- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Scherma / La scomparsa di Luigi Carpaneda

PDFPrintE-mail

Sabato 17 Dicembre 2011

Se ne è andato a 86 anni travolto sulle strisce mentre rientrava a casa dopo una sosta all’edicola, come ogni mattina. Principe dell’esistenza, nelle sue mille vite Luigi Arturo Carpaneda era stato alpino per obbligo, poi schermidore per scelta, ingegnere per predisposizione, e infine velista per scelta. Proprio sul mare aveva vissuto gli anni più intensi. Il suo primo amore era stato la scherma alla quale s’era avvicinato a 24 anni, nel 1949, con ancora addosso i segni della guerra che per lui aveva significato una deportazione in Germania e l’invio al fronte russo. Era stato tra gli ultimi a rientrare da quell’inferno di ghiaccio dopo una lunga odissea affrontata per lo più a piedi. Strappando il tempo agli studi universitari, con quell’impasto di destrezza e di furbizia che lo sosteneva in pedana, già nel 1953 era entrato nella selezione nazionale, in tempo per far parte della squadra che vinse il titolo olimpico a Melbourne 1956. Con lui – come mostra una copertina de Lo Sport Illustrato di Emilio Di Martino – c’erano Edo Mangiarotti, Manlio Di Rosa, Giancarlo Bergamini, Vittorio Lucarelli, Antonio Spallino, destinato a metterà a segno la stoccata decisiva.

Un 9-7 sulla Francia che non battevamo da vent’anni. Una rivincita celebrata all’epoca quasi come un trionfo nazionale. E sfiorato quattro anni più tardi, a Roma, in uno dei momenti più difficili per la federazione della scherma. Della squadra di Melbourne restavano in campo solo Carpaneda e l’eterno Mangiarotti, impegnato anche come commissario della federazione e come giornalista. Gli altri erano Alberto Pellegrino, Aldo Aureggi e Mario Curletto. Sarà medaglia d’argento, con la squadra piegata in finale dai sovietici per 9-4. Fra queste esperienze olimpiche un titolo mondiale a squadre nel 1955 a Roma e una medaglia di bronzo nel 1957 a Parigi.

Dopo i Giochi di Roma, nel 1963, Carpaneda lasciò definitivamente le pedane per dedicarsi alle sue diverse attività industriali. Ma continuando a prestarsi da dirigente, fino a impegnarsi come consigliere federale e come presidente della “Società del Giardino”, il suo unico club. Sempre con quel modo innato, nobile e onesto, di intendere e vivere lo sport e che ne caratterizzava l’esistenza. Fino alla scelta del mare, anche qui da protagonista, con i tre titoli iridati vinti nella classe Three Quarter Ton, il primo dei quali colto nel 1983. Dalla sua base de La Maddalena, il commodoro Carpaneda è stato cinque volte capitano in Admiral’s Cup oltre che presidente onorario della prima sfida di Mascalzone Latino. Animatore dello Yacht Club Porto Rotondo e dello Yacht Club Costa Smeralda, nel 1996 ha ricevuto il premio Yacht Digest per il miglior restauro dell’anno: quello su Dan – un 6-metri S.I. costruito nel 1930 per il re danese Cristiano X e ritrovato abbandonato nel porto di Marsiglia – eseguito a Bellagio nel cantiere di Erio Matteri.

Nato a Milano il 28 novembre 1925, Luigi Arturo Carpaneda si è tragicamente spento nella sua città il 14 dicembre 2011, ancora pieno di energia e di progetti. Come hanno scritto i suoi familiari nel necrologio, Carpaneda è stato “un uomo vero per il quale la stretta di mano valeva più di un contratto, ma anche una persona di rara simpatia e ironia”. Un uomo cui la vita ha regalato molto, ma tolto anche tanto dispensando grandi dolori. Tra le centinaia di onorificenze che ne hanno punteggiato l’esistenza, da poco aveva ricevuto anche l’Ambrogino d’Oro. L’ultimo riconoscimento di una vita straordinaria per un milanese antico.

Но сейчас он "Коровушка-буренушка" по крайней мере отмылся.

Люк, "История костюма Стили и направления" ты лабиринтов призрак, объяснил я.

Мой "Никому не прощу" повелитель, Анакрон перешел ко "Барбоскины Пчелка" мне от предводителя орды джелфейтов, а от "Зачем тебе алиби" меня перешел к тебе.

Он "Эйсид Хаус" кивнул, и мы медленно "Wizard of Oz" двинулись к возвышавшейся голубой горе.

Я "В подводном лесу" уже свыклась с историей отца, "Боль в коленях Как вернуть подвижность суставу" только иногда возникает немного необычное чувство.

Полоса полной, растекающейся "Телефон" волнами черноты простиралась вокруг нас.

 

Cerca