- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

www.sportolimpico.it

CONI / Le dimissioni di Pagnozzi e Petrucci dalla CONI Servizi

PDFPrintE-mail

Venerdì 22 febbraio 2013

La notizia era nell’aria e non ha stupito più di tanto che sia arrivata a soli tre giorni dall’elezione di Giovanni Malagò al vertice del CONI. La circostanza che Giovanni Petrucci e Raffaele Pagnozzi, gli sconfitti della tornata elettorale, fossero rispettivamente presidente e amministratore delegato della CONI Servizi SpA – come dire della “cassaforte” del Comitato Olimpico – proponeva l’opportunità di un rapido chiarimento nei rapporti di forza. Chiarimento che oggi è arrivato intorno all’ora di pranzo, sotto forma delle dimissioni rimesse da entrambi nelle mani del ministro dell’Economia Vittorio Grilli. Una decisione saggia che sgombera il campo e rende più agevole il lavoro dei nuovi eletti. Il mandato dei due dimissionari avrebbe avuta la sua scandenza naturale non prima del 30 giugno 2014.

Read more...

 

CONI / Convivenza possibile tra CONI e CONI Servizi?

PDFPrintE-mail

Giovedì 21 febbraio 2013

3 donne

 

Mentre si va posando la polvere sollevata dalla rovinosa caduta di Pagnozzi (50 a 26 per lui davano le previsioni dei suoi …) e in attesa che Giovanni Malagò si assesti sulla poltrona di presidente (prima uscita: all’estero, Euroindoor di atletica), gli analisti cercano di capire cosa sia realmente accaduto al Foro Italico. E, soprattutto, cosa si prepari ad accadere. Uno scenario di difficile interpretazione, stante le situazioni consolidate. Che muovono, nello specifico, dalla convivenza obbligata tra gli uomini e le donne del CONI “istituzionale”, cioè dagli eletti a pieno titolo per il quadriennio, e coloro che siedono al vertice della CONI Servizi, la struttura operativa che gestisce dipendenti e cassa pubblica dello sport. Che, guarda caso, sono Giovanni Petrucci e Raffaele Pagnozzi, i due sconfitti di questa tornata elettorale i quali, salvo errori, resteranno in carica fino al 30 giugno 2014. Un periodo che comprende, ove non si fosse notato, i Giochi Invernali di Sochi. E allora?

Read more...

 

Piste&Pedane (4) / Tre scoppiettanti primati: Tumi, Campioli e Bruni

PDFPrintE-mail

Martedì 19 febbraio 2013

Agli Assoluti al coperto esplode la linea verde (66 anni in tre): Michael Tumi 6"51, Silvano Chesani 2,33, Roberta Bruni 4.60. Un vero cambio di passo?

tumiSe non è proprio una rivoluzione, poco ci manca. Potrebbe essere questa la chiave di lettura per gli Assoluti al coperto di Ancona (sabato e domenica scorsa). Che hanno fatto punto a capo con una certa atletica ante Alfio Giomi, presidente in carica solo dal 2 dicembre. Troppo poco per dar credito a pozioni miracolistiche (come non ricordare Spalato ’90 e gli entusiasmi attorno al “nuovo” di Gianni Gola e dello stesso Giomi?), ma anche la verifica di un reale cambio di passo, un approccio diverso rispetto alla soporifera gestione di Franco Arese. Dieci anni persi. Il futuro dirà presto se la strada imboccata è quella giusta. Non si chiedeva la luna alla nuova dirigenza (“nuova” è un modo di dire, dal momento che stiamo parlando di un “usato sicuro” che più usato non si può), ma solo la volontà di restituire all’atletica di base quell’entusiasmo e quella sfrontatezza senza cui non si va da nessuna parte. E, soprattutto, di tornare ad occuparsi da vicino degli atleti e dei loro problemi.

Read more...

 
 

CONI / Giovanni Malago nuovo presidente del Comitato Olimpico

PDFPrintE-mail

Martedì 19 febbraio 2013

Lo sfidante Malagò eletto con 40 voti contro i 35 di Pagnozzi. Costituita la nuova Giunta. Roberto Fabbricini segretario generale.


pres malago

Roma, ore 11. Aria nuova al Foro Italico. Giovanni Malagò, 54 anni, l’uomo nuovo, l’outsider che i “grilli parlanti” indicavano come la vittima designata, viene eletto presidente del CONI ai danni del favoritissimo Raffaele Pagnozzi, 65 anni, l’uomo dell’apparato, al CONI sin dal 1° settembre 1973. E che aveva il vantaggio, non trascurabile, di giocare tra le mura di casa dopo vent’anni da segretario generale. Una votazione dal risultato annunciato e che invece si è tradotto in un trionfo per il presidente del Circolo Aniene al quale va riconosciuta la serietà con la quale ha condotto la sua campagna e la validità del programma proposto nell’affrontare il difficile confronto. Una bella notizia per chi, come noi, ha sempre sperato che un giorno lo sport italiano riuscisse a liberarsi dai condizionamenti – stavamo per scrivere “dalla casta” – che lo hanno ingabbiato per almeno trenta/quarant’anni. Oggi si cambia: si spalancano i finestroni del Palazzo H e, finalmente, entra un po’ d’aria fresca. Sarebbe una grave colpa sprecare quest’occasione.

Read more...

 

Sci alpino / Mondiali in tono minore, ma nella sufficienza

PDFPrintE-mail

Lunedì 18 febbaio 2013

paris_2Tre volte sul podio – due argenti e un bronzo il bilancio finale – ai Campionati Mondiali di Schladming. Un passo indietro rispetto a due anni fa, soprattutto per la mancanza di quel titolo vinto a Garmisch nel Super-G (col contorno di altre due medaglie) dall’allora emergente Christof Innerhofer. In quale ultimo è stato qui l’eroe in ombra di questa edizione, mai al meglio per quel mal di schiena dal quale non riesce a liberarsi. Malgrado tutto per gli azzurri il bilancio che può ritenersi sufficiente, ma lontano dalle attese un po’ ottimistiche della vigilia. Su tutti si pone il “metallaro” Dominik Paris (nella foto) che – sull’eco dei successi di Bormio e Kitzbühel – è stato pienamente all’altezza, preceduto in Discesa solo dal Aksel Svindal, e quindi primo degli umani. Un secondo posto che si traduce in una conferma e in un bel viatico per imboccare il sentiero che porta a Sochi 2014.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 Next > End >>

Page 302 of 346

Cerca