nelle sue mille vite Luigi Arturo Carpaneda era stato alpino per obbligo, poi schermidore per scelta, ingegnere per predisposizione, e infine velista per scelta. Proprio sul mare aveva vissuto gli anni più intensi. Il suo primo amore era stato la scherma alla quale s’era avvicinato a 24 anni, nel 1949, con ancora addosso i segni della guerra che per lui aveva significato una deportazione in Germania e l’invio al fronte russo. Era stato tra gli ultimi a rientrare da quell’inferno di ghiaccio dopo una lunga odissea affrontata per lo più a piedi. Strappando il tempo agli studi universitari, con quell’impasto di destrezza e di furbizia che lo sosteneva in pedana, già nel 1953 era entrato nella selezione nazionale, in tempo per far parte della squadra che vinse il titolo olimpico a Melbourne 1956. Con lui – come mostra una copertina de Lo Sport Illustrato di Emilio Di Martino – c’erano Edo Mangiarotti, Manlio Di Rosa, Giancarlo Bergamini, Vittorio Lucarelli, Antonio Spallino, destinato a metterà a segno la stoccata decisiva.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 Next > End >>

Page 309 of 327

Cerca