- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti:
Librerie on-line oppure
rimesse intestate a
Garage Group Srl  -  Roma
C/C Postale: 001016765412
Accr. Bancario IBAN:
IT19E0760103200001016765412
(spedizione gratuita)

Per informazioni:
info@garagegroup.it
fax 06-23.32.08.416

Atletica / Addio a Gabre Gabric, nobildonna dello sport

Domenica 20 Dicembre 2015


gabric


(gfc) Ljubica Gabre Gabrič, nobildonna dell’atletica italiana, si è spenta a Brescia mercoledì 16 dicembre. Ultima superstite della squadra olimpica di Berlino, città che aveva raggiunto in treno partendo da Firenze assieme al gruppo dell’atletica guidato dal marchese Ridolfi. Aveva (forse) 101 anni. E in questo confortano le ricerche fatte da suo genero Eddy Ottoz, spintosi fino agli archivi di Ellis Island, il centro dell’emigrazione europea verso gli Stati Uniti. (Anch’io ho scavato a lungo i registri dell’isola, sulle tracce sbiadite dell’emigrazione di casa mia, articolata in più generazioni, prima di pubblicare il libro più emozionante che mi è capitato di scrivere, quello sulla mia “Grande Famiglia”, oggi radicata in tre continenti, ma non dispersa. Anzi, consiglierei a chi oggi sproloquia sugli italiani, popolo di confusa emigrazione, di dare un’occhiata a quei registri, consultabili su Internet). Eddy, ha scoperto negli archivi americani che la piccola Liubizza Gabrich, di nove anni di età, dopo la morte della madre, accompagnata dal padre Martin sbarcò a New York – partendo da Trieste sul piroscafo “President Wilson” –, diretta a Chicago presso uno zio, un fratello del padre che si chiamava (forse) Phil. Era il 23 novembre 1923. (I registri navali riportavano non l’anno di nascita, ma solo l’indicazione dell’età).

Read more...

 

Walk of Fame / Lettera aperta al presidente Malago'

Mercoledì 16 Dicembre 2015 

di ALBERTO BRAGLIA (tramite SANDRO AQUARI)


braglia


Gentile Presidente Malagò,

sono Alberto Braglia e mi scuso se la disturbo per una cosa, in fondo, di poco conto. So che Lei, come Numero Uno dello sport italiano, ha tanti pressanti impegni: il prossimo anno ci saranno le sue prime Olimpiadi estive e vuole giustamente fare bella figura e, inoltre, mi dicono che sta lavorando a un sogno, quello di riportare i Giochi Olimpici in Italia. Glielo auguro di cuore. Io, qui dove sono da oltre un sessantennio, invece ho poco da fare, ogni tanto qualche capriola ma nulla di piĂą.

Lei ha sicuramente sentito parlare di me, sennò non sarebbe il Presidente del CONI: in fondo sono ancora tra i venti atleti italiani che hanno conquistato almeno tre medaglie d’oro olimpiche, in anni dove la ginnastica non le regalava a piene mani come oggi. Inoltre di questi tempi il mio nome è tornato un po’ alla ribalta grazie al calcio e al Carpi che in Serie A le sue sfide casalinghe le gioca nello stadio della mia Modena intitolato proprio al mio nome, un regalo che i miei concittadini mi hanno voluto fare nel 1957, tre anni dopo la mia dipartita.
Ma veniamo al motivo di questa lettera.

Read more...

 
 

Intervista con Luciano Barra / Il CONI, Malago' e Roma 2024.

Lunedì 14 Dicembre 2015

MALAGO-8

(gfc) A poco piĂą di sette mesi dai Giochi Olimpici di Rio de' Janeiro, cominciamo ad esaminare come lo sport italiano si stia avvicinando a questo appuntamento. Con l'obiettivo puntato su Roma 2024 che sembra aver assorbito tutte le energie del Comitato Olimpico. Per iniziare pubblichiamo una intervista con Luciano Barra, un osservatore unico per la conoscenza del mondo olimpico che anche ai piĂą distratti appare giunto a un bivio decisivo per il suo futuro. 


Luciano, per cominciare, cosa è accaduto fra te e Giovanni Malagò? Mi pare di ricordare che, prima e durante le elezioni, tu fossi stato un suo grande supporter. Ora, invece, lo attacchi spesso. Perchè?

- Da tempi non sospetti, credo dal 2007, ho fatto il tifo, e non solo, per lui. Il CONI aveva bisogno di un cambiamento per uscire dalla mediocritĂ  che si rifletteva soprattutto sui risultati olimpici, sulla promozione dello sport a livello nazionale e sulla nostra inconsistenza a livello internazionale. Poi, per la veritĂ , sotto elezioni credo di aver fatto qualcosa di piĂą.

Read more...

 
 

Rio 2016 / Ultima proiezione: l'Italia risale tre posizioni

Giovedì 10 Dicembre 2015

di LUCIANO BARRA

vela-1

In questi giorni si chiude la stagione 2015, occasione utile per presentare il riepilogo finale delle mie "Proiezioni" in vista di Rio 2016 (si tenga conto che alla Tabella per medaglie conquistate mancano solo quelle del Mondiale di Handball femminile che si assegneranno il 20 Dicembre in Danimarca). Gli ultimi Campionati Mondiali che hanno "mosso" il riepilogo generale sono stati quelli di Sollevamento pesi (15 medaglie), del Trampolino di ginnastica (2 medaglie) e le residue 4 medaglie della Vela. Si è concluso anche il Ranking annuale del Tennis relativo alle 5 gare proposte dal programma. Elementi sufficienti a ridisegnare in maniera piĂą centrata il possibile medagliere di Rio. Con l'avvertenza, sempre da tenere a mente, che queste proposte non sono "Previsioni", ma solo "Proiezioni" in base ai risultati piĂą recenti.

Proiezione completa al 10 Dicembre (63 nazioni)
   

Read more...

 
 

Nuoto / La corazzata Italia fa rotta su Rio 2016

Martedì 8 Dicembre 2015

paltrinieri

Sono stati gli Europei di Gregorio Paltrinieri (nella foto) e di Federica Pellegrini, l'uno con lo straordinario record mondiale dei 1500, l'altra confermatasi regina dei 200. Ma non solo. A voler giudicare dai risultati della rassegna in vasca corta tenuta in Israele, gli azzurri del nuoto si accreditano come la punta avanzata dello sport italino in vista di Rio 2016. Se non altro come la piĂą nuova, con un bel gruppo di giovani e giovanissimi che hanno superato di slancio l'esame di ammissione alla grande ribalta internazionale. Risultati che nell'ultimo quadrienno hanno dato risalto alla struttura federale rilanciata da Paolo Barelli dopo il semi-flop di Londra. Struttura affidata a Cesare Butini, che sempre piĂą si va dimostrando inesauribile nel reclutamento ed eccellente nel rinnovarsi continuamente ad alto livello. Come, almeno in parte, oggi in Italia riesce solo alla scherma.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 Next > End >>

Page 154 of 248

Cerca