- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

   Direttore: Gianfranco Colasante    info@sportolimpico.it

Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Piste&Pedane (14) / Difficile verifica agli Europei a squadre

Mercoledì 19 Giugno 2013

Alla conclusione dei campionati italiani giovanili (Junior e U-23, con quattro primati di categoria) si può tentare un primo bilancio della stagione iridata. In attesa che più precise indicazioni vengano dagli Europei a squadre di Gateshead (22/23 giugno). Una verifica necessaria, perché va detto che a 53 giorni dall’apertura dei Mondiali di Mosca, sono pochini gli italiani che hanno conseguito il limite “A” di partecipazione (quello “B”, di recupero, ha valore più che altro per le nazioni di seconda fascia). I termini di qualificazione, apertisi il 1° ottobre 2012, scadranno il prossimo 29 luglio, il giorno dopo la conclusione degli Assoluti di Milano. Speriamo di sbagliarci, ma i riscontri del campo sembrano in ritardo rispetto ai rivolgimenti annunciati dal nuovo presidente Alfio Giomi e dal CT Massimo Magnani. Qualcosa pare essersi inceppato e anche i protagonisti dell’inverno – Trost, Tumi, Dal Molin –, per ragioni varie, paiono in ritardo. Anche le uscite americane di Daniele Meucci, il solo superstite del mezzofondo azzurro, non sono state all’altezza. Vediamo meglio nel dettaglio.

Read more...

 

Politica&Sport / Josefa Idem: una storia come tante …

Martedì 18 Giugno 2013

Sarebbe una storia come tante, se la protagonista non fosse la responsabile – per il governo Enrico Letta – della gioventù. Cioè proprio di quella fascia che più avrebbe bisogno di esempi positivi. Senza poi volersi riferire allo sport, ambito del quale è vigilante, dove la prima regola è (o, almeno, dovrebbe essere) la trasparenza e la lealtà. Difficile non sentirsi un po’ traditi per la fiducia riposta. Stiamo parlando della vicenda che – rivelata da fonti di stampa emiliana (La Voce di Romagna) e poi esplosa sulle prime pagine nazionali – riguarda la ministra (brutto neologismo che però ci viene imposto) Josefa Idem, grande e ultralongeva campionessa di canoa, la sola donna ad aver staccato otto partecipazioni olimpiche. Che ti fa allora la signora Idem? Nulla di straordinario, intendiamoci. Nulla che altre migliaia di cittadini italiani non abbiano già fatto, nelle pieghe di norme che pure lo consentono.

Read more...

 
 

Piste&Pedane (13) / La caduta di Usain Bolt e il ritardo degli italiani

Martedì 11 Giugno 2013

La settimana era incentrata sul Golden Gala del 6 giugno dedicato a Pietro Mennea, quinta tappa della Diamond League, rassegna che stenta a decollare. Che l’atletica abbia bisogno di trovare stimoli diversi, più innovativi, è notorio: che possa riuscire a farlo attraverso il circuito DL, dopo quanto si è visto finora, resta solo una speranza. E’ vero che la stagione è proiettata per tutti verso i Mondiali di Mosca, tra due mesi, ma il menù approntato finora pare piuttosto risicato. L’evento più eclatante della serata romana (50.000 gli spettatori, anche se il Comune aveva distribuito biglietti omaggio per la metà dei posti) è stata la caduta di Usain Bolt – battuto d’un centesimo dal più longevo dei velocisti di vertice, il trentunenne Justin Gatlin, già campione olimpico ad Atene 2004 – che ha fatto più rumore per come si è svolta la corsa, che per la sconfitta in sé. In gara fino a metà gara, il giamaicano è parso incerto nella seconda parte, sparita la sua straordinaria progressione. Si parla di ritardo di preparazione, forse di qualche mini-infortunio tenuto nascosto per via degli ingaggi. Ma qualcosa, almeno per quanto visto all’Olimpico, pare essersi inceppato nel suo motore. Una sconfitta, quella di Bolt (costato agli organizzatori del rientrato Gigi D’Onofrio 350.000 euro), che ha pesato in negativo sulla valutazione complessiva del meeting. Una valutazione sulla quale non incide la solita anonima ondata nera del mezzofondo.

Read more...

 
 

Politica&Sport / Gli annunci della ministra Idem

Venerdì 7 Giugno 2013

Settimana a tutto tondo per Josefa Idem, dal 28 aprile ministra del governo Letta. Alla commissione Cultura della Camera fa una lunga audizione nella quale – un po’ a sorpresa - riprende il tema della cittadinanza, già toccato dalla sua collega Cécile Kyenge. Motivo che aveva spinto il premier a ricordare a tutti che l’argomento “jus soli” non rientra nelle priorità dell’esecutivo. Il quale esecutivo affida ora il suo futuro alla commissione degli esperti che dovrà rivedere la seconda parte della Costituzione (difficile che lo Sport possa entrarne a far parte). Tempo per le riforme – come ha precisato il presidente Napolitano – 18 mesi, non trattabili a nessun costo. Subito dopo la signora della canoa (nome il suo che, all’inizio della carriera, si trova scritto come Idem-Eichin) annuncia la partecipazione (assieme alla presidente della Camera, Laura Boldrini) a un convegno da tenersi a Palermo in occasione del Gay Pride. Poi finisce sui giornali, sia pure in buona compagnia, per una vicenda legata ai voli di Stato. E lo sport sul quale le compete vigilare?

Read more...

 
 

Piste&Pedane (12) / Veronica Borsi, principessa degli ostacoli (12"76)

Martedì 4 Giugno 2013


borsi


Quello che non t’aspetti. Veronica Borsi corre i 100 ostacoli in 12”76 e demolisce il primato nazionale di Marzia Caravelli che le è seconda, staccata di 30/100. Il tutto ad Orvieto, il 2 giugno, in un tranquillo meeting interregionale, al quale la neo-primatista era arrivata per collaudarsi sui 100 piani. Dopo il “personale” a 11”70, stimolata anche dalla presenza della Caravelli – che il giorno prima, al Terra Sarda, aveva chiuso in 13”00 – un’ora e quattro minuti più tardi si schiera sugli ostacoli. Portando in limite italiano ad un livello di buona levatura internazionale, con vento quasi nullo alle spalle (0,6). Una prima lettura aveva dato 12"75. Così la ragazza di Bracciano, allenata da Vincenzo De Luca, può riprendere da dove s’era fermata il 1° marzo scorso: a fianco del doppio record sui 60 al coperto (e il terzo posto agli Euroindoor di Göteborg) può ora affiancare il primo all’aperto. La riprova del buon momento degli ostacoli “bassi” (nelle stesse ore Micol Cattaneo si è confermata con un 13”04 ottenuto a Ginevra) è fissata ora al Golden Gala del prossimo giovedì. Per la prima volta quest’anno le tre ostacoliste si troveranno assieme.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 Next > End >>

Page 403 of 458

Cerca