- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Amarcord / Renato Funiciello, scienziato e uomo d'atletica

Giovedì 3 Luglio 2014

funiciello

(gfc)
Oggi avrebbe compiuto 75 anni. Renato Funiciello [Tripoli, 3 luglio 1939 – Roma, 16 agosto 2009] è stato tra i maggiori vulcanologi europei, docente universitario e preside di Geologia a Roma-3, vice-presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica. Mio amico. Ma soprattutto razionale e appassionato allenatore e dirigente d’atletica nel Club Atletico Centrale di Berra, prima, e poi nel CUS Roma, qui in sintonia con Oscar Barletta. Tra i suoi allievi piĂą noti figurano Carlo Sacchi, Umberto Risi, Giuseppe Troilo, Elio Sicari, Gianni Del Buono. Profeta della corsa in libertĂ  e priva di condizionamenti (“il cross è mezzofondo”, ripeteva), convinto fautore del valore dell’allenamento di gruppo, è stato un assertore del primato formativo dell’atletica collocandola, nel suo impegno come tecnico, al centro di un naturale accrescimento morale della persona prima che dell'atleta. Una sua frase da ricordare: “non c’è nessun eroismo nell’allenarsi quotidianamente e duramente perchĂ©, fuori da qualsiasi posizione fanatica, la corsa si traduce in un piacere profondo”. (Nella foto, a destra, sul campo dell'Acquacetosa assieme a Mario Gulinelli, primo in Italia a tradurre per il CUS testi tecnici dal russo e dal tedesco; sulla scaletta un giovanissimo Sandro Aquari).

Read more...

 

Piste&Pedane (9) / Ancora in crescita Federica Del Buono

Mercoledì 2 Luglio 2014

Archiviato senza entusiasmi (e senza processi, a quanto pare) il settimo posto agli Europei a squadre di Braunschweig (raggiunto a fatica nella seconda giornata dopo una prima disastrosa), negli ultimi giorni la stagione ha presentato pochi risultati di rilievo, per lo piĂą incentrati sui campionati regionali. I due maggiori riscontri sono giunti dal metting di ieri, a Velenje, con il secondo posto di Federica Del Buono sui 1500 in 4'07"56 (a 22/100 dalla serba Amela Terzic), miglior risultato dell'anno sulla distanza, con un taglio di oltre 5" sul precedente limite. Risultato tanto piĂą indicativo, quando si considerì che Federica - figlia di Gianni Del Buono ed allenata dalla madre Rossella Gramola - compirĂ  20 anni solo a dicembre. Nella stessa riunione si è rivisto Daniele Meucci sceso a 13'36"83 all'esordio stagionale sui 5000. 

Read more...

 
 

Calcio / Tavecchio verso la presidenza: e il cambiamento?

Martedì 1° Luglio 2014

abeteAllora, il prossimo 11 agosto dovremmo avere il nuovo presidente della Federalcio (in caso contrario ci sarĂ  l'ennesimo commissariamento da parte del CONI). Questo il responso della riunione del C.F. tenuta ieri in Via Allegri e che è servita, se non altro, a guardarsi in faccia e a mostrare i muscoli. Le dimissioni di Giancarlo Abete, annunciate in diretta TV a seguire quelle di Cesare Prandelli, hanno aperto un periodo che, non è difficile prevedere, sarĂ  pieno di insidie e di imboscate. Secondo la peggiore tradizione dello sport nazionale. Sullo sfondo vigila/controlla l'interessato CONI di Malagò sempre piĂą attento alle vicende dello sport principe e che il calcio pare non averlo mai amato, anche se poi è stato costretto a prenderselo in Giunta, smentando i roboanti annunci pre-elettorali. Il quadro si complica se si tiene poi conto dei difficili rapporti in gioco per l'elezione del prossimo governo della FIGC, equilibri complicati tra le diverse componenti federale, tenute assieme col bilacino dello speziale. Vediamo.

Read more...

 
 

GO 2022 / Invernali: si ririra anche l'ucraina Lviv

Lunedì 30 Giugno 2014

A seguito della complessa situazione politica ed economica che sta attraversando il paese, l'Ucraina ha ritirato la candidatura di Lviv per i Giochi Olimpici Invernali del 2022. La decisione è stata presa di comune accordo tra il premier Arseniy Yatsenyuk e il presidente del C.O. Sergey Bubka e comunicata in queste ore al presidente del CIO Thomas Bach. In effetti, piĂą che di un ritiro, si trattarebbe di uno spostamento in avanti, con l'intenzione di far concorrere la stessa cittĂ  ai Giochi del 2026, quando - almeno si spera - le attuali tensioni si saranno attenuate e il quadro generale sarĂ  rientrato nella normalitĂ . Si assottiglia così sempre di piĂą il numero delle localitĂ  interessate al 2022. Alle defezioni di Monaco di Baviera, St-Moritz e del consorzio polacco Cracovia/Zakopane, si aggiunge ora Lviv. Alla corsa risultano ancora iscritte la kazaka Almaty, Pechino e Oslo, anche se su quest'ultima cittĂ  pende un referendum confermativo dei cittadini.          
 

Calcio / La Nazionale e il momento storico del Paese

Giovedì 26 Giugno 2014

LUCIANO BARRA
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

I commenti sul fallimento della spedizione azzurra in Brasile proseguiranno a lungo, si continuerà a dibattere sul 4-3-3 o 3-4-3 o 4-1-4-1, sui vecchi contro i giovani o amenità del genere. Chi scirve con comprende come mai - e per questo le doppie dimissioni si giustificano - i vertici politici e tecnici della Federcalcio non abbiano colto lo spirito del Paese che sta cercandoi di cambiare in fretta. E' chiaro ed evidente che l'attuale leader politico italiano (guarda caso anche lui di Firenze, anzi di Pontassieve, e quindi molto prossimo a Coverciano) stia facendo un sforzo per fare diventare l'Italia un Paese "normale". Sarà demagogia, o sarà necessario, ma gli attuali approcci dei politici stanno per forza di cose cambiando. La riduzione delle spese della politica resta, e resteranno, tra gli obiettivi primari del nuovo Governo. Il nostro Presidente del Consiglio, quando può, cerca di stare tra la gente o addirittura di andare per via in bicicletta, come fanno da sempre i sovrani scandinavi. Peccato che la "sicurezza" non gli permetta di più.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 Next > End >>

Page 194 of 261

Cerca