- reset +

Giornale di attualita' storia e documentazione sullo Sport Olimpico in Italia

Direttore: Gianfranco Colasante  -  @ Scrivi al direttore -  - 
Gianfranco Colasante
BRUNO ZAULI
“Il più colto uomo di sport”

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-90-91661-8
Pag. 500  -  Euro: 20,00




Gianfranco Colasante
MITI E STORIE DEL GIORNALISMO SPORTIVO
La stampa sportiva italiana
dall’ Ottocento al Fascismo
(le oltre 400 testate dimenticate)

GARAGE GROUP SRL - ROMA
ISBN 978-88-909166-0-1
Pag. 352  -  Euro: 20,00




Per acquisti ed informazioni:
info@sportolimpico.it
info@garagegroup.it
Fax : 06.233208416
(Spedizione gratuita)

Amarcord / In ricordo di Luigi Gnocchi, primatista europeo

Martedì 21 Ottobre 2014

 

gnocchi


Nella carriera di Luigi Gnocchi – il miglior velocista italiano degli anni Cinquanta, scomparso sabato 18 ottobre a 81 anni – sono almeno tre le pagine scritte per la storia. Tutte racchiuse in un paio di mesi del 1956, la sua stagione migliore, conclusa a Melbourne quando, con la staffetta, mancò il podio olimpico per soli 9/100. Correva di preferenza i 100, ma sarebbe stato un grande duecentista, se si fosse allenato con maggiore intensità. Atleta filiforme e scattante, velocista naturale, alto 1.86 per 78 chili, aveva un fisico neppure paragonabile agli sprinter dei giorni nostri. Ma tutta l’atletica di quegli anni non conosceva le esasperazioni e gli isterismi odierni. Nato il 14 gennaio 1933 a Gallarate, s’era messo in luce nel 1952 vincendo le “Popolari”, la leva della Gazzetta dello Sport, quando i giornali sportivi erano traino al movimento. Ma poi all’atletica aveva finito per dedicare solo il tempo che gli lasciavano gli studi universitari (una volta laureato, la lascerà del tutto per dedicarsi alla professione di ingegnere).

Read more...

 

Basket / Parte il campionato: gli italiani sono solo in sei, ...

Lunedì 20 Ottobre 2014

(gfc) Sabato scorso, con l'anticipo Varese-CantĂą, ha avuto inizio il campionato di basket n. 93. Una stagione importante perchè nel 2015 ci sarĂ  l'Europeo che assegna i pass per Rio. In tempi di crisi (?), come novitĂ  maggiori ecco l'istant replay, esteso alla stagione regolare, e la web tv fatta in casa per aumentare una visibilitĂ  che resta un obiettivo. Sedici le squadre al via. il ruolo di favorita n. 1 va ancora a Milano. Vedremo se il pronostico sarĂ  confermato. In sede di presentazione sono stati annunciati i "quintetti" base. Sugli 80 giocatori di prima fascia, gli italiani risultano solo ... 6: Alessandro Gentile (Milano), Andrea Cinciarini e Achille Polmonara (Reggio Emilia). Luca Vitali (Cremona), Tommaso Raspino (Pesaro), Davide Pascolo (Trento). La maggior parte arriva ancora dagli USA, e non si tratta sempre di grandi nomi. Si potrĂ  obiettare che, in contraltare, i nostri tre migliori elementi giocano negli Stati Uniti (e un quarto potrebbe raggiungerli presto). Ma in ogni caso la faccenda solleva qualche imbarazzo, visto che stiamo parlando del campionato italiano. Ma, allora, non sarebbe piĂą opportuno togliere l'aggettivo italiano e chiamarlo piĂą correttamente campionato federale?    
 

Atletica / I 100 anni (forse) di Lyubica Gabric

Martedì 14 Ottobre 2014

gabric


(gfc) Oggi Ljubica Gabre GabriÄŤ, la nobildonna dell’atletica italiana, compie 100 anni. O, almeno, così dovrebbe essere. E in questo ci confortano le ricerche fatte da suo genero Eddy Ottoz, spintosi fino agli archivi di Ellis Island, il centro dell’emigrazione europea verso gli Stati Uniti. Eddy ha così scoperto negli archivi americani che la piccola Liubizza Gabrich, di nove anni di etĂ , dopo la morte della madre, accompagnata dal padre Martin sbarcò a New York – partendo da Trieste sul piroscafo President Wilson –, diretta a Chicago presso uno zio. Era il 23 novembre 1923. Quindi, c’è la conferma del 1914 come data di nascita e del centenario di oggi. (Per chi volesse approfondire, l’intera storia si può leggere sul sofisticato blog di Eddy, “appropó”, alla data del 17 ottobre 2003, …). Sempre Eddy – autorevole voce di famiglia, of course – dice però che la signora Gabre (mi piace osservare la dovuta deferenza) sostiene, o sosteneva, d’essere nata nel 1917.

Read more...

 
 

CONI / Quello che non t'aspetti: squalificato il presidente del CONI

Martedì 30 Settembre 2014


cio


(gfc) Fulmini sul palazzo H. Non bastassero i deludenti risultati della stagione agonistica (dopo le Olimpiadi di Sochi, bianche in tutti i sensi, si contano solo quattro ori nei vari mondiali 2013-14, … a fronte dei 20 francesi), l’abbandono dei giovani sempre meno attratti, la tragicomica elezione alla federcalcio, il ciclone doping che spira da Bolzano e che rischia di portare sul banco degli imputati l’intera gestione “politica” degli ultimi anni, ecco ora la squalifica di 16 mesi per il presidente Giovanni Malagò. Comminata dalla Federnuoto per avere lo stesso Malagò pronunciato – nella Giunta dello scorso 4 marzo – frasi lesive nei confronti di Paolo Barelli, presidente della FIN e membro egli stesso del governo del CONI. Un pasticcio che, a riandare alle origini, si può far risalire al 20 febbraio 2006 quando, nell’ufficio dell’allora sindaco Veltroni, vennero firmati gli atti della società mista Comune di Roma-Federnuoto per gestire i Mondiali di nuoto 2009: in quell’occasione Malagò assunse la presidenza.

Read more...

 
 

Atletica / Ricordo di Ottorino Mancioli, atleta, medico, artista, ...

Lunedì 29 Settembre 2014

mancioli


(gfc) Nel fine settimana era in programma a Milano (Arena) un convegno su Ottorino Mancioli presentato dal giornalista Walter Brambilla. Vi dirò più avanti chi è stato Mancioli. Qui mi preme ricordare d’averlo conosciuto molto bene, e frequentato, ai tempi della trasformazione del bollettino federale “Atletica” in una vera rivista illustrata. Operazione voluta da Pasquale Stassano, carismatico capo-ufficio stampa della FIDAL, stretto collaboratore di Bruno Zauli. Di quella operazione – malgrado fossi digiuno di esperienze giornalistiche – mi incaricò Stassano, sia pure sotto la sua guida. Alla FIDAL ero arrivato nell’inverno del 1964 quando lo stesso Stassano e l’allora presidente federale Giosuè Poli, un compassato gentiluomo d’altri tempi, mi avvicinarono al campo dell’Acqua Acetosa – il mio giardino delle delizie – proponendomi di andare a lavorare da loro. “Abbiamo bisogno di giovani, …”, fu quella la stesura del mio contratto, se vogliamo dirla così. Ebbe così inizio la mia bella avventura nel mondo dello sport.

Read more...

 
 
<< Start < Prev 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 Next > End >>

Page 292 of 366

Cerca